Qui Villa Silvia - Un'ora e mezza di lavoro per gli uomini di Camplone sul centrale del Rognoni dopo aver svolto le ripetute iniziali in salita dietro le collinette del Centro Sportivo. Davanti a Foschi, Lugaresi e Marin, spazio ad un riscaldamento blando e poi due partitelle a tema con possessi e finalizzazione, dove è andato a segno Akammadu, poi ribadita anche la marcatura nel test in famiglia. Le pettorine gialle hanno ribaltato i neri 2-1 con le rete di Ciano che aveva pareggiato quella di Rodriguez per i neri. Dalla Primavera sono stati aggregati Akammadu, Cavallari, Pompei e Maleh. Con Cocco in visita specialistica a causa dell'infortunio che gli ha fatto terminare la stagione, in campo erano assenti Panico e Vitale (rientrato per una tonsillite acuta) con l'Under 20 e gli acciaccati Balzano e Perticone. Il laterale ha un acciacco muscolare e viene dosato giorno per giorno, rimane in dubbio per Trapani. Il centrale invece ha un problema al polpaccio ma dovrebbe già rientrare nelle prossime ore. Mercoledì la squadra si allenerà alle ore 15.00 a porte aperte al Rognoni.

Notizie calciomercato. La stagione bianconera è ad un passo dalla conclusione. La salvezza ancora non è stata raggiunta anche se la statistica parla di 8 possibilità positiva su 9 disponibili. Non c'è certo da sottovalutare il doppio impegno con Trapani (in piena lotta salvezza) e Verona (ad un passo dalla Serie A) e la questione allenatore può certamente aspettare di vedere brillare l'epilogo stagionale chiamato permanenza di categoria. Se da una parte Andrea Camplone ha elogiato la piazza ed espresso su ogni testata che è disposto a rimanere a missione compiuta, ci sono da fare i conti prima con l'oste Foschi. Ripartire dai giovani e puntare alla salvezza, o ritornare ai "vecchi" esperti?
La piazza ha comunque apprezzato la svolta che il tecnico pescarese ha saputo dare ma appunto la torta deve ancora essere completate prima di appoggiarvi le candeline. In caso di non conferma, dopo salvezza avvenuta, è circolata la voce infondata di Filippo Inzaghi accostato alla panchina dell'ex Fiorita. Superpippo è reduce dall'ottima esperienza veneziana ma prima il debutto nel calcio di Serie A col Milan è stato deficitario. Cesena non è una piazza da esperimenti. La vera alternativa che trova conferma anche da Palermo, pare essere (usiamo il condizionale), quella di De Zerbi. Acciuffato e poi mollato dai rosanero, l'ex calciatore era già stato cercato ai tempi di Bisoli per entrare in campo, ora potrebbe essere una valida alternativa per la panchina, dopo l'esperienza in Sicilia e a Foggia l'anno precedente. Su di lui però ci sarebbero Brescia, Bari, Catania e Sassuolo una volta partito Di Francesco.

1 commento:

  1. Pensiamo a salvarci, va là. Tutt'altro che scontato.

    RispondiElimina

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha