BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio

sabato 17 febbraio 2018

Cesena - Cittadella 0-1 26° giornata Serie B 17/18

CESENA CITTADELLA 0-1 (29' Kouamè)

IL RACCONTO DELLA GARA
Castori mischia le carta contro il Cittadella di Venturato. Dentro Suagher per Scognamiglio, Cacia per Jallow. Al 4' subito Schiavone prova con una bordata a mettere cattivi pensieri ad Alfonso, di pugni respinge. Poi il Cittadella prende in mano il gioco e al 8' in contropiede Strizzolo centra in diagonale il palo esterno con Fulignati fermo. Proprio il numero 17 si rende protagonista dopo la ribattuta di Fulignati maldestra sulla volée di Schenetti. L'attaccante centra il palo interno che si tramuta in un assist involontario per Kouamè tutto solo e sigla lo 0-1 al 29'. Il Cesena non si sveglia, solo al 43' Cacia di testa mette un brivido ad Alfonso che blocca in due tempi. Squadre negli spogliatoi dopo 1 minuto di recupero.
Castori parla a muso duro negli spogliatoi e cambia due pedine: Esposito infortunato alla schiena e Dalmonte lasciano le magliette a Scognamiglio e Jallow, mentre al 55' Venturato rileva Alfonso non al meglio per il dodicesimo Paleari. Il Cesena prova a dare il gas, Kupisz di testa serve Jallow che mette alla prova il neo entrato sul primo palo, angolo poi non sfruttato. Spazio quindi a Bartolomei e Vido, cercato tanto sul mercato a gennaio. Al 70' Laribi pesca da corner Perticone, la sua incornata non centra il bersaglio. L'unico sussulto del Cittadella nella ripresa è dai piedi dell'ex Iori, il numero 4 spara altissimo. Castori gioca il tutto per tutto: dentro Chiricò per Kupisz al 73'. Un minuto dopo Cacia mira lo specchio ma Paleari spedisce in corner, poi al 78' la punizione di Chiricò non va a segno. Al 93' a pochi secondi dalla fine la girata al volo di Fulignati si alza sopra la traversa su cross di Fazzi. Il Cesena esce sconfitto all'Orogel Stadium Dino Manuzzi e insieme all'Entella piomba di nuovo nella zona rossa con il Brescia un punto sotto.

PAGELLONE
Fulignati 5: poteva fare meglio sulla respinta del tiro al volo di Schenetti. La sua gara è tutta lì. IMPALLATO
Perticone 6: lotta fino alla fine, il capitano si fa sentire. MAGLIA SUDATA
Esposito 5,5: Kouamè era il suo uomo sull'azione del gol, poi si fa male ed esce dal campo. GIORNATACCIA
Suagher 5: non copre bene sul tiro assist di Strizzolo, pesa come un macigno. SVISTA
Fazzi 5,5: la corsia non è sempre ben coperta. SCOPERTO
Kupisz 5: in allenamento è un giocatore fantastico, in partita meno. Corre e lotta come un leone, ma non incide mai. SENZA UNGHIE
Schiavone 6: la prima stoccata è sua, a centrocampo è lotta vera e nel finale cala clamorosamente. BATTERIA SCARICA
Di Noia 5,5: nervoso come molti dei suoi compagni di fronte ha Iori con Chiaretti tra le linee a far danni. MURETTO
Dalmonte 4,5: mai nel gioco, in fase calante esce dopo i primi 45 minuti. FANTASMA
Laribi 5,5: i suoi assist sono da "polveri bagnate", non incide a dovere anche se dalla bandierina si fa sentire. BERSAGLIO
Cacia 5,5: vedi Laribi, ha due occasioni prima di testa a fine primo tempo e al 74' di piede. COMPITINO
Scognamiglio 6: incontenibile durante le fasi a muso duro durante il suo riscaldamento e si becca il giallo, entra nella ripresa con questo fardello ma tiene a bada Vido. RISSOSO
Jallow 6: vivacizza un Cesena molto timido e senza troppe idee. Prima a sinistra poi a destra mette pericoli, soprattutto appena entrato al 57'. SGUIGNO
Chiricò 6: rileva Kupisz al 73', gioca 20 minuti netti con recupero, salta l'uomo e scambia con i compagni di prima. BRIO

Castori 5: interpreta male la gara e non azzecca le scelte del turnover. A fine gara ammette che la sconfitta ci può stare contro la quarta della classe ma comunque ad Ascoli tra una settimana occorrerà fare di meglio di quanto visto oggi, Venezia e Avellino.

Curva Mare Cesena 6: non al top dal punto di vista canoro, molto bella la coreografia iniziale che oscura di fumo bianco e nero il settore in onore di Marco Pantani.

Settore Ospiti Cittadella 6: non si fanno mai sentire, però le pezze e le bandiere non mancano e soprattutto dal punto di vista numerico rispetto alle annate precedenti sono in leggerissimo aumento.

5 commenti:

  1. Casori fa giocare troppa gente fuori ruolo: Laribi deve giocare trequartista, non c'e' verso. Sulla fascia non rende. Mancano terzini di ruolo (salvo Eguelfi, fuori dal medio Evo).

    Per la rosa attuale il modulo piu' adatto sarebbe il 3-4-1-2 (con variabile 3-4-3):

    Fulignati
    Perticone-Scognamiglio-Esposito
    Vita(Fazzi)-Schiavone-Di Noia-Fazzi(Eguelfi)
    Laribi
    Jallow-Cacia(Moncini)

    Variante con tridente largo, dovesse mancare Laribi:
    Chirico'(Dalmonte)-Cacia-Jallow

    Ma Castori non giochera' mai cosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. castori non ci capisce un cazzo di calcio. solo tanta grinta, niente più

      Elimina
  2. Perché prendersela con castori, e non con lugaresi, questo ha venduto tutto quello che voleva e ora aspettiamoci la serie c....

    RispondiElimina
  3. Poi fallimento.



    Poi fallimento sicsicm





    RispondiElimina
  4. Le colpe maggiori sono senza dubbio di Lugaresi. Poi Foschi ci ha messo del suo (ad esempio, non riuscendo a prendere il terzino sinistro che mancava), ma ora anche castori sta scazzando: la squadra tatticamente non ha un verso e l'atteggiamento catenaccio-e-sperindio alla lunga non paga.

    RispondiElimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti