Qui Villa Silvia -  Doppia giornata di riposo per i bianconeri dopo l'amichevole di sabato scorso a Forlì (successo cesenate per 0 a 3 sulla formazione biancorossa), la ripresa degli allenamenti è fissata per martedì alle ore 17:00 presso il centro sportivo Alberto Rognoni. I ragazzi di mister Camplone si concentreranno sul primo impegno del campionato di serie B che vedrà il Cavalluccio impegnato lunedì 28 al San Nicola di Bari.


Mancano dieci giorni alla fine della sessione di calciomercato e l'esordio in campionato è distante soltanto una settimana. Abbiamo valutato la rosa a disposizione di Andrea Camplone per ogni singolo reparto, analizzandone i punti di forza, le parti da perfezionare e le situazioni di mercato ancora aperte.

Il pacchetto dei portieri è completo. Il titolare sarà Fulignati, acquistato a titolo definitivo dal Palermo: un investimento di valore che permette al Cesena di poter schierare un giovane di prospettiva, ricalcando possibilmente il percorso di crescita intrapreso da Gomis due stagioni fa (l'italo-senegalese arrivò in prestito dal Torino). Agliardi fungerà da chioccia per l'ex palermitano e sarà pronto a prenderne il posto in caso di necessità. L'infortunio di Bardini ha cambiato le carte in tavola per il ruolo di terzo portiere, preso momentaneamente da Melgrati che nelle prime settimane di preparazione pareva destinato a un nuovo prestito.

Donkor, Esposito e Perticone sono i tre difensori candidati a difesa della porta, tutti validi elementi per la difesa a tre che sarà nuovamente il punto di forza dei romagnoli: l'africano è definitivamente un giocatore del Cesena e conosce già i meccanismi di gioco, Perticone è stato il miglior difensore bianconero dello scorso campionato mentre Esposito porta esperienza e fisicità per fermare i centravanti della cadetteria. Le alternative saranno nell'ordine Cascione (ormai "retrocesso" a centrale difensivo, compito svolto discretamente in precampionato), il partente Ligi (il Carpi lo aspetta ma Rino Foschi ha sussultato al momento dell'infortunio di Esposito che starà fermo fino a metà settembre) e il baby Farabegoli, vera rivelazione del ritiro di Acquapartita. In questo reparto arriverà un rinforzo tra Marchizza del Sassuolo ma conteso anche dall'Avellino, l'ex Rigione in uscita dal Chievo e Frey, altro clivense sul piede di partenza  e comunque chiaramente non gradito a Camplone. 

Numerosi acquisti  a centocampo. Sulle corsie esterne del pacchetto a cinque ci saranno Kupisz a destra ed uno tra Eguelfi e Fazzi sulla mancina (il primo ha caratteristiche da terzino mentre il secondo è più offensivo); Setola e Mordini - entrambi prodotti del vivaio bianconero - saranno pronti a rilevare i pendolini laterali. In mezzo trovano posto Vita (già in rete all'esordio ufficiale contro la Sambenedettese), Laribi al secondo anno a Cesena e Crimi, arrivato in punta di piedi nello scorso gennaio ma già uomo squadra: quest'ultimo potrebbe partire (Genoa o Parma) per "dare respiro" alle casse bianconere, ne risentirebbe purtroppo il gioco dei bianconeri e a quel punto tornerebbe fondamentale Kone, altro giocatore dato in partenza e che invece potrebbe restare per tamponare la partenza dell'ex Latina. Le riserve in mediana saranno il promettente Sbrissa proveniente dal Brescia, il già citato Cascione e i giovani Maleh e Militari. Potrebbe arrivare Moscati dal Livorno per colmare il vuoto che lascerà Schiavone, ormai destinato in serie C.

Rebus in attaco. La coperta è corta, lo hanno già notato i tifosi, lo staff tecnico e la dirigenza stanno correndo ai ripari. Il solo Gliozzi è l'unico centravanti in rosa e, ad oggi, non pare pronto per reggere un intero campionato da numero 9; Moncini è cresciuto dopo il lungo periodo in prestito ma non può essere considerato un titolare. Foschi ha un compito importantissimo: portare a Cesena un attaccante di categoria che possa garantire esperienza e quindici reti non sarà semplice. Potrebbe essere uno tra Galabinov, Petkovic e Vido oppure un nome a sorpresa estratto dal cappello di SuperRino. Il rapidissimo Jallow è stato il miglior attaccante in questa fase estiva, è un mix tra Defrel e Papa Waigo, ora sta all'allenatore renderlo un signor calciatore. Panico è una buonissima seconda punta anche se non ancora pungente sotto porta. Non dimentichiamo il rientro di Dalmonte previsto tra un mese, giocatore giovanissimo e valido per la categoria con una sola incognita: è adatto al 3-5-2 di Camplone?

Tante scommesse in ballo, qualche vite da sistemare e un centravanti titolare ancora da decifrare. Ci siamo quasi, prepariamoci a questo nuovo campionato... e forza Cesena, sempre.
FORLI' - CESENA 0-3 (15' Moncini, 77' e 86' Jallow)

IL RACCONTO DELLA GARA
Il secondo Memorial Sirotti se lo aggiudica il Cesena col punteggio di 3-0. Match abbastanza bloccato nel primo tempo con la rete però di Moncini a sbloccare la gara al 15'. Mordini raccoglie un assist dalla destra e batte a rete, il portiere respinge e da distanza ravvicinata l'attaccante sigla la rete come fece lo scorso anno. Poi il Forlì prende le contromisure e con Boilini e Graziani sfiorano il pari. Soprattutto nella ripresa i biancorossi alzano il ritmo, quando Camplone cambia tutti gli 11 in campo.
Lo stesso Graziani prima di uscire sfiora l'1-1, poi Ricci Frabattista, altro marcatore lo scorso anno, ha due occasioni ma non le sfrutta. Cesena poco brillante e solo Jallow prima dal limite di destro e poi a tu per tu con il portiere avversario mette in cascina il 3-0 finale abbastanza bugiardo.
Al termine della gara Camplone non è soddisfatto del gioco fatto dai suoi e da qui al 28 agosto, giorno della tradferta di Bari in posticipo nella prima di campionato, alcune cose dovranno essere regitrate, come ad esempio la spregiudicatezza e il fatto di lasciare molti spazi e l'uno contro uno in difesa con gli avversari. Poi dal mercato dovranno arrivare nuovi giocatori, soprattutto un centravanti di razza e un centrale difensivo. Ormail il tempo è agli sgoccioli.
Qui Villa Silvia - Tanto caldo e afa al Rognoni per un nuovo allenamento pomeridiano del Cavalluccio davanti a un cinquantina di affezionati. Spazio dopo il riscaldamento a situazioni tattiche di gioco con partitella finale. Conclusioni in porta a fine seduta. Domani, sabato 19 agosto 2° Memorial Silver Sirotti a Forlì alle ore 20.30.
 
Notizie calciomercato. Nulla di nuovo sul fronte mercato rispetto a ieri e probabilmente solo la prossima settimana potrebbe concretizzarsi l'addio di Ligi verso il Carpi con il ritorno di Rigione. Schiavone è sempre destinato ad uscire con destinazione Livorno, il percorso inverso dovrebbe farlo Moscati. I bianconeri hanno fame e la grinta non manca, ma senza Marco Crimi che è punto fondamentale della mediana e un uomo in attacco, i pronostici parlano chiaro: si lotterà per la sopravvivenza in categoria, magari con una salvezza tranquilla. Il Parma si è fatto avanti per il centrocampista e il cartellino si aggira su 800mila euro (ci pare un ribasso clamoroso!), 1 milione, visto che Kone per ora non è impossibile venderlo. Però nelle ultime ore anche il Genoa dell'amico Preziosi, di Foschi, ha fatto un sondaggio. Con Laribi e Vita formano un trio molto affiatato considerano poi le ali Kupisz e uno tra Eguelfi-Mordini-Fazzi che hanno già fatto vedere spunti positivi. Insomma non toccateci Crimi, questo è quello che dicono i tifosi.
Per quanto riguarda la punta, invece, tutto si deciderà negli ultimi 5 giorni di mercato. Le uniche novità interessano Petkovic: nonostante a Bologna sia arrivato Palacio, Donadoni non vuole privarsi di un rincalzo visto l'infortunio di Falletti e le condizioni di Destro. Rimangono quindi i soliti Vido, Galabinov e Cocco da valutare al rientro dal lungo infortunio.
Qui Villa Silvia - E' tempo di tornare a sudare al Rognoni dopo il break di Ferragosto. Il Giudice Sportivo ha intanto fermato Romano Perticone per 1 turno a seguito della Coppa Italia "per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (Seconda sanzione)". Regolarmente in gruppo il giovane Farabegoli mentre Esposito ha effettuato un lavoro personalizzato in palestra. Terapie e palestra anche per Kone e Bardini alle prese con i rispettivi percorsi riabilitativi. In campo è stato dato spazio come sempre all'attivazione muscolare, poi si è passati alla tecnica e alla tattica con i movimenti tra i reparti atti ad offendere e difendere.
Per domani è previsto un doppio allenamento al Centro Sportivo di Villa Silvia con inizio alle ore 10:00 e alle ore 17:00 mentre sabato alle 20.30 si disputerà il 2° Memorial Silver Sirotti presentato giovedì in conferenza stampa.

Notizie calciomercato. Tutto tace sul mercato, così come Foschi aveva annuciato la settimana scorsa. Non prima del termine della settimana prossima ci saranno novità per un difensore e un attaccante. Ligi, a scapito di quanto detto dal Dt nei giorni passati, è vicino al Carpi con cui ha già trovato un accordo ma deve sciogliere il contratto col Cesena che è in piedi fino al 2018. Trovata la buonauscita il suo addio aprirebbe le porte a un nuovo volto che però, secondo il Corriere Romagna, non dovrebbe essere nè Marchizza che costa troppo (e ad un passo dall'Avellino), nè Rigione che non è mancino. Sembra strano, Rigione è da tempo che staziona a Cesena dove è presente la sua famiglia e pare quindi una bufala, visto che l'entourage del giocatore non smentisce la pista calda.
Alla fine della fiera ci saranno movimenti con Schiavone che chiuso dall'arrivo di Laribi è diretto a Livorno, Moscati è sempre il profilo che interessa.
Le quote Snai per il campionato Serie B 2017-2018
Qui Villa Silvia - Siamo al 16 di agosto, superate le festività di Ferragosto giovedì alle 17 avverrà la ripresa degli allenamenti al Centro Sportivo Rognoni. Mancano circa 12 giorni all'inizio del Campionato di Serie B. Il Cesena formato 2017-2018 è reduce dall'eliminazione in Coppa Italia col Genoa al terzo turno per 2-1 ai supplementari, dopo che all'Orogel Stadium Dino Manuzzi era arrivata la vittoria all'esordio con la Sambenedettese di Moriero sempre 2-1. I principali bookmakers hanno stilato la classifica dei vincitori della Serie B. Le favorite alla promozione in Serie A sono Palermo e Pescara per Betclic e Unibet, con Venezia e Parma a contendersi il terzo posto. Di seguito Frosinone ed Empoli in lotta play-off. Un campionato quindi agguerritissimo con il Cesena che non ha speranze di promozione. Secondo le quote che variano da 30 a 34 il Cavalluccio navigherà a metà classifica. Per Bet365 si proietta l'11° posto, Betclic al 13°, così come Bwin al pari della Salernitana e Snai a coppia con la Cremonese. Insomma, se lo scorso anno si era nettamente stati inseriti nei play-off dietro al Verona ora ci sarà da penare, sperando però di infrangere il pronostico in positivo! Fame e grinta non mancano, ma dal mercato dovranno arrivare un centrale e un attaccante, senza dimenticare di trattenere Crimi.

Crimi contrasta Lazoovic in Coppa Italia (foto Il Resto del Carlino)
Qui Villa Silvia - Seduta mattutina di scarico nei terreni del centro sportivo Alberto Rognoni dopo il match di ieri disputato contro il Genoa valido per il terzo turno di TimCup perso 2-1. Cesena eliminato della coppa nazionale a causa della sconfitta rimediata dopo 120 minuti di gioco. Mister Camplone ha concesso due giorni di riposo a tutta la rosa che tornerà ad allenarsi giovedì 17 alle ore 17:00. Ora il Cavalluccio avrà a disposizione un ultimo test, infatti sabato 19 è in programma l'amichevole a Forlì contro la formazione locale che militerà nel campionato di serie D.

Il commento
La sconfitta ai tempi supplementari contro il Genoa non demoralizza l'ambiente bianconero, il Cesena ha ampi margini di miglioramento in attesa di assestare la rosa negli ultimi giorni di mercato con un centrale difensivo e soprattutto un attaccante. Il tecnico Andrea Camplone ha analizzato la prestazione disputata al Ferraris ammettendo che "la gara non era partita bene ma è normale contro una squadra di Serie A, una volta trovata la tranquillità abbiamo iniziato a fare le nostre trame di gioco". Sono state quindi sviluppate azioni di gioco con i soliti Crimi e Laribi sugli scudi, fino al gol del tunisino su rigore. Nel secondo tempo la squadra si è sciolta complici anche gli innesti di Juric ed è arrivato il gol di Simeone. Nel restante secondo tempo il Cesena se l'è giocata tanto che nei supplementari dopo il gol di Laxalt la reazione c'è stata. Alla fine della fiera gli spunti sono tanti, come la prima uscita di Fulignati che ben si è comportato tra i pali, la grinta e i fattori offensivi peccato che Jallow in due occasioni si sia mangiato due reti, di cui una a porta quasi vuota. Tutti segnali comunque positivi.
GENOA - CESENA 2-1 dts (37' Laribi rig., 50' Simeone, 95' Laxalt)

IL RACCONTO DELLA GARA
Laribi a segno dal dischetto (foto Ac Cesena)
Esordio genoano, secondo atto cesenate. Il terzo turno di Coppa Italia vede di fronte liguri e romagnoli allo stadio Luigi Ferraris di Genova. Poche sorprese tra i 22 titolari rispetto alle anticipazioni delle ultime, nel Cesena c'è Donkor dal 1' e Cascione in panchina. Si parte e dopo un meno di un minuto Ninkovic sfiora il palo. Giallo per Gentiletti al 10' per fallo nella propria trequarti. 12', Simeone colpisce il palo sinistro della porta di Fulignati dopo un'azione centrale. Perticone è il primo ammonito del Cavalluccio al 16'. Il Cesena si desta al 20', Eguelfi calcia al volo e Perin fa il miracolo. Bene Fulignati al 22' nel bloccare Pandev davanti alla porta. 37', rigore per il Cesena dopo che Panico viene fermato fallosamente in area.
Laribi sul dischetto, tiro centrale toccato da Perin ma che non viene neutralizzato, il Cesena è in vantaggio! Un minuto di recupero e tutti negli spogliatoi. Prima frazione equilibrata con occasioni da ambo le parti, difese allegre e bianconeri avanti dopo aver trovato buone opportunità offensive. 
49', Ninkovic insacca ma a gioco fermo, poco prima era stato fischiato un fuorigioco. Genoa in rete al 50': la difesa dei romagnoli è ferma, Simeone trova lo spazio giusto per infilare Fulignati, match in parità. Poco dopo arrivano i primi cambi di mister Juric, dentro Taarabt e Biraschi per Ninkovic e Spolli. Al 58' Laribi viene ammonito per gioco falloso e pochi secondi dopo lascia il posto a Schiavone. 60', ammonito Lazovic. Simeone lascerà Genova a breve ma è carichissimo, al 62' calcia da fuori e sfiora il sette. 64', esce Gliozzi ed entra Jallow. Veloso prova la punizione al 66', Fulignati mette in corner. 77', cambio genoano con Rigoni che rileva Pandev e cambio cesenate con Fazzi che prende il posto di Vita. Perin salva tutto al minuto 83 parando sullo scatenato Jallow. 85', ammonito Crimi per fallo su Rigoni. Fulignati è spettacolare al 90' con la parata sull'incornata di Simeone. Quattro minuti di recupero oltre il novantesimo e si va ai supplementari! Il Cesena sta reggendo contro una squadra di categoria superiore. Gliozzi è parso troppo leggero per sostenere l'attacco bianconero, l'ingresso del rapido Jallow ha dato ossigeno alla squadra.
95, vantaggio Genoa: Rigoni pesca Laxalt che insacca alle spalli di Fulignati. Cesena costretto a rincorrere il pari. Il primo tempo supplementare vede i bianconeri ormai con le gomme a terra dopo un match giocato allo stesso livello dell'avversario. Incredibile occasione sprecata da Jallow al 108': l'ex Trapani inganna Perin ma sbaglia a porta vuota! I romagnoli provano a cambiare il risultato seppur con poche forze in corpo ma il triplice fischio spegne ogni speranza. Il Genoa trova il Crotone sulla sua strada, il Cesena esce a testa alta!

Secondo match ufficiale per il Cavalluccio che andrà in Liguria in caccia del clamoroso colpaccio. Nel terzo turno di TimCup il Cesena sarà ospite allo stadio Luigi Ferraris dove affronterà il Genoa. I supporters locali saranno almeno 5.000 mentre i tifosi bianconeri saranno 123.

Le ultime dai club
CESENA - Mister Camplone recrimina qualche infortunato di troppo, marcheranno visita Agliardi, Bardini, Farabegoli e Kone assieme agli influenzati Militari, Moncini e Sbrissa. La prestazione di una settimana fa con la Sambenedettese non è stata totalmente convincente, è necessario un riscatto almeno sul piano del gioco, il risultato finale conta poco. Cascione e Ligi dal 1', Esposito è dolorante alla caviglia e andrà in panchina. Eguelfi agirà da esterno sinistro ma Mordini e Fazzi sono in ballottaggio. Panico sarà titolare contro la squadra che lo ha cresciuto, il rapido Jallow entrerà a match in corso.

GENOVA - Qualche assenza in difesa per la squadra del patron Preziosi. Izzo e Biraschi sono squalificati, in via eccezionale il terzino Rosi agirà sul centro-destra nel pacchetto difensivo a tre di mister Juric. Il tecnico non ha dubbi di formazione, confermato il modulo 3-4-3. I genoani sono reduci dalla vittoriosa prova in amichevole contro gli olandesi dell'Heerenveen. Il centravanti titolare sarà Giovanni Simeone: El Cholito è al centro di numerose voci di mercato ma per una sera guiderà ancora il tridente d'attacco.

Probabili formazioni
Genoa (3-4-3): Perin; Rosi, Spolli, Gentiletti; Lazovic, Bertolacci, Veloso, Laxalt; Pandev, Simeone, Ninkovic. All.: Juric.

Cesena (3-5-2): Fulignati; Perticone, Cascione, Ligi; Kupisz, Vita, Laribi, Crimi, Eguelfi; Gliozzi, Panico. All.: Camplone.

Arbitro: Manganiello di Pinerolo
Assistenti: Di Fiore - Gori
Meteo: 25°, sereno

I precedenti
Le due squadre si sono affrontate nel capoluogo ligure per 28 volte: 18 successi casalinghi, 6 "ics" e 4 vittorie bianconere. L'ultimo precedente risale all'aprile 2015 quando il Genoa battè il Cesena, 3-1 il punteggio finale (a segno Bertolacci, Perotti e Pavoletti per i locali, rete della bandiera del colombiano Carbonero).
Qui Villa Silvia - La truppa di Camplone oggi si è spostata tra le mura del Centro Sportivo Rognoni, da preparare c'è sempre il terzo turno di Coppa Italia contro il Genoa (domenica alle ore 18.00 al Ferraris). La seduta del tardo pomeriggio ha visto il rientro di Cascione recuperato ed è iniziata con un riscaldamento a metà campo, poi dopo i Rondo, i bianconeri si sono dedicati ad allunghi in rettilineo seguiti da prolungate esercitazioni tattiche e circolazione palla a squadra schierata. Prima del rompete le righe, sono stati svolti tiri in posta dalla media e corta distanza, segno che Camplone confida nell'apporto al gol dei centrocampisti. A parte hanno lavorato Farabegoli ed Esposito. Sabato la squadra si allenerà al mattino ancora a Villa Silvia con conferenza di Camplone alle 12.00 e partenza per la Liguria. Sono per ora solo 76 i tifosi al seguito dei romagnoli, su oltre 4000 biglietti venduti per i tifosi di casa.

Qualche giorno fa è terminato il solito appuntamento Bianconeri in Festa a Case Castagnoli. Quattro giorni di festa totale, ad eccezione di domenica scorsa che ha lasciato spazio alla prima vittoria stagionale in Coppa Italia contro la Sambenedettese. Come al solito ci siamo recati a ranghi completi per la cena di gruppo che ormai intercorre da 4-5 anni. Immancabile la partecipazione alla lotteria e l'acquisto del merchandising ufficiale 2017 dei gruppi organizzati. Poi un drink fresco per smorzare l'afa e l'umidità e tutti a casa. La serata a cui abbiamo partecipato, la prima, ha visto la presenza di personaggi illustri del mondo cesenate: Castori, Pestrin, Campedelli, Biserni. Tanti cori per loro, foto e abbracci per quello che hanno fatto con la maglia bianconera il cui ricordo è indelebile. Il giorno seguente poi è stata la volta della squadra di Camplone con fumogeni e cori che hanno impressionato soprattutto i più giovani (vedi le storie Instagram) ma anche i veterani e che sia di buon auspicio per cementificare il gruppo. Il buon segnale è che rispetto alla scorso anno si sono viste tante facce nuove, segno che c'è un buon ricambio generazionale tra i tifosi. FORZA CESENA!


Notizie calciomercato. Rino Foschi ha direttamente respinto al mittente una prima proposta di scambio del Carpi che avrebbe visto la cessione di Ligi e l'arrivo di Blanchard. Gli stessi emiliani nelle ultime ore avrebbero posto sul tavolo il cartellino del centrocampista Concas: il direttore dell'area tecnica rifiuterà anche questa proposta?
Il portiere classe 1999 Andrea Bianchini in forza alla Primavera di mister Rivalta lascerà Cesena per andare in prestito al Forlì.
Qui Orogel Stadium Dino Manuzzi - Mancano 4 giorni alla sfida di Coppa Italia contro il Genoa, gara valida come terzo turno di TimCup. Nuovo allenamento pomeridiano all'Orogel Stadium Dino Manuzzi. Attivazione muscolare e torelli nella prima parte di seduta, successivamente i ragazzi allenati da Andrea Camplone hanno disputato un match a tutto campo con la regola dei tocchi limitati che è terminato 2 a 1: a segno Gliozzi e Maleh per i neri e Laribi per il team giallo. Il trio dirigenziale Lugaresi - Pransani - Foschi ha assistito alla seduta odierna. Cascione ha lavorato a parte sul campo mentre Bardini, Kone e Farabegoli si sono ritrovati in palestra per recuperare dagli infortuni. Assente Sbrissa ancora impegnatocon la selezione B Italia, presente invece Panico appena rientrato dallo stage della nazionale Under 20. I bianconeri si ritroveranno domani alle ore 18:00 a Villa Silvia per una nuova sessione di allenamento.
Il sito ufficiale della società comunica che sabato 19 il Cavalluccio affronterà il Forlì allo stadio Morgagni in occasione del 2° Memorial Sirotti, calcio d'inizio alle ore 20:30.

E' stato presentato alla stampa e ai tifosi Karim Laribi (ieri era stato il turno di Fulignati) che ritorna dopo la buona seconda parte di stagione dello scorso campionato. Per lui alcuni giorni di attesa per l'ufficialità avvenuta dopo che aveva sfilato al Chiostro di San Francesco con il gruppo al completo.
"In tanti mi hanno scritto sui social per sapere se sarei tornato, mi ha fatto piacere questa vicinanza. Lo scorso anno è stato brutto per tanti fattori ma evidentemente ho lasciato un buon ricordo. Sinceramente non mi aspettavo di tornare, col Direttore ero stato chiaro: sarei voluto rimanere in Serie A ma l'offerta non è arrivata per cui sono tornato a Cesena con tanto entusiasmo. Non ho rimpianti, sono felicissimo perché, se fossi dovuto tornare in B, avrei voluto giocare solo per questo club.
Domenica abbiamo il terzo turno di Coppa Italia, possiamo fare bene contro un avversario di valore come il Genoa. Io rigorista? A fine allenamento ci divertiamo a calciare i rigori e facciamo delle sfide tra noi. Lo scorso anno Ciano era imbattibile. Vedremo chi sarà il nuovo tiratore.
Mi sono abituato al ruolo di regista che per me era nuovo. Ci vuole tempo, è vero, ma grazie al cambio di posizione ho trovato spazio con Mister Camplone. Il gioco del mister è diverso da quello di Zeman perché i moduli sono differenti, qui ci sono due punte, a Foggia no. L'unico aspetto simile è che anche Camplone predilige l'aspetto offensivo e far partire l'azione dal basso.
Lo scorso anno avevamo una squadra più esperta ma alla fine abbiamo fatto fatica a salvarci nonostante i diversi proclami di inizio stagione. Nulla è scontato, pensiamo a salvarci che è l'obiettivo principale, poi si vedrà. C'è stato tanto rammarico per i punti persi nei finali di gara, abbiamo avuto alti e bassi a livello di squadra per cui il singolo, io compreso, ha fatto fatica.
Sto bene, devo ancora lavorare molto per entrare in forma partita, fino ad ora avevo fatto lavoro aerobico da solo con una scheda preparata dal nostro preparatore 'Jesus Lalinga' che ringrazio tanto.
A Sassuolo ho imparato tanto da Magnanelli. Devo ancora migliorare sulla fase di interdizione delle linee della palla.
Il mio trasferimento è avvenuto in ritardo per un piccolo intoppo nelle visite mediche, al Mapei Stadi vengono fatti esami approfonditi e specialistici che in altre società normali non sono comtemplati.
Siamo sereni, vogliamo fare bene in stagione. Conta la salvezza perché il gruppo è giovane e ci sono molti esordienti che affrontano la categoria per la prima volta.
Nazionale tunisina? Attendo la chiamata, dipenderà dal ct se farmi giocare o meno".

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha