sabato 27 ottobre 2012

Il giorno dopo di.. Livorno - Cesena 1-0

La Gazzetta dello Sport - Militare ucciso: ultrà del Livorno voltano le spalle
Il Tirreno - Gol del bimbo, vittoria importante
Corriere Romagna - Quanto è triste, il Cesena
Corriere Romagna - Cesena ancora a Picchio: il tabù continua
Qui Villa Silvia - E' già tempo di fare il bilancio di Livorno - Cesena, giocata ieri sera in anticipo per l'11° giornata. Gara caratterizzata dalla fattura granata, un discreto primo tempo dei bianconeri, poi il tracollo nella prima parte della ripresa con l'ingresso flash di Ceccherini. Suo è il gol partita che affosso un Cesena sempre più giù in classifica. Oggi verranno giocate le altre gare di giornata, se le cose dovessero andare male ci potremmo trovare già penultimi in classifica.
Dall'infermeria ritornerà Gessa, mentre Iori e Rossi sono ancora out. Da valutare rimangono: Favalli, Brando, Bamonte e Turchetta come riporta La Voce di Romagna. Djokovic invece sarà squalificato dal giudice sportivo per l'ammonizione di ieri e salterà la gara col Grosseto di martedì 30.

Il commento del lunedì/sabato [by Giunkolo]
Oggi è sabato, mancano solo tre giorni alla prossima triste rappresentazione. L'avversario sarà il Grosseto, squadra messa più o meno come questo Cesena, incapace di segnare, di pareggiare fuori casa, di mantenere lo 0 a 0 per portare a casa un punticino, di reagire dopo una rete subita, di tirare in porta, di effettuare 5 passaggi in fila senza perdere palla, di arrivare sul fondo e crossare per le punte, di accentrarsi per tentare la conclusione. L'elenco delle carenze dei bianconeri potrebbe continuare ad libitum (e anche, per dirla alla Franco Scoglio, "ad minchiam"). Basta guardare i giocatori andati in panchina e non entrati in campo a Livorno per rendersi conto della situazione attuale del Cesena: Ravaglia - Lo Russo - Martinelli - Tabanelli. Provate a dare un'occhiata a coloro che nelle altre piazze restano seduti per 90 minuti a bordo campo e in tribuna e vi renderete conto dell'esiguo materiale a disposizione di mister Bisoli. Oh, l'allenatore non è esente da colpe, per carità. Ieri sera è riuscito nell'impresa di modificare un modulo di gioco dopo nemmeno un terzo di partita e fare peggio nel resto del match, tutto il contrario di quanto accadeva un paio di anni fa. Quelli che in Toscana hanno salvato la faccia e strappato la sufficienza sono stati sempre i soliti, ovvero Belardi e Comotto. Intanto si è risvegliato il peperino D'Alessandro, si è incupito Graffiedone, Succi non ricorda più come si calcia in porta, Djokovic ne gioca una benino e cinque malissimo e Meza Colli è la versione aggiornata del caro Mezavilla. A Cesena e dintorni c'è già qualcuno che implora il ritorno di Nicola Campedelli. Ricordo a questi che tra pochi giorni arriverà Halloween, per le pagliacciate del Carnevale dobbiamo attendere ancora qualche mese.

Il triplice fischio
Velotto e compagine ieri hanno avuto vita facile, un match a senso unico o quasi con rarissimi episodi da moviola. I gialli rifilati a Tonucci, Djokovic, Parfait sono stati sanzionati giustamente per gioco scorretto. Emerson del Livorno invece è stato segnato sul libretto dei cattivi per comportamento non regolamentare. Chi invece ha rischiato di più è Schiattarella, ammonito per protese, ma ha un battibecco con Djokovic e ha sfiorato quasi il rosso diretto. L'unica pecca dell'arbitro forse è stata la lunga frammentazione del gioco con diversi episodi in cui potrebbe aver lasciato correre ma non lo ha fatto. L'episodio dubbio del contatto Ceccherini - D'Alessandro in area toscana non sembra trovare riscontri. I 4 fuorigioco sanzionati tutti al Livorno sono ok.
Velotto 6,5
Ciancaleoni 6,5 - Del Giovane 6,5

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti