lunedì 2 settembre 2019

Cesena - Vis Pesaro 1-2 2° giornata Serie C 2019/2020

CESENA VIS PESARO 1-2 (33' Butic, 70' aut. Butic, 72' Voltan)

Sintesi
Primo posticipo stagionale per il Cesena forte dei suoi 8.715 abbonati, dato fresco fresco maturato in mattinata che rappresenta un dato positivo rispetto a quello registrato un anno fa. Prima del match arriva la news dell'ultimo arrivo di mercato: si tratta di Federico Giraudo, esterno sinistro classe '98 in prestito secco dal Torino, è il vice Valeri. L’appiglio dei locali è giusto e la prima avvisaglia è di Brignani al 15’ che di testa spedisce sopra la traversa. Nell’azione seguente il Cesena si guadagna un calcio di rigore ma Borello si vede chiudere lo specchio da Bianchini al 31’. Cavalluccio che non demorde e il grimaldello è Butic, suo il diagonale da biliardo per l’1-0 al 33’! La Vis Pesaro si fa vedere solo al minuto 38 con Ejjaki ma Agliardi blocca. Dopo un minuto di recupero squadre negli spogliatoi.
Nella ripresa la prima azione degna di nota è di Sarao che spara alto di testa al 55'. Doppio cambio della Vis Pesaro con Tessiore e il gigante Malec per Misin e Grandolfo. Alza i giri Franco con un destro insidioso dalla distanza al minuto 58. Si passa al 65' e la Vis comanda in campo: Voltan elude l'offside, Agliardi in tuffo respinge. Modesto cambia le carte in tavola per scuotere la gara: Valeri e Sarao lasciano il posto a Cortesi e Zerbin. Come a Carpi ecco un nuovo blackout con Farabegoli al 70' che pesca il pari grazie alla deviazione di Butic per l'1-1. Il Cavalluccio non è stordito perché Franco replica ancora da lontano e Bianchini alza sopra la traversa. Dal corner nasce un contropiede micidiale e Voltan indisturbato infila il sorpasso del 2-1 al 72'. Shock enorme che costa la gara ai bianconeri. Fuori anche Gennari e Voltan per Gianola e Tascini. Al minuto 85 out anche Rosaia impalpabile per Valencia, poi Franchini lascia il posto per Capellini. Non cambia nulla, la Vis chiude a riccio con Rubbo che lascia la maglia da titolare a Romei. Al 95' piovono i primi fischi sui bianconeri, casella zero con Fano e Ravenna. Peggio di così non si poteva cominciare.

Il pagellone

Agliardi 6: incolpevole sui gol, sbraita e si agita ma non conta nulla. La sconfitta non dipende da lui. 
Ricci 5,5: è uno dei meno peggio ma un difensore con la sua esperienza deve dare di più a questa squadra.
Brignani 5,5: non perfetto sui gol incassati, se manca il perno centrale vuol dire che la baracca scricchiola. 
Maddaloni 4,5: da rivedere la sua tenuta del campo. I pericoli maggiori sono nati sempre dalla sua zona di competenza. 
Franchini 4: fatica alla grande davanti a lupi più esperti. Nel complesso, forse il peggiore nelle prime due uscite di campionato. 
Franco 5,5: il motore della squadra ma più del compitino non fa. Si mostra con due conclusioni pericolose dalla distanza, poco altro.
Rosaia 5: dovrebbe dettare il gioco o almeno aiutare Franco ma oltre ai passaggi orizzontali non va. Ahia. 
Valeri 5: non è il solito cavallo da corsa. L'impatto iniziale con la C non è dei migliori. Ancora titolare a Verona? 
Butic 6: là davanti è l'unico che pizzica gli avversari. Delizia sul gol, croce nel provvisorio 1-1: fortunato e sfortunato nella stessa sera. GOL&AUTOGOL
Sarao 5: mal servito, non riesce ad entrare nel vivo del gioco. Mai pericoloso, deve cominciare a pungere.
Borello 4: il peggiore in campo, sbaglia il rigore a inizio match e per tutta la serata ne è condizionato. Gestisce molti palloni ma il copione è sempre lo stesso ed è prevedibile. BLACKMAGIC 
Cortesi 5:il giovane ex Forlì non dà la scossa nel momento decisivo.  
Zerbin 5: entra in campo ma non incide, deve trovare la forma migliore.
Valencia sv 
Capellini sv

Modesto 5: sei gol subiti in due gare non sono tollerabili: passi il Carpi ma la Vis Pesaro è una squadra alla portata, lo mostra anche il precedente in Coppa. Cambia modulo e assetto ma i blackout del Cabassi si ripresentano. La storia dell'uno contro uno deve essere rivista. Mancata la reazione di squadra, il Cavalluccio si è disgregato facilmente.

Curva Mare 6,5: buona presenza con la fiammata iniziale all'ingresso in campo dei giocatori. Cori fino alla fine, qualche fischio e nulla più. Il supporto non è mai mancato. 

Curva Ferrovia Vis Pesaro 6,5: Oltre 400 persone di lunedì sera: niente male. Vanno sotto e soffrono, si ammutoliscono ma nel ribaltone poi tornano a cantare. Beati loro.

2 commenti:

  1. È da tanto che non perdevamo così da polli. Errori da squadra esordienti su entrambi i gol subiti. Questo modo di giocare è troppo sbilanciato. Con i limiti tecnici che abbiamo, giocando così di gol ne prenderemo parecchi. I predicatori di 'bel gioco' a Cesena durano poco.

    RispondiElimina
  2. Allenatore modesto squadra più che modesta. Credo sia meglio prendere subito provvedimenti

    RispondiElimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti