BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

giovedì 6 ottobre 2016

Cesena - Magdeburgo 3-1 Coppa UEFA 1976-1977 1° turno ritorno

Foto AC Cesena
CESENA (4-4-2): Boranga; Ceccarelli, Batistoni, Cera, Lombardo; Bittolo (50' Bonci), Rognoni, Beatrice, Pepe; Mariani, Macchi. A disp.: Bardin, De Ponti, Vernacchia, Valentini. All.: Corsini.

MAGDEBURGO (4-4-2): Dorendorf; Raugust, Zapf, Seguin, Decker, Tyll, Pommerenke, Steinbach (58' Mewes), Streich; Sparwasser, Hoffman. A disp: Ulrich, Sommer, Enge, Ebeling, Kohde, Gruning. All.: Urbanczyk.

Marcatori: 29' Mariani, 51' Pepe, 70' Sparwasser, 74' Macchi
Arbitro: Lajos Somlai (Ungheria)
Ammoniti: Steinbach, Tyll
Espulsi: Mariani
Note: 15000 spettatori per un incasso di 28milioni di lire

Il 29 settembre del 1976 si gioca la gara di ritorno tra Cesena e Magdeburgo. All'andata il passivo era stato di 3-0 e a pagare dazio fu l'inesperienza, gara che secondo Pepe fu trasmessa da una tv svizzera. Alla Fiorita è un autentico delirio sugli spalti, alcuni dati parlano di 15mila persone ma sembra proprio dal racconto dei protagonisti che furono molte di più (le cronache dell'epoca riportano 10500, ma sembra un errore di battitura). In campo Batistoni prende il posto di Oddi, che era stato espulso all'andata e quindi squalificato, su svista clamorosa dell'arbitro che avrebbe invece dovuto cacciare Boranga.
I bianconeri rispetto all'andata mettono in scena una gara gagliarda, forti di spirito e di cuore. "Nel sottopassaggio prima dell'ingresso sul campo erboso della Fiorita erano i tedeschi questa volta ad avere paura e tremare di fronte al caldo tifo dei tifosi" e di Boranga, secondo una dichiarazione di Fiorino Pepe. I match si apre al 29', quando Mariani sigla il vantaggio provvisorio. L'azione parte sull'asse Rognoni - Macchi, palla per Mariani che dopo aver eluso la marcatura di Raugust scocca un bel rasoterra preciso dal limite dell'area che si infila tra le gambe avversarie e palla in rete.
Il vantaggio è stato quindi capitalizzato alla prima palla gol disponibile, non che ne avesse avute il Magdeburgo che invece voleva amministrare il vantaggio dell'andata. I tedeschi, rispetto al primo incontro erano certamente meno propositivi e rintanati nella loro metà campo. All'intervallo incredibilmente il Cesena è in vantaggio e sul rettangolo verde non sarebbe potuta mancare una delle tante discussioni, questa volta a muso duro con Hoffman c'è il solito Boranga.
Nella ripresa il piglio agonistico e di supremazia è ancora quello del Cesena e ne esce il 2-0 al 51': a raccontarlo è proprio Pepe, l'autore della rete: "ci fu un lancio lungo dalla sinistra da 40 metri di Beatrice. Io mi trovavo tra area grande e area piccola, stoppai la palla di coscia e, senza farla cadere, di sinistro insaccai in rete di rabbia. Fare gol in Coppa cambia tutto, allora la UEFA era importante perchè si affrontavano le prime che arrivavano nei campionati precedenti". Il pubblico è in visibilio, il Curvone dell'epoca crede ora alla rimonta e nei supplementari. La tensione è alta e i tedeschi, ancora in vantaggio cercano di gestire la gara. Il guizzo lo trovano nell'unico errore della giornata dei bianconeri: Sparwasser legge benissimo un errato disimpegno dei romagnoli in attacco e supera prima Batistoni, Cera non riesce a chiudere. Con Lombardo troppo distante dalla zona di interesse, Boranga prova ad uscire alla disperata ma non è efficace. Il diagonale di Sparwasser spazza via i sogni di gloria bianconeri. Il portiere ricorda durante il quarantennale celebrato durante Cesena-Latina del 2016: "volevo faglierla pagare per quello che aveva fatto all'andata ed ero talmente pronto ad aggredirlo e stroncarlo, lui dalla paura toccò la palla appen appena per mandarla in rete". Addirittura ad ESPN ha commentato: "Fu l'errore più grande della mia carriera". Nonostante questo doppio handicap che di fatto costringeva il Cesena a segnare altri 3 gol in virtù del valore doppio della rete segnata in trasferta dei teutonici, il tris bianconero su assist di Ceccarelli arrivò con una capocciata vincente di Macchi al 74'.
Il match finisce quindi sul 3-1 con Rognoni migliore in campo, secondo la cronaca di Nordio Oddone. Come da previsione, il Cesena viene eliminato ma non senza combattere e i tedeschi pur perdendo sonoramente, eliminano ai trentaduesimi di finale i bianconeri che hanno comunque scritto una bellissima pagina di storia essendo stata la prima città non capoluogo di provincia a qualificarsi per un torneo europeo. Per la cronaca, i tedeschi dell'Est proseguiranno il loro cammino fino ai quarti, quando saranno eliminati solo nella doppia sfida con la Juventus, poi vincitrice della Coppa UEFA.

A concludere con le parole del capitano Giampiero Ceccarelli: "Peccato che pagammo l'insperienza ma ce la siamo giocata nel doppio confronto. Ci saremmo dovuti riunire 10 anni fa, purtroppo in tanti sono venuti a mancare per malattie e non per la vecchiaia".

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti