Qui Villa Silvia - Mancano ormai pochi giorni alla sfida tra Cesena e Venezia, in cui i bianconeri hanno mosso diversi giocatori dopo la chiusura del mercato di ieri sera alle 23.00. Dopo gli addii di Ligi e Crimi, sono arrivati Rigione e Scognamiglio per la difesa, Di Noia a centrocampo e il botto Cacia sul suono del gong. Un rinforzo per reparto insomma. Oggi tutte e tre erano presenti alla seduta del venerdì a porte chiuse e proprio domenica il tris quasi al 100% farà il suo esordio dal primo minuto in bianconero.
Dal campo Panico è tornato dallo stage con la Nazionale U20, Esposito e Kone proseguono le terapie, mentre Donkor acciaccato ha svolto solo lavoro in paletra. Dopo l'attivazione fisica sono stati testati i movimenti tattici con i nuovi elementi, vista l'assenza di Jallow per i prossimi due turni toccherà a Gliozzi e Cacia andare a segno, mentre Rigione farà comparsa con Cascione al centro e Perticone a destra. A centrocampo oltre a Kupisz, Laribi, Vita e uno tra Eguelfi e Fazzi ecco approdare Di Noia. La partitella finale è stata decisa ai rigori dopo lo 0-0 finale, Cascione ha deciso la sfida. Sabato seduta ancora a porte chiuse alle ore 10 con conseguente conferenza stampa di Camplone e ritiro a Milano Marittima.

Emmanuel Cascione ha parlato a poche ore della seconda gara di Campionato 2017-2018 a Pianeta Bianconero. Domenica sera alle 20.30 all'Orogel Stadium Dino Manuzzi arriverà il Venezia di Filippo Inzaghi.
"Al San Nicola abbiamo avuto buone occasioni e siamo stati in partita, fino al primo gol del Bari, da lì siamo crollati. E' mancata la cattiveria, la grinta, la corsa: al di là dei valori tecnici, sono tutti aspetti fondamentali per poter giocare bene. Nel precampionato non siamo mai andati in svantaggio, essersi trovati in questa situazione ci ha messo un po' a disagio. Non c'è stato alcun calo fisico, a Genova abbiamo giocato fino ai supplementari con un avversario di serie A senza particolari problemi. E' stata una giornata storta ed è un peccato che sia arrivata alla prima.
Questo primo match è stato un duro banco di prova, non dobbiamo abbatterci e abbiamo il dovere di fare meglio domenica contro il Venezia. Affronteremo una squadra neopromossa che ha mantenuto il gruppo principale con l'aggiunta di qualche buon elemento, non possiamo sottovalutare nessuno.
Una delle sorprese di questi primi mesi è Gliozzi, è sempre disposto a sacrificarsi per la squadra e secondo me potrà diventare un grande giocatore: può esplodere da un momento all'altro, Immobile fece lo stesso quando era con me a Pescara. Questa estate mi sono allenato con Dalmonte, è carico da mesi e non vede l'ora di rientrare in campo per giocare partite ufficiali.
Fulignati necessita di tempo per maturare, può disporre dei consigli di Agliardi: è un ragazzo intelligente e ha la possibilità di migliorare il reparto difensivo. Farabegoli sta impressionando il resto del gruppo, nei primi giorni di ritiro appareva timido ma la sua umiltà l'ha portato a crescere allenamento dopo allenamento.
Sono a Cesena da cinque anni, ho vissuto bellissimi momenti in questa città e anche la mia famiglia si trova bene. Il mio rapporto con mister Camplone è ottimo sia dentro che fuori dal campo, mi aveva allenato a Pescara e sono stato felice quando è arrivato qua.
Il pubblico casalingo è fondamentale, ci consente di aumentare la nostra grinta e di mettere in soggezione gli avversari che vengono a giocare qua".

1 commento:

  1. La difesa titolare deve essere Perticone-Rigione-Scognamiglio.

    RispondiElimina

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha