domenica 3 marzo 2019

Cesena - Isernia 3-1 30° giornata Serie D 18/19


CESENA ISERNIA 3-1 (3' Petitti, 32' Alessandro, 40' Valeri, 84' rig. Alessandro)

Sintesi
Sole e passione all’Orogel Stadium Dino Manuzzi, il Cesena è chiamato alla riscossa contro l'Isernia. La partenza del Cesena è da shock: al 3’ Petitti si immola in un break solitario, saltando Noce e il resto della difesa bianconera scaricando alle spalle di Agliardi per lo 0-1. Terrore tra i supporters romagnoli per il disastro. Risponde l’airone Ricciardo al 7’, colpo di testa fuori su assist di Valeri dalla corsia sinistra. 18', giallo a Gyambaa per simulazione (la seconda da inizo match). Ci prova anche Campagna, il suo destro finisce sul fondo per pochi centimetri. Bianconeri che alzano i giri per trovare il pari e al 32’ il solito Alessandro da calcio da fermo insacca alla grande per l’1-1!!! Ci pensa Valeri a chiudere il sorpasso, al 40’ ancora Alessandro serve il terzino che porta in vantaggio il Cavalluccio! Risponde l’Isernia con la botta di Lenoci dai 30 metri, sfera che carambola sul fondo di poco. Si va al riposo sul 2-1.
Si riparte con il Cesena in avanti, al 52' Tonelli serve Ricciardo la cui incornata viene  bloccata. 54', primi cambi del match, dentro Marzio per Gyambaa mentre Angelini butta dentro Biodnini per Fortunato. Pochi secondi dopo il Cesena va vicino al tris: punizione, Benassi conclude ma viene respinto da Tano e la ribattuta di Ricciardo viene bloccata. Zammarchi rileva Tonelli al 64'. L'Isernia toglie Mbounga per Maresca; il Cesena cambia ancora inserendo Viscomi per Noce. Al 73' Ricciardo lascia il posto a Tortori. Proseguono le sostituzioni, all'80' Rutjens entra per Valeri mentre gli ospiti tolgono Schena per Capuozzo. Poche emozioni ma i bianconeri amministrano fino a quando Alessandro viene steso in area avversaria: rigore netto. Lo stesso attaccante va sul dischetto: conclusione centrale con Tano disteso a destra! 84': Cesena 3 Isernia 1! All'86' Rutjens si concede un tiro a giro che trova i guanti del portiere avversario in volo. 90', l'Isernia mette Ciccone per Romano. I quattro minuti di recupero servono solo a posticipare la gioia dei tifosi bianconeri!
Ritorno al successo per il team capitanato da De Feudis, nel frattempo il Matelica batte la Sangiustese per 2 a 0. 8 giornate alla fine, restano 5 punti tra romagnoli e marchigiani.

Il pagellone
Agliardi 6: viene sorpreso dal folletto Petitti. I suoi urlacci destano una squadra inizialmente assopita e poi controlla ogni pallone.
Noce 5: difesa da matita rossa nell'azione dello 0-1. In bambola fino alla mezz'ora, si riprende pian piano quando il risultato sorride al Cavalluccio ma la faccia non è delle migliori. RELAX, TAKE IT EASY
Ciofi 6: acconsente ai comandi dell'esperto Benassi per portare la nave in porto.
Benassi 6,5: ferma senza fatica le offensive ospiti. Tano gli nega la gioia del gol con un intervento prodigioso.
Valeri 7: un trattore sulla fascia sinistra. L'Isernia rinuncia a spingere dalla sua parte, lui continua a spingere trovando anche la rete.
Fortunato 6,5: centrocampista d'inserimento senza veri spunti. Trova invece un paio di valide aperture, una di queste porta al 2-1.
De Feudis 6: vigila sul match senza eccessi. Tecnicamente una spanna sopra agli uomini di Silva, sa bene quando giocare di fino o andarci duro.
Campagna 6: fatica nelle battute iniziali in seguito aprofitta del naturale calo biancoazzurro.
Tonelli 5,5: tanta buona volontà. Qualche aggancio difettoso e una collaborazione non perfetta con i compagni lo allontanano dalla partita.
Ricciardo 6: torna in campo, si vede e si sente. Oggi la palla non entra, attendiamo fiduciosi l'appuntamento col gol.
Alessandro 8: l'avversario non può impensierirlo. Gol, assist, gol: un tormento per l'Isernia. La rincorsa alla Serie C passa dal numero 10. MARTELLO PNEUMATICO
Biondini 6: va a fare la volpe assieme al gatto De Feudis per rafforzare la cerniera centrale.
Zammarchi 6,5: peperino interessante nel 4-2-3-1 della ripresa. Nel finale arriva ad un passo dal gol prima di essere fermato da Tano.
Viscomi 6: entra con il suo fisicone perperorzare le ultime vane speranze molisane.
Tortori 6: slalomeggia nell'ormai arresa retroguardia dell'Isernia in vista del gioioso finale.
Rutjens 6: terzino di copertura prima del triplice fischio. Un meraviglioso tiro a giro 'alla Cavani' trova i guantoni del portiere avversario.

Angelini 6: la mossa Tonelli non porta i risultati sperati. Ci si mette di mezzo pure Noce, uno di quelli meno in luce nelle ultime uscite. Alla lunga emergono in valori dei singoli, ben supportati dal resto della squadra. I cinque cambi sono ponderati e danno un grosso contributo a prendere i tre punti.

Curva Mare Cesena 6,5: anche dai gradoni arriva la carica che ribalta il risultato. Nel finale la Mare si accende ed esulta al triplice fischio.

Curva Ferrovia Isernia 6: una cinquantina al seguito, tutti dietro lo striscione "Per noi, per la città non per questa società".

1 commento:

  1. Forse varrebbe la pena giocare con ciofi a destra e viscomi centrale con benassi; mettendo Munari o Zammarchi titolari in attacco a destra.

    Insomma, distribuire i 4 under un po' di più tra i reparti.

    Noce - che comunque sta giocando fuori tipo - è spesso tra i peggiori.

    RispondiElimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti