BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

domenica 19 ottobre 2014

Palermo - Cesena 2-1 7° giornata Serie A 2014/2015

PALERMO CESENA 2-1 (Dybala 33', Rodriguez 61' Gonzalez 91')



RISULTATO FINALE: PALERMO CESENA 2-1
Palermo CESENA 2-1. Iachini si gioca la panchina, il CESENA pretende di tornare alla vittoria in Serie A dopo quasi 12 mesi dall'ultima volta. Caso curioso, Mutu affossò proprio i rosanero al Barbera. Due squadre quindi in cerca dei tre punti per dare un scossa al campionato! Saluto prima della gara tra Vazquez e Brienza, intanto dagli spalti grande calore dei rosanero. Squadre che si stanno affrontando a viso aperto, ma Palermo molto falloso a centrocampo. Occasionissima per i padroni di casa: Vazquez verticalizza per Dybala sul filo del fuorigioco, Leali esce basso in tuffo e salva tutto, anche sulla ribattuta di Morganella! Perico non era salito, che errore al 7'! Spingono forte le Aquile e Dybala scheggia l'incrocio dei pali su punizione!!!
Cosa ha fatto col suo sinistro al 10', Leali era rimasto immobile. Ritmi che calano e CESENA che sta subendo e Bisoli si sposta sul 3-5-1-1. Defrel come interno destro non convince e Bisoli gli urla contro, Giorgi si scalda. Ancora 0 tiri in porta per il CESENA non pervenuto negli ultimi 20 metri. Ancora il Palermo insiste: Chochev dalla sinistra crossa bene in mezzo per Bolzoni che cerca il palo lungo, ma la sfera si stampa sul fondo, con Leali sulla traiettoria (27').
Ecco il momento di Giorgi al 32'che rileva Defrel ma anche il gol meritato del Palermo: da corner Dybala scambia con Vazquez e si accentra in area, Magnusson è in ritardo e dal suo sinistro magico la mette sul palo lungo dove Leali non ci può arrivare. 1-0 Palermo, CESENA troppo remissivo e in difficoltà nelle ripartenze che soffre tantissimo l'aggressività dei rosanero. Finisce il primo tempo con due minuti di recupero, CESENA che deve assolutamente cambiare marcia se vuole raddrizzare la gara.
La ripresa ricomincia con ancora il Palermo in avanti: corner di Dybala, Capelli anticipa Leali in uscita e Lazaar dai 15 metri prova il sinistro che finisce altissimo. Secondo cambio per Bisoli: out Perico e dentro Rodriguez al 53'. Passaggio quindi al 4-2-3-1, arriva così la prima occasione con Giorgi che innesca lo spagnolo ma spara di destro su Sorrentino che devìa in corner. Proprio dal corner, Andelkovic atterra ancora (era successo qualche minuto prima) Magnusson e si becca il giallo concedendo il rigore. Damato non ha dubbi, Rodriguez spiazza Sorrentino e CESENA che rialza la testa in maniera insperata al 61'!!! Reazione immediata del Palermo con Vazquez: il suo mancino colpisce il palo, una sventola dai 15 metri dove Leali non ci sarebbe mai arrivato!
Proprio lo stesso numero 20 del Palermo rifila una gomitata volante a Coppola che cade a terra rovinosamente lasciando momentaneamente il campo con la barella. Solo giallo, brutto episodio! Primo cambio per Iachini: dentro il Gallo Belotti per Chochev. Occasionissima CESENA: lancio lungo per Rodriguez che scatta sul filo del fuorigioco, Munoz lo teneva in gioco, arriva dentro l'area ma strozza troppo il tiro e Sorrentino si salva. Cosa si è mangiato Peter Pan al 67'!!!
Il Palermo sembra stordito, ma Brienza deve uscire per crampi. Ovazione del Barbera al 73' per l'ex e dentro Zè Eduardo. Nuova occasione per i padroni di casa: Vazquez da corner pesca Gonzalez, buono l'impatto di testa ma la traiettoria è centrale. Rischia grosso Coppola: piede a martello su Morganella, autore di una gomitata in precedenza, e solo giallo. Graziato al 75', con la panchina rosanero che chiedeva la massima sanzione a gran voce. E la sanzione arriva però tre minuti più tardi per atteramento dopo slalom di Belotti.
CESENA in 10 con Coppola espulso. Saranno dieci minuti di fuoco. Nel Palermo entra Emerson per Lazaar che aveva condotto una buona partita. Si gioca il tutto e per tutto Iachini: dentro Makienok nazionale danese per Munoz. Fuori quindi il capitano difensore per una torre all'87'. Brivido per il CESENA: Vazquez supera Rodriguez e dal limite calcia una sassata di sinistro, fuori di un soffio! 4' minuti di sofferenza per il CESENA e puntualmente arriva il colpo del ko: Dybala da corner pesca Gonzalez tutto solo e batte di testa Leali.
Esordio con gol per il difensore che fissa il risultato sul 2-1 e arriva la prima vittoria per i rosanero in campionato. CESENA messo ko con una prestazione sottotono, ma dopo il pareggio avrebbe potuto portare a casa un punticino. Vittoria ai punti per i rosanero che però hanno centrato due legni. Tanto lavoro ancora da fare in casa Cavalluccio in vista dell'Inter, non si possono concedere 45 minuti agli avversari.

PAGELLE - Diamo i numeri!

Leali 6: poche occasioni per scaldare i guantoni, con qualche buona uscita guadagna il "solito" buon voto. Graziato in due casi dai legni (uno per tempo), non deve chiedere scusa per le reti subite. CONTINUITA'
Perico 5: il Palermo trova nella sua corsia un punto debole. I primi minuti del primo tempo sono da cinema a luci rosse, pian piano prova a rimettersi in sesto senza gran successo. TALLONE D'ACHILLE
Capelli 6: da centrale non fa danni, questo è il suo mondo. Dybala e Vazquez ronzano, Danielone prende lo spray e li spaventa. DDT
Volta 6: regge bene contro i piccoletti rosanero, è uno dei migliori difensori delle squadre di medio/bassa classifica. Perde Gonzalez sul 2-1, impantanato tra i blocchi in area del Palermo. ALTO GRADO
Magnusson 5,5: un passo indietro rispetto all'esordio da leoni al Friuli, sono tre gli episodi che condizionano il sul voto. Dybala gli scappa sul primo gol, guadagna un "rigorino" e va in bambola sulla rete di Gonzalez. MALINO IL BIS
Defrel 4,5: 30 minuti di nulla assoluto. Tre palloni toccati, altrettanti persi. Bisoli si pente amaramente di averlo schierato dall'inizio ma non è colpa del mister: il francese è imprevedibile come il clima in estate sulle Alpi. TERRIBILE
De Feudis 5,5: ok in fase di contenimento contro il folto centrocampo avversario, se c'è da spingere il pallone non passa certo da lui. Ha il pregio di non sbragare come Coppola. REGISTA? NO, GRAZIE
Coppola 5: il Cesena non crea gioco, lui e il Conte non sono gli uomini adatti ad azionare la macchina. L'assenza di Cascione si fa sentire eccome, nel finale perde la testa con un doppio giallo. TESTA ROSSA
Renzetti 6: i romagnoli provano a dar fastidio affidandosi a lui che, con tanta corsa e qualche spunto, ricambia a dovere. Unica fonte di gioco di questo Cesena da trasferta. OASI
Brienza 5: braccato tra difesa e centocrampo, il Cesena ne risente. Unico spunto buono a fine primo tempo, assist per Marilungo poi bloccato da Sorrentino. Il resto solo fumo. FILO STACCATO
Marilungo 5,5: di palloni ne vede pochi, prova ad andare a prenderseli anche in difesa spendendo fiato. Sorrentino spegne l'unica vera opportunità della giornata. COLPO A VUOTO
Giorgi 6: il barbuto Luigi fa meglio rispetto a Defrel (bèla fadiga!). Operaio della mediana, non è il modello perfetto per gli esteti del calcio ma merita un plauso per l'impegno. FATICATORE
Rodriguez 6,5: entra, i bianconeri si aggiudicano il penalty, lo calcia e segna. Per essere un giocatore oppurtunista bisogna fare anche questo. Ha un paio di occasioni che non vanno dentro. Hugo Almeida, non c'è fretta. RAPACE
Ze' Eduardo 6: prende il posto di Brienza e, strano a dirsi, non fa infuriare Bisoli. Sostanza e un briciolo di grinta. L'ERA ORA!

Bisoli 5,5: 4-4-1-1, 3-5-1-1, 5-5-5. I moduli contano poco se non hai un regista alternativo a Cascione, un terzino destro adeguato e un giocatore in grado di saltare l'uomo. Perico, Defrel e Brienza steccano, rendendogli così la gara totalmente in salita. Come possesso palla ci siamo ma mancano lucidità e tiri in porta, così puoi solo provare a pareggiare con un rigore regalato.

Curva Palermo 6: spettatori pochini, non è più il tempo dello squadrone guidato da Toni, Barzagli, Corini e tutti gli altri. La curva locale non molla, canta a gran voce e può esultare nel recupero per il successo. La festa parte sugli spalti e anche fuori, con gli amici cesenati.

Settore ospiti Cesena 6,5: circa 200 i tifosi che hanno volato verso il capoluogo siculo. Non c'è odio verso i rosanero, la ricomparsa degli ultras in trasferta dona un po' di carica anche lontano dal Manuzzi. I bandieroni e vessilli sono i soliti, abbracciati da un sole cocente. La sconfitta allo scadere è ancora più amara.

INTERVISTE POST PARTITA

Pierpaolo Bisoli
"Prendere due gol da calcio da fermo e il secondo a partita finita fa male. Tuttavia non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi. Nel secondo tempo abbiamo giocato meglio ed il Palermo non ha tirato in porta. Il palo di Vazquez è stato preso calciando dai trenta matri. Qualche palla gol l'abbiamo avuta ma dobbiamo sfruttarle meglio perchè sull'1-1 avremmo potuto tirarla dentro con Rodriguez. L'espulsione di Coppola? Ci ha penalizzati perchè è diminuita la verve che avevamo.
Siamo venuti a Palermo, su un campo difficile e ce la siamo giocata. Se continueremo così arriveremo fino alla fine".

Giuseppe Iachini
"Bravi i ragazzi che hanno fatto un'ottima partita. E' arrivata serenità dopo la brutta partita ad Empoli che comunque è stata fatta bene ma non abbiamo raccolto nulla. Il gol è arrivato su calcio di rigore, sorvoliamo su questo episodio, non concedendo nulla al Cesena. L'intensità, la forza fisica e la concentrazione tecnico tattica sono state sempre alte meritando così il risultato finale.
Belotti? E' partito dalla panchina perchè ha fatto due partite dispendiose in Nazionale ed è tornato con un problemino alla caviglia. Abbiamo deciso di non fargli fare tutta la partita per poterlo utilizzare in corso della gara. Ha fatto bene quando è entrato come tutti gli altri, ma conta lo spirito di squadra e la compattezza. Serve questo per arrivare alla salvezza".

Paulo Dybala
"In campo si è visto chi voleva di più la vittoria e siamo stati noi. Ora sotto con la Juventus, vogliamo i tre punti. Dobbiamo continuare su questa strada. Il gol? L'ho dedicato a mia madre. Oggi in Argentina è la festa delle mamme ed il mio pensiero è andato a lei".

6 commenti:

  1. Bisoli ha sbagliato modulo e formazione. D'accordo le assenze e I pochi centrocampisti centrali a disposizione, ma se Defrel ha faticato è anche perche' giocava fuori posizione.

    Onestamente la vedo male con Inter e Roma in tre giorni. Si rischia di ritrovarci ultimi in classifica tra due settimane. Occorrono rinforzi: Carbonero, Almeida, Cazzola, Pulzetti, Tabanelli... il tempo inizia a stringere.

    RispondiElimina
  2. Ze Eduardo secondo me è stato disastroso e ha perso una palla fondamentale che poi ha fatto partire il contropiede del palermo su cui coppola - da pirla - ha preso il rosso.

    RispondiElimina
  3. Il Conte merita la sufficienza, ha ben fatto il suo.
    Il 6,5 di Rodriguez è spropositato: si è mangiato due gol solo davanti al portiere, gol che un medio attaccante di A sparava dentro ad occhi chiusi.

    RispondiElimina
  4. Una partita strana, possesso palla equamente diviso ma dominata dal Palermo pur con pochi tiri in porta. Per quanto riguarda il Cesena è stata una gara decisa dagli episodi, da giocatori sotto tono e da una cattiva gestione del risultato.
    Capitolo voti. Meglio un Ze' Eduardo (da me bocciato in altre occasioni) che sbaglia un pallone di un Perico che invece lo vede col binocolo. De Feudis bene ma non benissimo, l'ho visto in affanno contro i rudi mediani rosanero e soprattutto senza Cascione. Rodriguez ha battuto un bel rigore e ha avuto più occasioni in 30 minuti rispetto a Marilungo in un match intero: ho visto punte da 5 milioni a stagione mangiarsi gol più facili.

    RispondiElimina
  5. Dovevamo proprio regalare Ceccarelli al Bologna? Perico è inadatto (è uno scarto del Cagliari del resto), Nica non si è ancora visto (non un buon segno), Capelli terzino è fuori ruolo. Intanto il Cecca è titolare a Bologna...

    RispondiElimina
  6. La fascia destra latita, è vero. Se Nica non gioca c'è un motivo: non è all'altezza. Farà la stessa fine di Nadarevic...

    RispondiElimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti