giovedì 5 settembre 2019

Zerbin, Zecca e Giraudo sono le scommesse del Cesena

Qui Villa Silvia - Giovedì soleggiato di lavoro per gli uomini guidati da Francesco Modesto. Agliardi e compagnia si sono dati appuntamento nel pomeriggio con l'intento di rialzare la testa e porre maggior attenzione durante le gare.
Continuano i percorsi a parte di Russini e Maddaloni (mal di schiena): il primo salterà la trasferta valida per la terza giornata di campionato, mentre il secondo ha svolto fisioterapia al mattino e trascorso con il preparatore Magrini il pomeriggio. Marson sempre in gruppo è recuperato e ha svolto anche la partitella finale. Una giornata trascorsa a suon di tattica per il Cavalluccio dopo le sberle incassate con Carpi e Vis Pesaro. Le partitelle a tema hanno tenuto banco tra i reparti, con Sabato come detto che tornerà dalla squalifica.
E' aperta da 48 ore la prevendita per la trasferta di Verona in casa della Virtus Vecomp: in due giorni sono 231 i tagliandi venduti su un totale di 500 posti disponibili. L'obiettivo è sbloccarsi e lasciare i bassifondi della classifica.

A mercato finito si concludono le presentazioni degli acquisti estivi del Cavalluccio. E' la volta di Zerbin, Zecca e Giraudo: il primo è già in rosa da alcune settimane mentre gli altri si sono aggiunti solamente negli ultimi giorni.
Alessio Zerbin è giunto in Romagna con la formula del prestito dal Napoli e ha esordito lunedì nel ko con la Vis Pesaro: "Per oltre un mese ho passato il tempo tra palestra e piscina, due sessioni al giorno per recuperare dall'infortunio rimediato nell'ultima amichevole con il Napoli. Sembrava poter essere un ostacolo al trasferimento ma alla fine sono qui, l'abbiamo voluto tutti assieme: io, mister Modesto e Pelliccioni. 
Gioco da esterno alto, preferisco partire da sinistra. Lo scorso anno a Viterbo ho disputato partite anche da quinto a centrocampo. Mi interessa solo giocare, non mi interessa il ruolo: l'allenatore può contare su di me, posso dare tanto al Cesena.
A Napoli ammiravo tantissimo Mertens e Callejon, è stato un onore potersi allenare con tanti campioni. Non si smette mai di imparare da loro".
Penultimo ad arrivare a Cesena, Giacomo Zecca si mostra felice di poter vestire il bianconero: "Voglio fare bene in questa piazza. Ho contattato il mio amico Franchini appena saputo dell'interessamento su di me, sono a conoscenza dell'importanza della piazza e del calore del tifo cesenate.
Come gioco? Mi trovo meglio da esterno alto, ho anche la giusta stazza per giocare più al centro per vedere la porta con più facilità. Sono veloce e forte.
In Primavera a Sassuolo ho segnato tanto mentre nei primi due anni da senior a Piacenza e Teramo non è andata bene. Spero di ritrovare la via del gol in questa stagione.
La partita con la Vis Pesaro ha mostrato una buona intensità da parte nostra, purtroppo la sfortuna ci ha colpito subendo due reti. Il gioco voluto dal mister mi piace tanto".
Il ventunenne Federico Giraudo ha chiuso la lista degli arrivi: "Il Cesena mi cercava da settimane ma ci sono state alcune cose in conflitto: l'impegno alle Universiadi, un infortunio e gli allenamenti con il Torino.
Gioco da terzino sinistro sin dai tempi della Primavera granata ma il raggio di azione arriva fino all'attacco, sono partito da lì. Sia con il Vicenza che con la Ternana non tutto ha girato per il verso giusto, le due stagioni sono state al di sotto delle aspettative.
Ho fatto una buona scelta, Pelliccioni mi ha convinto. Questa è una città importante e Modesto ha grandi ambizioni di gioco: sarà un'esperienza formativa per la mia carriera".

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti