domenica 29 settembre 2019

Cesena - Imolese 1-0 7° giornata Serie C 2019/2020

CESENA IMOLESE 1-0 (15' Butic)

Sintesi
La caduta di Padova è già dimenticata, la domenica pomeriggio dell'Orogel Stadium Dino Manuzzi propone il derby con l'Imolese del neo mister Atzori. Il rivale Modesto è costretto in tribuna dalla squalifica, al suo posto comanda il vice Perrelli. Dentro Ciofi, Valeri e Russini rispetto alla sfida di mercoledì scorso. 
Lo start è di marca ospite, sempre con il pallone tra i piedi seppur senza colpire verso la porta sotto la Mare. Il primo tiro vero arriva da Butic al 9', sfera sopra la traversa. Ammonito Valeri al 12'. 15', Butic segna, il Cesena è in vantaggio! Valencia serve Russini in profondità, il numero 7 viene fermato da Rossi ma la ribattuta premia il centravanti croato che non fallisce! La partita è ricca di falli, a farne le spese è Franco costretto a lasciare il campo al 27' per Zecca. L'Imolese è pericolosa al 41': Valeri, in giornata negativa, si fa saltare da Provenzano che arriva in area ma il suo pallone velenoso non arriva verso i compagni. Ancora un grande Butic al 44', Ciofi e Borello scambiano alla grande, il difensore serve l'attaccante che vede la conclusione deviata in corner. Un minuto di recupero e tutti negli spogliatoi. Il Cesena pare bloccato e presta il fianco al possesso palla dell'Imolese che però non impensierisce Agliardi. 
Dopo l'intervallo c'è Giraudo per Valeri. 54', punizione ben calciata da Provenzano che si stampa sulla traversa. Al 58' entrano Latte Lath e Maniero per Marcucci e Provenzano. Poche emozioni al Manuzzi, proseguono le mosse degli allenatori. Al 70' esce Belcastro ed entra Ingrosso. 72', Rosaia e Sarao rilevano Franco e Butic. 80', Ngissah per Valeau. All'81' Sabato viene ammonito. Al minuto 82 Latte Lath sfodera una conclusione da fuori area che costringe Agliardi alla respinta. Brunetti entra per l'infortunato Sabato all'87'. Cinque minuti di recupero in cui il Cesena riesce a farla franca e a difendere il vantaggio minimo! 
Vittoria sofferta più del dovuto in una sfida dalle rare emozioni, la testa va ora al match di lunedì 7 a Vicenza.

Il pagellone
Agliardi 6,5: una garanzia nelle uscite, ne canna solo una quando è Sabato a fermarlo. La parata sul tiro di Latte Lath mette il sigillo sulla vittoria bianconera.
Ciofi 6: tituba un poco quando viene affrontato, se la cava senza sbavature colossali. Gioca palla e crea un'opportunità per Butic nella ripresa.
Ricci 6: da perno centrale è tutta un'altra storia. Come per Ciofi, non ci sono grandi vaccate ma trema quando gli ospiti tenta la timida reazione.
Sabato 5,5: ormai è un tormentone. Non riesce ad imporsi e non risulta mai dominante sull'avversario. Eppure conosce il mantra di Modesto...
Franchini 6,5: a suo agio nei movimenti di squadra, riesce a ritagliarsi buoni spazi con e senza palla. Nulla di eccezionale ma almeno sulla fascia destra si gioca a calcio per novanta minuti.
Franco 5,5: per fortuna non c'è il Ronaldo padovano in campo. Oggi riesce a giocare a calcio ma le azioni fallose e le proteste sono le stesse dell'Euganeo.
Valencia 6,5: gli strappi sono da categorie superiori, uno di questi porta al gol di Butic. Si spegne quasi totalmente nel finale.
Valeri 5: tre falli in avvio di match e un giallo che lo limita. Provenzano lo scherza. Il romano non riesce a spingere come sa fare. Un tempo giocato basta e avanza. IN CROCE
Borello 6: non si stufa di sentire il cuoio tra i piedi. Tante idee, la ricerca ossessiva dello slalom lo premia nelle battute iniziali. Recita un ruolo secondario nel finale, qualche persa di troppo.
Butic 7: punta mobile e potente, è ancora una spanna sopra a Sarao. Lesto a ribattere in gol, successivamente pecca di precisione ma gira con il fucile carico. CROATIAN SNIPER
Russini 6,5: parte forte dai blocchi. La grande occasione ribattuta da Rossi si trasforma nel gol di Butic. Lo ferma solo un nuovo infortunio.
Zecca 6: non è il peperino visto fino a pochi giorni fa. Entra quasi a sorpresa, è di tutt'altra pasta rispetto a Russini e resta in partita ma gli mancano il guizzo e l'inserimento.
Giraudo 6: concentrato e tatticamente utile. Pochi acuti, un paio di intercettate nel finale danno respiro al Cavalluccio.
Rosaia 6: gambe e polmoni in mezzo al campo per mettere al sicuro i tre punti.
Sarao 6: rinnovata la staffetta con Butic, gioca di sponda per i compagni accorrenti ma, seguendo il copione della ripresa, non riesce a vedere la porta.
Brunetti sv
Modesto/Perrelli 6: tre punti previsti, tre punti ottenuti. Non è il miglior Cesena della stagione, l'avversario è ben contenuto e suona di rado al campanello di Agliardi. Mancano le occasioni da gol che si contano sulla mano di un falegname monco. Quanto basta per battere l'Imolese ma non per impensierire le altre avversarie.

Curva Mare Cesena 6: l'avvio è carico, c'è tanta voce anche dopo il gol dei beniamini. Calo vistoso nel secondo tempo. Si attendono tempi migliori in vista di gare casalinghe e trasferte contro tifoserie vere. Ad inizio ripresa compare lo striscione: "UOMO VERO, RIPOSA IN PACE, CIAO WALTER" in onore di mister Nicoletti deceduto in settimana.

Curva Ferrovia Imolese 5: una trentina di supporter rossoblù occupano il settore ospiti. Un bandierone, un due aste e poche pezze stanno a testimoniare che il calcio e il tifo in Romagna conoscono lidi più prestigiosi.

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti