BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

domenica 17 aprile 2011

VIDEO 33° giornata SERIE A 2010/2011 - Cesena 1 - Bari 0


RISULTATO FINALE: CESENA 1 - BARI 0

CESENA Bari 1-0. Erjon Bogdani riesce ad affondare oggi al Manuzzi di Cesena, il Bari. Il CESENA così riesce a cogliere la meritata vittoria ma sudata. Infatti il CESENA di Mister Ficcadenti, ancora contestato, inizia subito forte e all'8' proprio Bogdani potrebbe già andare a rete ma Marco Rossi riesce in un salvataggio in extremis sul tiro dell'albanese. Infatti il barese si era fatto scavalcare e ha permesso a Bogdani il tiro. Risposta subito del Bari con Rudolf, tenta un contropiede solitario con la conclusione di poco alto sopra la traversa (10'). Risposta immediata dei bianconeri con Alessandro Rosina, oggi titolare: tiro dai 20 metri fuori di poco con Gillet però attento. La Curva Mare vorrebbe esplodere ma ancora è presto!! Al 18' infatti potrebbe essere il capitombolo: Rudolf evita il fuorigioco (18') e dalla sinistra si presenta da solo contro Antonioli: il tiro rasoterra viene repsinto dal portierone 41enne! Salvataggio del risultato che avrebbe potuto influenzare tutto il match! L'azione più pericolosa del Bari però rimarrà questa. Al 20' tenta Colucci da fuori ma la palla è abbondantemente fuori, così come al 36' Luis Jimenez replica il tiro maldestro. Il match point si presenta sulla testa di Giaccherini proprio al 45': Rosina dalla destra disegna un perfetto cross per Giaccherini che tutto solo in area stacca e coordina bene il tiro ma un super Gillet devia la palla lontano dalla porta! Incredibile, Giaccherini con le mani nei capelli ed il portiere biancorosso urla ai suoi più attenzione. Fischio dell'arbitro e squadre negli spogliatoi. Clima non estivo ma primaverile, sugli spalti buona affluenza di pubblico a dispetto delle previsioni della prendita in settimana. Al 48' Erjon Bogani si incunea su un errore della difesa barese (assist di Giaccherini), in uscita batte Gillet con un tiro precisissimo che sbatte sul palo interno e delicatamente entra in porta! E' l'apoteosi sugli spalti!!! Il Bari ora cerca di gettarsi in avanti per pareggiare almeno il match. Parisi infatti spara uan cannonana mancina su punizione centrale (64') che di poco non batte Antononioli sotto la traversa! Il più pensieroso è Rivas per la difesa del CESENA che trema sul serio all'83': ancora San Francesco Antonioli però mette la manata decisiva sul diagonale dalla destra e salva tutto. I 3 punti sono del CESENA che esce dalla zona retrocessione e respira un attimino di aria "pura". Piccolo parapiglia tra Alvarez e Colucci: il barese schiaffeggia Giaccherini e si accende qualche incandescenza. Ultimo brivido bianconero: Malonga, entrato per Bogdani, impegna Gillet con un tiro dentro l'area ma la porta rimane orfana di un solo pallone, quello dell'albanese.

Commento (by Giunkolo)

Il Cesena torna alla vittoria raccogliendo al termine dell'incontro casalingo contro il Bari tre punti fondamentali in ottca salvezza. Bianconeri in costante controllo della partita, un buon numero di occasioni create e, come spesso accade, qualche miracolo compiuto da Antonioli. Ora mancano soltanto 450 minuti al termine del campionato e la squadra di Campedelli occupa la quartultima piazza nella classifica con 34 punti, precedendo di due lunghezze una Sampdoria in caduta libera; davanti a noi troviamo con un punto di vantaggio Parma e Lecce. La salvezza pare più vicina, l'importante è continuare a lottare con la stessa grinta ammirata nelle ultime settimane ed evitare di fare già da ora inutili calcoli per prevedere fantomatiche quote salvezza. Lottare sempre ma mai soffermarsi a guardare la posizione in classifica.

PAGELLONE (by Giunkolo)

Antonioli 6,5: chiude la porta a Rudolf nel primo tempo con una parata di piede. Nel secondo tempo spegne le speranze degli ospiti volando alla sua destra su un diagonale di Rivas. Per il resto ordinaria amministrazione, la difesa oggi si è mossa bene.  COME FLY WITH ME
Santon 5: si scontra sulla fascia con Parisi, non Roberto Carlos o Paolo Maldini. Il nostro spinge poco e come al solito si ritrova fuori posizione. Per fortuna sua (e nostra) gli avversari non si rendono pericolosi. PASSO SGRAZIATO
Pellegrino 6: sufficienza piena per Maximiliano. Nel primo tempo Rudolf è indemoniato ma ci pensa l'argentino a spegnere questi fuochi fatui. Trova una discreta intesa con il ritrovato Benalouane. ERMETICO
Benalouane 6,5: il franco-tunisino è la sorpresa positiva della giornata. Sempre al posto giusto, la solita irruenza evidenziata anche da Ficcadenti ma con qualche recupero ed un buon lavoro in marcatura strappa gli appluasi del Manuzzi. MOMENTI DI GLORIA
Lauro 6,5: a destra Santon soffre, sulla sinistra lui domina sui biancorossi. In costante movimento per i novanta minuti, dimostra vent'anni nonostante gli manchi qualche capello... DINAMO
Parolo 6: buona partita per il giocatore lombardo. DIstribuisce e ruba palloni, un paio di conclusioni da fuori area ed annulla Almiròn. Ecco a voi il prototipo del centocampista del futuro! MODELLO
Colucci 6: davanti a lui i compagni sono intenti a fare magie con la palla al piede. Il capitano fa da collante tra i reparti impostando con il primo passaggio le azioni bianconere. Mai in affanno contro i centrocampisti avversari. Peccato per il giallo rimediato nel secondo tempo. SACRIFICIO
Jimenez 6,5: la posizione che ricopre in campo ricorda quella del Do Prado dell'anno passato, parte da lontano per arrivare negli ultimi 25 metri e smistare la sfera o cercare la conclusione. Luis compie una buona prestazione, non arriva il gol ma Gazzi commette almeno 10 falli per cercare di fermarlo. DON'T STOP ME NOW
Rosina 6: parte alla grande muovendosi sulla destra e rientrando verso il centro per rendersi pericoloso. Il suo piede è uno dei più sensibili di tutta la serie A; ci prova su palla inattiva senza troppa fortuna. Cala ad inizio ripresa e lascia il campo per Ceccarelli. PIEDINO D'ORO
Giaccherini 6,5: costantemente pericoloso con la palla al piede. A volte è troppo egoista e cerca di saltare l'uomo invece di scaricare in mezzo all'area. Tutto sommato si rivela una spina nel fianco per la difesa pugliese. MANEGGIARE CON CURA
Bogdani 7: i compagni lo assistono poco e non lo cercano per il classico gioco di sponda. Rossi lo chiude bene ma sa farsi trovare pronto in occaisone del gol. Pur ricevendo pochi palloni giocabili si muove bene. La salvezza passerà anche da lui. CONDOR
Ceccarelli 6: entra per Rosina ma invece di occupare la posizione di terzino destro si ritrova catapultato in avanti come ai vecchi tempi delle giovanili giocando praticamente da ala offensiva. Non spinge troppo ma comunque gli avversari non sono irrestitibili, compie sufficientemente il suo lavoro. RITORNO AL PASSATO
Malonga e Piangerelli sv: il francese entra per il match winner Bogdani e spara addosso a Gillet dal limite a partita ormai conclusa; Gigi entra nel finale per Giaccherini e si impegna per difendere il risultato.

Ficcadenti 7: non sbaglia praticamente nulla, sulla carta la sua formazione appare super offensiva con due centrocampisti puri e tre mezzepunte ma riesce ad equilibrare il tutto. Le sue modifiche tattiche non permettono a Mutti di rispondere adeguatamente: schiera una sorta di 4-2-3-1 con Jimenez libero di muoversi lungo il campo. Nella ripresa mette Ceccarelli in avanti, interessante sorpresa tattica. La squadra si copre bene dopo il gol di Bogdani e non si chiude a riccio. Ottimo lavoro mister!

Curva Mare 7 Tutto fila lisco finalmente, anche sugli spalti. Cori altisonanti, bandiere di tutti i generi, soliti gli stendardi. Fumogeni e torce immancabili.

Curva Ferrovia Bari 7 In notevole inferiorità numerica, l'ultimo posto in classifica in Serie A e quindi una delle stagioni più disastrose, un bel gruppo di tifosi biancorossi giunge al Manuzzi. Sempre con "due aste" al vento e bandiere più o meno piccole. Applausi, cori e movimenti non mancano, peccato per il cattivissimo stato di forma della società pugliese. Inesistenti i tesserati....


Le interviste post partita.

Massimo Ficcadenti
"Abbiamo affrontato e vinto una gara difficile soprattutto dal punto di vista psicologico, riuscendo a ottenere i tre punti contro una squadra tutt'altro che rassegnata. Il risultato di oggi è di grande utilità in vista della salvezza, e siamo riusciti a mettere in campo una prova solida per raggiungerlo."

Bortolo Mutti
"Creiamo molto, ma non raccogliamo punti e questo nelle ultime gare non era successo. Siamo stati puniti da una situazione evitabile, poi abbiamo reagito, ma Antonioli è stato davvero bravo. Quest'oggi si è visto che a questa squadra manchi un terminale offensivo che finalizzi tutto quello che riusciamo a creare. Ora non ci resta che continuare a lavorare e speriamo che domenica possiamo tornare a vincere in casa."

Erjon Bogdani
"E' una vittoria importante, perchè la squadra sta lottando sin dall'inizio per la prossima stagione. Sapevamo che era una partita difficile, perchè il Bari non ha più nulla da perdere e alla fine abbiamo sofferto un po'. Ora non dobbiamo guardare la classifica. Dobbiamo lottare fino alla fine, sperando di rimanere in A. Sabato il derby? E' una gara importante, però a noi servono punti importanti per la salvezza."

Jean François Gillet "Anche oggi il Bari è sceso in campo dimostrando di essere una squadra di uomini; lo abbiamo detto e lo ripetiamo: vogliamo salvare l’orgoglio di questa squadra e di questa maglia, onorando il campionato fino all’ultimo."

Marco Parolo
"Oggi ci siamo accorti dei risultati di Lecce e Brescia dai boati del pubblico ma noi eravamo concentrati nella partita. E' stata una grande sofferenza ed è stato importantissimo portare a casa questi tre punti. Mancavano dei giocatori e chi ha giocato ha fatto una grande prestazione: tutta la squadra ha dimostrato, per l'ennesima volta di avere carattere, di saper soffrire e di crederci sempre fino alla fine. Nel finale abbiamo subito un po' di stanchezza e di paura ma credo ci possa stare perché per noi era troppo importante conquistare questi tre punti. Al fischio finale è stata una grandissima liberazione. Alla fine abbiamo forse subito anche il caldo: eravamo sulle gambe e facevamo fatica a ripartire. Voglio fare i complimenti al Bari per come ha giocato oggi: sono sicuro che da qui alla fine metterà in difficoltà altre squadre. A noi mancano ancora almeno 6-7 punti. Adesso andiamo a Bologna per riscattare la sconfitta dell'andata e direi che siamo nella condizione mentale perfetta per affrontare questa gara. Oggi abbiamo giocato a tre io, Colucci e Jimenez e all'inizio abbiamo avuto qualche difficoltà a trovare i giusti equilibri. Luis ha fatto una grande partita ma è chiaro che non è abituato a fare la fase difensiva e quindi abbiamo pensato di metterci io e Giuseppe a due con lui davanti un po' più libero dal difendere. Alla fine si è fatto un po' piùdi fatica ma se i risultati sono questi la si fa volentieri."

Yohan Benalouane
"La classifica, dietro, è molto corta. La Sampdoria adesso è dietro ma ha una squadra forte e possono fare ancora bene. I punti che abbiamo ovviamente non bastano a salvarci quindi non dobbiamo guardare la classifica ma dobbiamo pensare a vincere altre partite. Io e Pellegrino direi che non abbiamo avuto problemi, ci conosciamo bene, ormai e in allenamento abbiamo giocato insieme parecchie volte. Il mister aveva detto a tutti di usare la testa e a fine gara ci ha fatto i complimenti. Sono soddisfatto di come ho giocato e voglio ringraziare i tifosi che oggi mi hanno applaudito e sostenuto. Spero di poter contribuire ancora con prestazioni del genere all'obiettivo salvezza del Cesena. Sabato c'è il derby e noi ci teniamo a fare bene perché è una partita a cui i nostri tifosi tengono molto: il nostro obiettivo però non è vincere il derby ma salvarci, quella col Bologna è una delle 5 partite che mancano."

Emanuele Giaccherini
"Oggi avevamo tutto da perdere. Abbiamo forse pagato un po' l'approccio alla partita e abbiamo sofferto anche nel finale ma l'importante era portare a casa questi tre punti e ci siamo riusciti. La mia prestazione? Io cerco sempre di mettermi a disposizione della squadra, oggi ho anche cambiato spesso posizione, su richiesta del mister, per non dare troppi punti di riferimento agli avversari. La prestazione di Benalouane? Ha giocato molto bene, lui del resto è un ottimo difensore e ha ancora ampi margini di miglioramento. Deve crescere dal punti di vista del carattere e della concentrazione ma sarà un grande difensore. Adesso andiamo a Bologna per fare la nostra partita e ottenere un altro risultato importante. I derby sono partite a sé, ma noi abbiamo più motivazioni di loro."

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti