giovedì 19 settembre 2019

Il Cesena è giovane in campo

Qui Villa Silvia - L'estate volge al termine e sui campi del Rognoni scende la pioggia a bagnare i ragazzi durante l'allenamento di giovedì mattina. Lo staff di Modesto ha tenuto impegnata la squadra per una sessione video di analisi prima dell'inizio 'vero' della seduta incentrata su diversi esercizi dai calci piazzati. Butic non si è allenato per un affaticamento che comunque non lo esclude dai disponibili per la partita con il Piacenza, non ci sarà sicuramente Franco ancora alle prese con l'infortunio alla caviglia e forse nemmeno il terzo portiere Stefanelli, bloccato dall'influenza. Merita un discorso a parte Russini, reduce dagli esami al retto anteriore del quadricipite destro: la lesione è sparita, pertanto l'attaccante può tornare a sudare in gruppo dopo tre settimane di esilio. Sarà dura vederlo tra i convocati per sabato sera, a rimpiazzarlo ci penserà Zecca, decisamente in palla dopo la formazione monstre di domenica scorsa con la Triestina. Mister Modesto dirigerà la rifinitura di venerdì mattina a porte chiuse in programma a Villa Silvia prima di incontrare i media per la conferenza stampa.

Gli obiettivi stagionali sono due: centrare la salvezza in Serie C senza troppe tribolazioni e impiegare quanti più giovani possibile. Fine delle discussioni. Se il primo traguardo lo conosceremo solo tra un paio di mesi, per quanto riguarda il secondo obiettivo il Cavalluccio si dimostra... giovane. Contro la Triestina sono stati 8 gli under che sono scesi in campo: Brignani, Valencia, Valeri hanno raccolto 90 minuti, Borello e Butic sono fermi a 70, Franchini (32'), Cortesi (20') e Ciofi il quarto d'ora finale. Detto questo, al fine dei contributi della Lega Pro, sono 477 i minuti compessivi che si sommani ai precedenti si ottiene il totale di 1936. Ne esce una media di 484 a partita. Una media alta, considerando che il regolamento prevede che "solo in caso di raggiungimento della soglia minima di 270 minuti e fino alla soglia massima di 450 minuti giocati da calciatori della stessa" nell'arco di una gara. In altri due casi, oltre quello con la Triestina, il Cesena ha utilizzato più del dovuto i calciatori nati dopo il 1998, ovvero: Carpi-Cesena 495, Cesena-Vis Pesaro 563. Il regolamento afferma che "nel caso venga superata la soglia massima nella gara, alla società verrà registrato il risultato di 450 minuti giocati". Solo contro la Virtus Vecomp Verona il minutaggio è stato sotto la soglia, per poco, con 421 minuti. La linea verde è quindi florida, ma il jackpot sarebbe impiegare i ragazzi del settore giovanile perché "la quota, determinata ai sensi dell’art. 4.3, verrà incrementata del 150% per i giovani calciatori provenienti dal proprio settore giovanile (Berretti, Under 17, Under 15, Allievi Prov/Reg; Giovanissimi Prov/Reg, Esordienti), con un tesseramento non inferiore a tre stagioni sportive consecutive. Ai fini del computo delle tre stagioni sportive consecutive (escludendo la stagione in corso) verranno considerate anche quelle in cui il calciatore sia stato ceduto a titolo temporaneo ad altro club; per stagione sportiva, ai fini della presente disposizione regolamentare, il tesseramento nell'annualità sportiva (dal 1 luglio al 30 giugno dell’anno successivo) deve essere mantenuto continuativamente per un periodo non inferiore a cinque mesi". Un labirinto di regole e coefficienti ma i bianconeri dovrebbero essere sulla buona strada.

Salgono a 211 i biglietti venduti in prevendita in vista della gara di sabato sera tra Cesena e Piacenza, di cui 119 tifosi ospiti che si accomoderanno in Curva Ferrovia. Prima del derby con il club emiliano ci sarà il corteo della Curva dal piazzale della stazione fino all'Orogel Stadium Dino Manuzzi.

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti