BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

sabato 4 marzo 2017

Cesena - Vicenza 1-1 29° giornata Serie B 16/17

CESENA VICENZA 1-1 (6' Ciano, 45' Orlando)

IL RACCONTO DELLA GARA
Match dei ricordi per il Cesena che ritrova Bisoli sulla panchina del Vicenza. Terzo scontro salvezza in otto giorni per i bianconeri che devono allontanarsi dalla zona calda della classifica. Dal primo minuto Agazzi, Donkor e Di Roberto, in panchina vanno Agazzi e Setola mentre il dolorante Perticone è in tribuna.
Al 6' l'avvio è fulmineo, botta di Garritano che impegna Benussi e non trattiene, tanto che arriva Ciano e sigla il suo decimo gol stagionale! Subito uno a zero per il Cesena! Alla ripresa del gioco Cocco ha il colpo del ko, in girata spara fuori da ottima posizione. Al 24' si fa vedere il Vicenza: corner dalla sinistra, Adejo di testa impegna seriamente Agazzi che alza sopra la traversa. E' un Cesena volitivo ma non riesce ad addormentare la partita, tanto che arriva l'insperato pari ospite al 45': cross dalla sinistra, Ligi non marca a dovere e la palla finisce sui piedi di Orlando che dalla destra infila Agazzi. Si va negli spogliatoi sull'1-1 che delude il Cesena.
Nel Vicenza entra subito Amelia per Benussi causa infortunio. Al 52' Kone dal limite la manda fuori di poco. Sale in cattedra Di Roberto al 54', dalla destra sul primo palo trova Cocco che manda la sfera fuori di un soffio.
Cala la benzina con Di Roberto che al 60' lascia il posto a Laribi, poi al 69' Bellomo fa spazio a Giacomelli. Ci riprova il Cesena proprio con Laribi, viene murato da Amelia con un super intervento al 73'. Bisoli rileva quindi Orlando per Rizzo al 75', mentre Camplone innesta Rodriguez per Cocco. Prova il tutto per tutto il Cesena, con Panico al posto di Crimi al 83'.
Al 92' potrebbe chiudersi il match: Garritano viene chiuso con un sandwich da Adejo, la palla carambola su Ciano ma dal dischetto spara altissimo! Amelia pare aver toccato la sfera ma l'arbitro concede rimessa dal fondo.
Finisce quindi con un deludente paregggio a fronte delle 4-5 nitide palle gol create. Due punti in tre partite sono davvero pochi.

PAGELLONE
Agazzi 6: una parata in tutta la partita. Un gol subito che ormai è diventato legge per il cavalluccio. LE BASI
Donkor 6,5: l'avvio è sulla falsariga di Latina. Si riprende decisamente nella ripresa quando agisce da terzino. SCOPERTA
Rigione 6: Ligi gli va addosso sul gol vicentino. La zanzara De Luca non punge. AUTAN
Ligi 5: vorremmo non incolparlo sempre ma non vogliamo nemmeno passare per bugiardi. La marcatura nel pareggio ospite è da galera. LA VERITÀ
Di Roberto 6: la difesa non fa per lui, meglio dalla metà campo in su. Mette gamba, forse troppa: esce dopo un'ora con il fiatone. FATA FADIGA
Garritano 6,5: mezzala bene, esterno ancora meglio. Intenso per tutto l'arco del match, il 'senza ruolo' si rivela come una spina nel fianco per i veneti. GARRITANO'S KARMA
Crimi 6: nulla di eccezionale, non proprio ordinato ma almeno limita i danni rispetto a precedenti esibizioni meno brillanti. PULITO
Kone 5,5: gioie e dolori. Alterna recuperi prodigiosi a palloni sparati a caso, poco preciso nel complesso. ALLA CARLONA
Renzetti 6: Renzo fa i chilometri, supera gli ostacoli ma le sue caramelle, in concorso di colpe, non vengono raccolte dai compagni. TRATTORE DA GIARDINO
Ciano 6: lesto a colpire a rete sulla respinta di Benussi. Interagisce con Cocco ma è poco pericoloso palla al piede. ACUTO
Cocco 6: l'arbitro non gli consente di utilizzare il fisico e gli sanziona ogni contatto. Vede la porta ma non riesce ad affondare. FIORETTO
Laribi 5,5: ordinato tatticamente, qualche passaggio sbagliato di troppo crea il consueto disappunto. AS USUALLY
Rodriguez 5,5: fa lo stesso lavoro sporco di Cocco ma subisce troppo Esposito e Adejo. SOTTOMESSO
Panico sv

Camplone 6: il Vicenza alza il muro e il Cesena ci sbatte contro. Classico gol subìto a fronte di due tiri contro la propria porta, i suoi uomini fanno poco di meglio in attacco... e anche oggi vinciamo sabato prossimo.

Curva Mare Cesena 5,5: saluto doveroso a Bisoli nel prepartita. Gas dopo il gol di Ciano, il tifo si spegne con il passare dei minuti: si può fare di più.

Curva Ferrovia Vicenza 6,5: buona presenza dei tifosi veneti. Bandieroni e sciarpe al cielo, a più riprese superano vocalmente i cesenati.

INTERVISTE POST PARTITA
Andrea Camplone
"Siamo diventati presuntuosi e ci siamo accontentati dopo l'1-0. Abbiamo avuto almeno tre ripartenze nitide e sono state sbagliate tutte. Non ci rendiamo conto della condizione in cui siamo e ci dobbiamo dare una svegliata.
Abbiamo avuto la fortuna di avere il vantaggio dopo sei minuti e abbiamo fatto di tutto per tenere aperta la partita, la fine del campionato si sta avvicinando. Non esiste che un calciatore faccia cose difficili in mezzo a cinque avversari sacrificando una giocata molto più semplice.
Non si può creare così tanto e non chiudere la partita. Occorre cambiare mentalità, sono amareggiato e non salvo nulla da questa partita, nemmeno il punto raccolto".

Pierpaolo Bisoli
"Siamo venuti a Cesena ad affrontare una squadra di spessore ma noi dobbiamo fare i conti con l'emergenza degli infortunati. La partita è stata a viso aperto e si è giocato principalmente sugli episodi.
Gli avversari sono andati in vantaggio con un tiro da fuori e la successiva ribattuta in rete, i ragazzi sono stati davvero bravi a rimetterla in parità con Orlando. Sia loro che noi volevamo fare punti. La nostra prestazione è accettabile, non è così semplice pareggiare al Manuzzi e in uno scontro diretto il risultato finale vale doppio ai fini della classifica.
Ora spero di recuperare qualche uomono per lo sprint finale in chiave salvezza".

2 commenti:

  1. Camplone è bravo a braitare DOPO. Ma preparare la partita per il verso PRIMA, no?!

    Ancora colpa di Drago se siamo presuntuosi e senza grinta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si.è colpa di Drago....e poi per favore, basta di rievocarlo, lo abbiamo rimosso definitivamente!!!!
      Prima di paragonare un buon allenatore spesso vincente come Camplone a uno che ha sempre ottenuto risultati mediocri", bisognerebbe che quest ultimo almeno un minimo successo quest ultimo lo ottenesse, il che a mio parere è assai improbabile.

      Elimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti