BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio

lunedì 30 luglio 2018

Pelliccioni si presenta: "Cominciamo con fiducia"

Qui Pievesestina - Apertura di settimana con l'annuncio ufficiale del nuovo direttore sportivo del Cesena FC: Alfio Pelliccioni ex Monopoli. Prima della presentazione sono state elencate le 22 aziende che compongono la nuova compagine societaria: Maxicart, Combitras, Righi, Effegibi, Olimpia Costruzioni, Aren Electric Power, Hippogroup Cesenate, Linx, Onit, LGH, Sicura, Manuzzi, Casadei Pallets, Vitobello Ricambi, Vignali, Ghetti Roberto, Profumeria Sabrina, Comaco, Cesare Pollini - Zavoli, Ranieri, La Cesenate conserve alimentari, Pubblisole.
Ad aprire la diretta tv di Teleromagna ci ha pensato il neo presidente Patrignani che ricorda l'attaccamento che servirà da parte della tifoseria con la prossima apertura degli abbonamenti (il 10 agosto forse il via, obiettivo 4000). Impensabile giocare a Ravenna o Rimini.
Giovedì 2 agosto sarà costituita ufficialmente la NewCo con il consiglio d'amministrazione composto da Gianluca Padovani come delegato (Pubblisole), Roberto Ghetti, Lorenzo Lelli, Marco Borghetti, Michele Manuzzi e Marco Rondoni nelle vesti di revisore.
L'amministrazione sta lavorando alacremente anche per riportare fin da subito il Cavalluccio, in alternativa ci sarà un simbolo simile.

Un breve passaggio lo ha fatto anche Daniele Martini, direttore generale del Cesena FC.
"E' da un mese che stiamo lavorando sodo e faccio i complimenti a Gianluca Padovani perchè è la persona che ci ha messo più del suo in questo lungo processo. Ringrazio anche tutti i soci che hanno dato il modo al Cesena di ripartire e in futuro centrare gli obiettivi consoni alla città e alla tifoseria. E' ripartito anche il settore giovanile, entro 2 settimane avverrò lo start di stagione con anche le 4 formazioni femminile. Il vivaio è stato saccheggiato come normale che fosse fino ai 14 anni ma è il momento di ripartire.
La Serie D sarò molto competitiva, il Modena ha chiesto che il Cesena non venga inserito nello stesso girone. Andremo a sentire di incastrare il calendario perchè rimane la questione stadio aperta, nelle prossime 24 ore saperemo qualcosa in più perchè probabilmente lo avremo a disposizione a fine settembre e quelle in casa giocarle a Forlì con l'alternanza casa-trasferta. Chiederemo mercoledì anche di non mettere il turno infrasettimanale a settembre. L'alternanza si dovrà fare per forza perchè è l'unico stadio in cui possiamo giocare. Con l'Imolese ormai ripescata forse la Romagna la inseririranno con le Marche".
Parola quindi ad Alfio Pelliccioni, neo direttore sportivo.
"Lavoro da tanti anni tra Serie C e Serie D, una volta ero arrivato in B ma non mi hanno voluto e sono ripartito dalla C (ride). Ho aderito molto volentieri alla chiamata di Martini, io sono di San Marino ma sono romagnolo perchè ho sempre vissuto qui e sono sempre venuto allo stadio Dino Manuzzi.
Il discorso è difficile ora che si parte, i miracoli non li fa nessuno. Ci vogliono impegno, lavoro, rimboccarsi le maniche, è una categoria brutta. Il mio impegno è far si di toglierci da questa categoria il prima possibile. Tutti insieme, noi, i giornalisti e i tifosi dobbiamo tirare tutti dalla stessa parte.
Abbiamo una base di 12 ragazzi che tutti gli anni lottano per salvarsi, noi dobbiamo aggregare figure che puntino più in alto per essere competitive.
Nei primi anni 2000 ero vicino al Cesena con Castori in panchina. Avevo parlato con Lugaresi in una trasmissione tv e Valentini il giorno dopo mi chiamò annunciandomi una chiamata del presidente, mai arrivata.
Sono stato benissimo a Monopoli ma qui è tutto diverso. Qui c'è tutta un'altra storia, sono convinto delle mie possibilità, l'obiettivo è quello di salire di categoria.
Angelini? Ho collaborato con lui anche prima di Santarcangelo, ma in gialloblu siamo stati insieme 6 mesi. Lavora bene sul campo ma bisogna supportarlo, non ha grosse esperienze oltre in C e nei settori giovanili ma credo sia uno dei migliori qui in Romagna.
Per rispettare le regole dovremo fare un mix, in porta partirà un giovane con esperienza in categoria. Alterneremo quindi chi ha meno esperienza a chi ne ha più. Non faremo come il Modena che ha 17 over perchè in campo ne possono giocare 7.
I tempi stringono, ad agosto vogliamo fare 8 amichevoli per amalgamarli tutti insieme. In questo mese faremo il 90% della squadra.
De Feudis? Lo conosco da sempre, l'ho rivoluto qui e a 34 anni è ancora integro fisicamente. E' una bandiera.
Biondini? Vediamo se ha voglia ancora di giocare, a noi interessa. Noi vogliamo portalo via al Sassuolo che lo vorrebbe nello staff delle giovanili. Sarà una sua scelta.
Capellini? Più andiamo avanti e ci sono possibilità di averlo, come del resto tutti. La piazza è ambita.
Lo staff tecnico è rimasto quello di Angelini, si è aggiunto Antonioli.
Il dubbio è non partire bene per tutte le difficoltà che abbiamo. Non voglio perdere nessuna partita, io voglio vincere. La mia mentalità è stata quella. Noi non abbiamo il budget che ha avuto il Parma ma sono comunque contento perchè è maggiore rispetto ad altre squadre. Non dovremo lasciare il gap dall'inizio perchè a lungo andare verremo fuori.
Bracaletti? L'ho chiamato ma in Coppa Italia ha già fatto 2 gol... va molto bene per l'età che ha in Serie C, è difficile".

Notizie calciomercato. Il nuovo direttore sportivo Pelliccioni ha già lavorato in veste ufficiosa per il Cesena portando a casa alcune pedine. Il pezzo più pregiato è senza dubbio Giuseppe De Feudis: terminato il contratto con l'Arezzo, il mediano 'romagnolizzato' vestirà la casacca bianconera anche in serie D dopo averla indossata anche nelle tre categorie superiori, un vero e proprio record.
E' ad un passo il difensore del Monopoli Maikol Benassi mentre in settimana ci sarà un incontro con Andrea Magrassi, bomber del Matelica. Il vero 'pezzo da 90' risponde al nome di Manuel Nocciolini di proprietà del Parma, un vero bomber di categoria con un contratto da paura (180mila stagionali). La trattativa con i ducali pare davvero ardua.
Le regole impongono la presenza contemporanea in campo di un ragazzo nato nel '98, due nel '99 ed uno nel 2000. Il primo 'under' in arrivo è il terzino Emanuele Valeri del Lecce, classe '98 che due stagioni fa ha dominato in questa categoria con la maglia del Rieti. In porta giocherà un giovanissimo, le opzioni sono Schaeper (Napoli), Romboli (Livorno) e Siaulys (Entella). La chioccia del numero sarà certamente un 'over': si fa il nome di Pietro Menegatti, già visto al Manuzzi da terzo portiere un paio di anni fa.
Nel frattempo il ds si sta muovendo anche per rinforzare la squadra con altri elementi che dovranno comporre la colonna portante del nuovo Cesena. Sono tanti i cavalli di ritorno: il trequartista Nicola Capellini in uscita da Santarcangelo, manca solo la firma; Danilo Alessandro, punta della Pro Piacenza; Caio De Cenco, attaccante brasiliano in passato di proprietà del Cavalluccio e ora a Padova; Elia Ballardini, centrocampista del Ravenna.
Difficile (ma non impossibile) il ritorno a Cesena di Davide Biondini, attualmente fermo dopo la scadenza del contratto col Sassuolo. Martedì il centrocampista di Montiano incontrerà la dirigenza emiliano che gli proporrà un posto da mister delle giovanili; dall'altra parte, Pelliccioni farebbe carte false per riportarlo a casa.

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti