martedì 4 dicembre 2012

Campedelli: un Re senza poteri e forse in esilio

Qui Villa Silvia - Nella seduta fisico tattica pomeridiana di ieri in vista del match di sabato contro l'Empoli, Graffiedi si è allenato a parte insieme a D'Alessandro. Tonucci ha svolto terapie con i medici, mentre Morero è stato visitato in clinica e per lui vi è solo una contrattura. Erano assenti Forte per un affaticamento muscolare e Caldirola che è stato colpito da congiuntivite.
Oggi è in programma una doppia seduta sempre a Villa Silvia.

Finalmente siamo giunti al fatidico 4 dicembre, ma il giorno più importante per la società del Cesena Calcio sarà solo domani quando i vecchi soci ed i nuovi si incontreranno per risolvere la questione della fusione inversa tra la controllata Ac Cesena e la controllante Cesena 1940 srl. Ieri pomeriggio presso l'avvocato Dionigi si sono incontrati Lugaresi, Recchi e l'agente FIFA Massone per elaborare un piano di risanamento nel breve - medio termine. Questo piano è stato portato a Campedelli, attuale presidente, che dovrà approvare i documenti e sottoscriverli domani in assemblea straordinaria. Il suo sarà sempre più un ruolo marginale e soprattutto con poteri limitati: ci saranno nuovi inserimenti nel cda e nuovi revisori, senza contare il quasi pieno controllo dei nuovo soci sulle politiche societarie e della direzione tecnica della squadra. Il ds sarà quasi certamente Recchi e le spese societarie saranno controllate minuziosamente. Se tutto ciò non sarà rispettato, il "caro" Igor Campedelli potrebbe fare la fine dei sovrani in Francia nel 1789: sarà decapitato, in senso figurato ovviamente. E' richiesto infatti che se le nuove predisposizioni indicate da Lugaresi e compagni non saranno prese al vaglio e introdotte, tutte le azioni di Campedelli saranno vendute ai soci di minoranza. Una volta liquidate le sue quote, Igor uscirà di scena non dal portone principale del Teatro, ma dall'uscita sul retro dove di solito ci stanno i cassonetti dell'immondizia e camminano le comparse. Un Re, quindi in procinto di essere deposto e messo in esilio, come scritto nel titolo di oggi, un Re sempre più isolato, quasi mal voluto dai suoi nuovi soci che in fin dei conti erano stati proprio loro a lasciare qualche anno fa al condottiero che ha svolto la grande cavalcata dalla C alla A e forse sta anche riuscendo a fare, con così poco tempo, anche il cammino inverso. L'ultima battaglia potrebbe essere combattuta domani: Campedelli potrebbe anche decidere di continuare da solo e poi dettare, una volta effettuata la fusione, le sue regole, ma in quel caso verrebbero a meno le condizioni economiche di liquidità per gennaio, che tanto servono al Cesena sia per il mercato che per versare gli emolumenti.

3 commenti:

  1. Campedelli levati via prima di tutto il contratto di due anni che avete fatto a bisoli.Soldi buttati x un traditore.

    RispondiElimina
  2. Credete che Bisoli sia un traditore, antipatico e indisponente e che sia uno che lascia i giocatori in panchina o in tribuna solo perché richiesti in estate da Nicola Campedelli? Sabato prossimo radunatevi tutti assieme e fate partire una contestazione, ne avete il coraggio?

    RispondiElimina
  3. Aspettate che si perda domenica e poi vedete che contestazione succede....

    RispondiElimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti