venerdì 9 agosto 2019

Il Cesena cresce con i giovani Butic, Brignani e Valencia

(Foto Cesena FC)
Qui Orogel Stadium Dino Manuzzi - Prosegue la processione di presentazioni per i nuovi elementi bianconeri, venerdì mattina è giunto il momento delle prime interviste in sala stampa anche per Butic, Brignani e Valencia.
Karlo Butic è arrivato in prestito dal Torino dopo la stagione d'esordio tra i professionisti divisa tra Ternana e Arezzo: "Ho concluso il settore giovanile con il Toro e sono andato in prestito a Terni e ad Arezzo. Non ho passato bei momenti, non sono riuscito a trovare spazio ed è mancato il primo gol tra i 'grandi'. Queste esperienze mi hanno aiutato a crescere.
Sono molto felice di essere a Cesena. Nelle amichevoli ho segnato tanto ma so che quello che conta è il bene della squadra.
La vittoria nel derby è un buon segnale, vogliamo continuare a giocare bene e ad ottenere risultati positivi. Il numero delle mie reti non è importante. Sono certo che potremo toglierci grosse soddisfazioni".

Un altro arrivo da un club prestigioso è quello di Fabrizio Brignani, difensore giunto dal Bologna: "Non nego che sognavo di disputare la B con il Pisa, mio vecchio club. Mi sono convinto però che il ritorno in Toscana non mi avrebbe permesso di giocare molto. Cesena è la scelta migliore, è una grande piazza.
L'esperienza precedente mi ha reso un vero calciatore, sono cresciuto e abbiamo pure festeggiato la promozione. Ora so come ci si comporta nello spogliatoio, è fondamentale restare tutti uniti nei momenti di forza e in quelli meno positivi.
Il mister chiede di fidarci dei nostri mezzi, di accettare l'uno contro uno per far crescere l'autostima: Modesto mi aiuterà a diventare ancora più bravo.
In squadra ci sono tanti giocatori d'esperienza ed elementi di riferimento, anche io voglio ritagliarmi il giusto spazio e contribuire ai risultati di questa squadra".

Juan Manuel Valencia è arrivato in bianconero assieme a Brignani, il colombiano è reduce da una stagione divisa tra Primavera e prima squadra del Bologna: "Il mio percorso parte dal mio paese, terminati gli studi ho giocato in prova con l'America de Calì e poi con il Cortuluá. Da lì sono arrivato nel settore giovanile della Juventus e ho concluso in quello del Bologna.
Il mio ruolo? Mi paragono a Pogba, quindi sono una mezzala. Il mister mi sta dando compiti diversi che avevo già provato in Colombia.
L'anno scorso sono riuscito a debuttare in Serie A: emozionante! Ho ricevuto tantissimi complimenti ma quel momento è solo una piccola tappa della mia carriera.
Sono a Cesena per fare esperienza e per crescere sia come calciatore che come uomo. Qui c'è una bella squadra, si sta bene. Sono certo che il nostro gioco farà divertire e potremo raccogliere buoni risultati".

L'anticiclone d'agosto non ferma gli allenamenti dei bianconeri, impegnati anche nella giornata successiva all'amichevole disputata giovedì sera con la Spal. Francesco Modesto ha diretto la seduta di venerdì mattina dividendo la sua rosa in due gruppi nel centro di Villa Silvia: da una parte lavoro di scarico per chi è rimasto in campo più lungo contro gli emilani, tutti gli altri hanno effettuato una serie di esercizi atletici. Franchini e Ciofi sono ancora sotto le mani dei fisioterapisti; prosegue per Marson e Zerbini la fase di riabilitazione dai rispettivi infortuni. I ragazzi si ritroveranno sabato pomeriggio all'Orogel Stadium Dino Manuzzi per la rifinitura a porte chiuse per il match di domenica sera contro la Vis Pesaro.

Per la partita contro la squadra marchigiana finora la prevendita ha emesso 730 biglietti; per ovvi motivi fa più gola quella per la prestigiosa amichevole con il Milan che ne totalizza 1.650.
Ottimi numeri per la campagna abbonamenti #CAPITOLO79 che, con i 357 rinnovi effettuati venerdì, è arrivata a quota 4.137. L'anno scorso gli abbonati furono 8.354, poco più del totale attuale.

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti