martedì 11 novembre 2014

Dionigi: "Andiamo avanti con Bisoli"

Qui Villa Silvia - La ripresa degli allenamenti è stata fissata nella giornata di mercoledì. Leggi qui il programma completo della settimana dei bianconeri. Magnusson, Leali, Garritano e Carbonero saranno impegnati invece con le rispettive nazionali.

Nel summit tenutosi ieri pomeriggio della durata di 5 ore si sono ritrovato Lugaresi, Foschi, Bisoli, Valentini e Marin. C'è unità di intenti ma la riunione era stata già programmata e si va avanti con l'allenatore della tripla promozione. Dunque non è stata un atto conseguente alla sconfitta. Giusto? Sbagliato? Solo l'esito degli eventi ce lo dirà. Certamente cambiamenti di atteggiamento in campo saranno necessari per rialzare la classifica indegna in cui si stiamo trovando.
Su internet invece è feroce la critica: la maggioranza dei tifosi appoggia Bisoli, mentre un buon gruppo vorrebbe la sua testa definendolo "allenatore buono per la B". In città il clima è caldo, la Curva bolle come successo con i fischi dati ai giocatori scesi in campo al Bentegodi e la stagione si fa drammatica.

Christian Dionigi è stato ospite negli studi di Teleromagna ieri sera in tv.
"La riunione era già stata fissata con la sosta, il primo bilancio era quindi già programmato. La riunione è stata caricata di importanza in via giornalistica dopo la sconfitta.
L’errore di prospettiva è di personalizzare la cosa con un plebiscito o un sondaggio. La prestazione di domenica è del tutto scadente, dobbiamo migliorare sotto gli aspetti cruciali con l’allenatore. Occorre quindi l'unità migliore possibile. La linea non cambia, siamo tutti in discussione. Alcune partite sono state apprezzabili, in momenti peggiori abbiamo reagito anche se poi siamo scivolati in episodi da calcio piazzato.
Col Chievo tutto è stato deludente, noi vogliamo restare in Serie A anche per il capitale. E’ incorretto parlare di uno solo. Non possiamo sbagliare: occorre conservare la Serie A per un progetto di più anni, difenderla ad ogni costo. Dopo ieri, è normale riunirsi e si parla in maniera seria e costruttiva. C’erano Bisoli, Foschi, Valentini, Marin e Lugaresi. La riunione è stata molto utile, sono emerse tutte le questioni da migliorare. Bisoli ha rincuorato tutti. Andiamo avanti con la consapevolezza che abbiamo qualcosa di importante in mano.
Giorgi è stato recuperato, Cazzola è stato frenato dall’ambientamento. Rimane solo Pulzetti. Dobbiamo recuperare gli elementi e perfezionarci, non ci sentiamo inferiori ad altri.
Se guardiamo il modulo che cambiava spesso non dovevamo metterlo sotto contratto perché lo Bisoli lo ha usato come cavallo di battaglia. Immaginarlo di immobilizzarlo in un modulo non è da lui. Indipendente dai sentimenti esterni, quando meritava fiducia gliela abbiamo sempre data. Altrimenti verrà revocata.
Se ci sarà bisogno interverremo sul mercato, come successo lo scorso anno con colpi di Foschi. Non sarà una questione economica ad impedire eventualmente di cambiare l'allenatore.
Giornalisti? Apprezzo molto il loro lavoro che è caratterizzato da 2 elementi: la buona fede e alcuni punti apprezzabili".

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti