JUVE STABIA CESENA 0-2 (Defrel 11', Garritano 50')

RISULTATO FINALE: JUVE STABIA CESENA 0-2
Juve Stabia CESENA 0-2. Brutta notizia per la Juve Stabia e Fabio Caserta: il fratello del giocatore è morto questa notte in un terribile incidente stradale. Il capitano quindi non sarà della gara, al suo posto Doninelli in mezzo al campo. Vespe in crisi di risultati, non vincono in casa da oltre 6 mesi, CESENA invece disposto in campo con diverse assenze.
I primi minuti di gioco sono di studio, tanto sole e discrete presenze sugli spalti, compresi anche i supporters del CESENA (ultras compresi!!). All'11' c'è la fiammata dei bianconeri: lancio dalle retrovie, Succi si invola a sinistra e scavalca Martinelli in velocità, alza la testa, pennellata per Defrel che si smarca ottimamente da Contini e sinistro al volo sotto la traversa! Apoteosi nel settore ospiti, gran gol per il francese. La Juve Stabia non combina nulla di buono, anche se la volontà non manca, ma il gioco non decolla. Si passa così alla mezzora, bordata di sinistro di Tabanelli che costringe Calderoni a volare alla sua destra, palla in angolo, poi risulterà mal battuto.
Le Vespe provano a pungere da calcio da fermo, come detto da Bisoli alla vigilia: Vitale dal limite destro dell'area di rigore prova a sorpredere di sinistro il palo di competenza di Campagnolo, ma la sfera è deviata in angolo. Nulla di pericoloso, passano cinque minuti e Defrel tenta un timido rasoterra dal limite, ma Calderoni non ha problemi ad intervenire.
La Juve Stabia entra in gioco al 38' in maniera pericolosa. Scozzarella salta Renzetti, Sowe supera Volta di testa e colpisce a rete, ma Campagnolo dice "no". Tiene il vantaggio bianconero al Menti! Giunti nel recupero, un solo minuto, tutti negli spogliatoi.
La ripresa vede subito un cambio tra i padroni di casa, fuori Doninelli per l'attaccante Diop. Il match muta, gli stabiesi si catapultano in avanti alla ricerca del pari. Al 49' Scozzarella con una serpentina entra in area ma Campagnolo spedisce in corner la sua conclusione. Occasionissima dalla rimessa dell'angolo: mischia in area con Sowe ed altri due compagni protagonisti in negativo per il possibile 1-1. Campagnolo compie tre mezzi miracolo e salva il vantaggio! Gol sbagliato e gol subito. Il calcio è così e nella ripartenza del CESENA Garritano entra in area da sinistra, si accentra e lascia partire un destro a giro che trafigge Calderoni! 2-0 per il Cavalluccio, Juve Stabia negli abissi! Cambio quindi al 55' per i padroni di casa: Ciancio lascia il posto a Ghiringhelli. Al 64' Di Carmine prova un tiro di prima dal limite, ma è troppo debole per mettere serie preoccupazioni a Campagnolo.
Bisoli opta per la prima sostituzione: Garritano, autore del 2-0 lascia spazio a D'Alessandro. Invece dalla panchina opposta, Scozzarella va a fare la doccia ed entra Siciu. Dagli spalti, al 71', si sente un chiaro Romagna Mia, coro lanciato dai tifosi del CESENA. Il possibile tris viene però sbagliato da Defrel, infatti Di Nunzio sbaglia il retropassaggio ed il francese a tu per tu con Calderoni si fa ipnotizzare. La Juve Stabia si rigetta col cuore in avanti, in cerca dell'accorcio e Diop si procura un penalty, causato dall'inervento scomposto di Capelli che alza la gamba malamente. Rimangono i dubbi se il contatto sia avvenuto dentro o fuori l'area. Dal dischetto quindi si avvia a battere capitan Vitale, ma il suo sinistro finisce a lato!!! Campagnolo immobile, ma il 2-0 che perdura!
Ultima sostituzione per Bisoli: Defrel stremato (83'), lascia il posto ad Ingegneri. Dopo tre minuti Succi si mangia il gol, spizzicata di testa di D'Alessandro, il Cigno entra in area palla al piede ma il la conclusione è respinta da Calderoni.
Comincia così un piccolo assedio, sterile, della Juve Stabia. Prima ci prova Di Carmine con un colpo di testa, finito alto sopra la traversa, poi Diop, ma Campagnolo non corre rischi. Al 90' Tabanelli molla il campo per crampi, il migliore in campo è lui, Capellini si gioca gli ultimi 4 minuti di recupero. Non accade più nulla ed il CESENA vola al secondo posto in graduatoria, raggiungendo l'Empoli che ieri ha perso a Reggio Calabria e si posiziona a soli 2 punti dal Lanciano (oggi un pareggio con la Ternana).

PAGELLE - Diamo i numeri! 

Campagnolo 7: gara tutto sommato da pisolino domenicale sul divano per il portierone del Cesena. Nel primo tempo salva la propria porta dall'assalto di Sowe, mentre al 49' deve togliersi le pantofole per scaldare invece i guanti impedendo il gol di Scozzarella. Nell'angolo a seguire compie tre interventi degni di nota, ancora per merito del duo Scozzarella – Sowe. Potrebbe rimanere a sedere sul sofà anche per il rigore di Vitale, lui immobile, la palla finisce clamorosamente fuori dallo specchio. POLTRONE E SOFA'
Consolini 5,5: deve tenere a bada sia Sowe che le incursioni di Davì e non sempre ci riesce. Già acciaccato per il guaio al braccio destro, viene al 17' colpito al ginocchio sinistro pregiudicando il suo stato di forma. Poteva risultare fatale la distrazione sulla mischia dopo il corner del minuto 49', ma vedi sopra, Campagnolo ci mette ben tre pezze. A poco più di venti dalla fine, riscatta parzialmente la sua prestazione sbilanciando di fisico l'attacco aereo ravvicinato di Diop. Rigore reclamato ma non concesso. SVENTOLINO
Volta 7: neutralizza Sowe per larghissima parte della gara, compie interventi precisi ed efficaci. Risulta concreto e lucido: non ci pensa due volte a spazzare via la palla. Da rivedere però qualche contrasto aereo, soprattutto con Di Carmine. MAGLIONE
Capelli 5,5: voto abbassato per lo sciagurato intervento che procura il rigore su Diop. Gamba alta, nemmeno da fare in allenamento. Giallo incluso, viene salvato da incubi notturni da Vitale che sparacchia fuori. Fa a sportellate continuamente con Di Carmine e oggi sembra troppo aggressivo. RED DEVIL
Renzetti 6: limitato alla fase difensiva, fa il suo lavoro. Nella zona di competenza non ci sono mai grossi pericoli. FACILE
De Feudis 6,5: recupera palle ed infonde sicurezza continua. Bravo negli accorci e nella posizione tattica, nel finale fa rifiatare la squadra con qualche piccola incursione, alzando il baricentro. METRONOMO
Cascione 7: riscatta a Castellammare le sue precedenti comparsate deludendi. La sua rete è degna di un pescatore, i palloni imbrigliati sono innumerevoli. Il suo posizionamento davanti alla difesa voluto da Bisoli è prezioso e risulta decisivo. Poca corsa, ma tanta resa tattica. E' lui il baluardo che sbarra la strada ai corridoi di gioco degli avversari. PORTONE
Tabanelli 8: prestazione superlativa del talento del settore giovanile bianconero. Se la deve vedere con capitan Vitale e gli tiene testa. Offre ripartenze importanti e conquista falli come non mai. Oltre al pressing ci mette tantissima corsa, tanto che al 90' si ferma per crampi ed Ingneri lo sostituisce. TORNADO
Defrel 7,5: le sue scorribande fanno traballare tutto il pacchetto arretrato dei padroni di casa. E' bravisismo all'11' a beffare la marcatura ridicola di Contini e col sinistro spara sotto la traversa al volo. Palla al piede fa paura, si mangia però il possibile tris, con Calderone in versione ipnosi. COBRA
Garritano 6: i primi 45 minuti corre a vuote come un piccolo trottolino, senza contare le botte prese prima da Contini (gomitata in faccia) e poi da Scozzarella (pallonata). Rimedia un giallo, risulta un po' troppo falloso. La ripresa però è devastante, tocca la palla a giro per il 2-0 e mostra delle giocate delle sue. La pagnotta la porta a casa con l'apertura degli spazi e rimane in campo per poco più di un'ora. PRIMO BANCO
Succi 6: dispensa l'assist al bacio per il gol di Defrel quando se ne va all'11' via in velocità al povero Martinelli. Nel resto della gara tocca pochi palloni, spesso è là davanti da solo e fa numerosi ripiegamenti. Si mangia il 3-0, quando spara su Calderoni già a terra al minuto 86'. SACRIFICIO
D'Alessandro 5: la squadra è impegnata a difendere e lui per forza di cose non tocca mai palla se non nella spizzicata per la conclusione di Succi che poteva valere il 3-0 finale. INCOLPEVOLE
Ingegneri sv
Capellini sv

Bisoli 7: azzecca l'accoppiata Tabanelli e Cascione che spesso hanno lasciato a desiderare. Il primo è entrato in forma ed oggi ne abbiamo la conferma definitiva, il secondo idem, ma ci vorrà anche tempo. L'assenza di Coppola non pesa, tutto sommato. Pollice su anche per l'opzione Garritano. Il gioiellino non brilla per tutto il primo tempo, ma il tecnico lo tiene in campo ancora un po' e pesca la perla che abbatte le Vespe.
Il camaleontico Cesena passa dall'iniziale 4-3-3 al più quadrato 4-3-1-2 con in mezzo il 3-4-3 più pericoloso. Anche questa mossa risulta vincente. Il gioco sta prendendo forma, ormai ci siamo.

Curva Sud Juve Stabia 5: grande calore ad inizio gara, poi il fuoco si spegne a lungo andare. I due gol non aiutano certo, ma ci si aspetta di più. Stadio Menti mezzo vuoto, con addirittura gente affacciata dai balconi dei condomini vicini ad assistere a costo 0 alla gara. Poco colore, poco spettacolo: conta molto il ricordo della vecchia gloria Gaetano Musella, storica bandiera stabiese.

Curva Nord Cesena 6,5: trasferta quasi proibitiva ma raggiunta da un drappello di quasi 100unità, utlras compresi. Oltre ai clubs affiliati al Coordinamento, erano presenti Wsb, Viking e Sconvolts. Tifo non certamente ad alti livelli, ma pezze ben esposte ed il canto "Romagna Mia" si sente in maniera distinta, nel silenzio generale.

INTERVISTE POST PARTITA

Pierpaolo Bisoli
"Oggi abbiamo disputato una gara quasi perfetta. Sono orgoglioso dei miei ragazzi, che si dimostrano sempre in grado di replicare in partita quello che proviamo durante la settimana. Garritano ha sempre lavorato con grande impegno e si è meritato la possibilità di giocare dal primo minuto. Anche Defrel ha ripagato in pieno la mia fiducia, segnando un gran bel gol al volo su un cross pennellato di Succi. La Juve Stabia? Mi è sembrata un'ottima squadra, che purtroppo al momento è penalizzata dai risultati".

Luca Garritano
"In settimana avevo dato tutto, sperando che il tecnico mi concedesse una nuova chance. Per me era il debutto e per questo ero un po’ teso, ma poi grazie all’aiuto dei compagni in campo è stato tutto più facile e ho fatto il del mio meglio per ripagare la fiducia concessami.
Sono contento per il gol, godiamoci questa vittoria, non pensiamo ad altro".

Mauro Isetto
Il risultato si commenta da sé, ci è mancata convinzione e cattiveria. Sul primo gol ci siamo fatti sorprendere in maniera banale. Adesso le cose cominciano a prendere una brutta piega. L'impegno non è mancato e la squadra è sempre al fianco del tecnico, ma questa è una categoria nella quale non si può improvvisare".

Gregoire Defrel
“Sul gol ho fatto un contro movimento andando prima sul primo palo e poi sul secondo. Succi ha crossato bene e l’ho messa dentro al volo di sinistro. L’importante era la vittoria e conquistarla fuori casa ha un sapore speciale, siamo tutti contenti. Ho recuperato bene dall’infortunio, sono uscito per stanchezza Il Mister mi aveva chiesto pressione sui tre difensori ed ho seguito le sue direttive. Mi metto a disposizione della squadra, devo solo migliorare sotto porta”.

1 commento:

  1. Bella partita! Torniamo li dove ci compete stare! Con un grande allenatore che ha dato tanto e continua a fare tanto per questa società. Nn capisco davvero come faccia certa gente a criticare chi ha fatto un Miracolo portandoci in A .... ha salvato una squadra l'anno scorso da una retrocessione certa; e continua a criticarlo anche ora che siamo 2! Ragazzi ci vediamo venerdì sera!
    By WalterFin89
    Ps: ciao Giunko!

    RispondiElimina

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha