Qui Villa Silvia - Ieri giornata di riposo per la prima squadra ancora senza allenatore. Dopo il no incassato da Ballardini, nella notte c'è stato l'incontro a Bologna tra Campedelli e De Canio. Prima l'incontor era stato fissato a Roma, invece è stato spostato. De Canio però non è stato convinto dalla proposta, anche per la durata del contratto. Un secondo incontro è avvenuto questa mattina a metà mattinata ma l'allenatore ha rifiutato nuovamente. Anche Marino ieri ha declinato l'offerta. Con queste tre fumate nere ora la panchina sembra destinata ad Arrigoni. In alternativa son pronti Cosmi o Iachini. Se non si trovasse nessun accordo la seduta di oggi potrebbe essere diretta da Leonardo Colucci, vice di Giampaolo.

SCARICA LE FOTO della presentazione di Daniele Arrigoni

Ufficiale - Daniele Arrigoni è il nuovo allenatore del Cesena Calcio. Oggi alle 18 sarà presentato alla stampa. La notizia è delle 15 circa.


Le prime parole di Daniele Arrigoni da allenatore del Cesena.
"Fino a questa mattina ero disoccupato, ero con mia moglie a passeggiare all'Ippodromo, poi il Cesena mi ha contattato e sono convinto della squadra, per cui ho accettato. So che sui giornali sono apparsi altri nomi ma sino ad oggi non ho avuto nessun contatto col Cesena. In passato sarei potuto approdare, ma tanti anni fa.
Oggi a Villa Silvia ho parlato poco hai ragazzi, domani farò il primo allenamento e vedremo. La formazione di certo sarà a 4 in difesa, per il resto valuterò anche se ho idee. So che ci sono giocatori fuori forma ed altri indisponibili come Colucci e Martinho.
Io bolognese? Ho accettato solo la panchina perchè sono un professionista ma son molti anni che io sono bianconero. In passato ho anche giocato qui.
Già contro il Lecce dovremo metterci l'elmetto da guerra e farci scivolare via tutte le brutte voci per ripartire bene e fare punti. Servon solo vittorie. La squadra sino ad ora sono certo che ha fatto male, ma c'è anche una parte buona. Bisogna ripartire dalla mentalità."

Le parole di Davide Ballardini in radio ieri sera.
"Amo Cesena e sono cresciuto con loro, ci ho pensato una notte, ho ringraziato il Presidente ma ho preferito non andare. Le motivazioni? Sono molto attaccato alla città e l'idea di non non riuscire a salvare la squadra mi avrebbe fatto vergognare. Troppo amore. Il rifiuto per il contratto? E' assolutamente falso, non abbiamo proprio parlato di contratto, nè per uno nè per due anni.
Dire 'no' due volte (Bologne e Cesena ndr) non credo mi possa penalizzare. E' un forma di rispetto la mia, sono stato chiaro, non ero convinto delle situazioni che mi si prospettavano e sono stato sincero e rispettoso nei confronti delle società, dei giocatori e dei tifosi. E' molto più difficile dire di no che dire di sì. Sono convinto delle mie scelte. Al momento non ho nessun'altra squadra che mi cerca. Accetto un lavoro solo se sono convinto. Il mio curriculum parla chiaro, con Cagliari, Palermo, Lazio e Genoa ho ottenuto risultati importanti. Cesena ha giocatori importanti in ogni reparto e certamente farà molto bene, anzi meglio. Hanno dei valori e una rosa tale che gli permette di giocarsela con tutti."

0 commenti:

Posta un commento

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha