Notizie calciomercato. Il Catania forse ha trovato la soluzione migliore per Mirko Antenucci: il giovane attaccante potrebbe accasarsi al Torino per non agevolare le dirette concorrenti per la salvezza in A come Lecce, Cesena e Bari.
Ezequiel Matias Schelotto rimane o se ne va? Le prime voci furono per l'addio a gennaio, poi smentite dallo stesso giocatore e oggi di nuovo confermate dalla volontà di andarsene. Igor Campedelli nega un incontro avvenuto nei giorni scorsi col giocatore, anche perchè farlo partire a gennaio sarebbe impossibile o quasi per le pratiche cartacee da sbrigare in così poco tempo. Di sicuro se il giocatore se ne andrà, la piazza non scorderà questo "affronto". Su di lui ci sono sempre Roma, Inter e Juventus.
Per il centrocampo ora si pensa anche a Munari (Lecce), da anni inseguito dai bianconeri ma bisognerà vedere se la società pugliese voglia rinforzare una diretta concorrente per la salvezza e Pulzetti, cresciuto nelle giovanili del Cesena ma di proprietà del Livorno.
Il Real Rimini (serie D) acquista il giovane Andrea Savelli (19enne primavera del Cesena lo scorso anno) dal Bellaria per rinforzare il proprio reparto difensivo.
Sempre da Palermo potrebbe giungere in prestito Nicola Rigoni. Il centorcampista però pare importante per la panchina e non solo di Delio Rossi in quanto buona alternativa. Ora bisognerà capire se il tecnico lo lascerà partire in prestito a gennaio per Cesena.

Nell'allenamento di ieri Budan sta già effettuando il lavoro pieno come gli altri compagni. Forse Ficcadenti lo farà esordire a partita in corso a Bari, al limite potrebbe partire titolare col Bologna in casa dopo il nulla osta dello staff medico. Il giovane Riski (Tps Turku) in partitella si è evidenziato con un gol e domani finirà la sua prova col Cesena. In attesa di sviluppi per il mercato di gennaio sembra aver dato buone impressioni il finlandese.

Oltre al divieto per i bianconeri alla trasferta di domenica, anche per Cesena - Bologna ci saranno limitazioni per i tifosi rossoblu che non potranno venire al Manuzzi se privi di tessera del tifoso. Il Cams ha vietato la vendita di biglietti ai resindenti della provincia di Bologna. Un altro divieto, ormai non ne se può più!!!

Intervista a Maurizio Lauro in cui evidenzia le prossime sfide salvezza, decisive per la classifica bianconera.
"Sono cinque anni che sono in questa piazza e sono molto contento di come il pubblico mi voglia bene. Se non sono mai voluto andare via è anche per merito loro".

Iniziamo dalla prossima sfida col Bari e poi con gli altri match salvezza con Bologna e Cagliari.
"Non firmo per fare quattro punti nei prossimi  tre incontri. Secondo me possiamo farne anche più, perchè la squadra sta bene e lo ha dimostrato anche contro il Palermo. Con maggiore fiducia nei nostri mezzi e più precisione in attacco, potremo affrontare serenamente queste gare, anche perché i nostri progressi dal lato del gioco sono evidenti".

A Bari però sarà una sorta di spareggio.
"Se perderemo non sarà una catastrofe, perché poi ci saranno altre due partite in casa, e vincerle cambierebbe di nuovo tutto. A livello psicologico, invece, fare tre punti sarebbe fondamentale. Giocheremo una finale e sono convinto che lo stesso spirito lo metterà in campo anche il Bari. Ad una sconfitta in Puglia non voglio nemmeno pensare".

Il Cesena sta forse meglio anche dal lato dell'infermeria.
"Il Bari è reduce da un periodo sfortunato, in cui gli infortuni hanno inciso parecchio. La scorsa stagione ha disputato un  grande campionato e forse quest'anno sta pagando troppo la sfortuna. Dovremo stare molto attenti, perché giocano un buon calcio e fino ad ora hanno raccolto poco, speriamo continuino così ancora domenica prossima".

A questa partita i romagnoli arrivano consapevoli di essere in crescita. Manca soltanto una vittoria importante per dare la svolta alla stagione.
"Abbiamo ormai superato il momento negativo in cui subivamo gol nei minuti di recupero, distrazioni che ci sono costate ben tre punti. Questa crescita si è vista nelle ultime partite, perché a Firenze con il Palermo abbiamo giocato bene senza snaturare il nostro gioco. Ora dovremo confermare questi progressi, visto che siamo ad un punto cruciale del campionato in cui non possiamo più sbagliare. Il passato ormai non conta, perché la classifica non è peggiorata nelle ultime settimane e tante squadre sono raccolte in poche punti. Ora tocca a noi trovare la vittoria".

La Corte di Giustizia comunica che la sentenza per il ricorso di Lecce, Cesena e Brescia per il pagamento di 2,5milioni€ non avverrà prima del 15 dicembre.

Andrea Masiello parla in conferenza stampa.
"E' la partita della vita e perdere significherebbe cadere più in basso e creare un distacco enorme dalle nostre dirette avversarie. Non possiamo permettercelo".



Anche Adriano Piraccini, ex degli anni 80 e 90 di etrambe le squadre, commenta questa sfida caldissima per non retrocedere.
"A Bari ho giocato due stagioni, la prima ci portò subito in A, la seconda ci riportò in B. Bari-Cesena? dico 2 fisso col cuore e X con la testa. Il Bari è più in difficoltà del Cesena, almeno a livello di gioco e i bianconeri mi sembrano in crescita. Mi aspetto qualcosa di più d Jimenez, lui deve fare la differenza. La priorità ora è restare attaccati al treno salvezza fino a gennaio, poi magari con qualche innesto..".



Erjon Bogdani in conferenza stampa di oggi parla del momento del Cesena e della sfida a Bari.
"Bisogna essere positivi perchè penso che stiamo disputando delle buone partite,  ci sono mancati alcuni punti ma ora abbiamo la possibilità di andare a Bari e cercare di fare bene anche lontano dal Manuzzi. L'importante sarà non subire reti, poi un goal siamo in grado di farlo in qualsiasi momento. Io sono un giocatore che gioca molto per gli altri, sono contento per i quattro goal fin'ora segnati e spero di continuare in questa direzione, il rientro di Budan lo ritengo molto importante, credo che rappresenti una risorsa importante per noi, è un giocatore di esperienza che ci darà sicuramente un contributo fondamentale; penso che potremmo anche giocare insieme in fondo anche al Chievo giocando in coppia con Pellissier spesso facevo la seconda punta. La squadra la vedo molto bene, ripeto con un pizzico di esperienza in più avremmo qualche punto in più, ci sono mancati due o tre pareggi, ma aver battuto la prima e la seconda della classifica credo che sia sinonimo di una squadra che c'è. Domenica andremo ad incontrare una squadra con buoni giocatori, il Bari ha avuto molta sfortuna sin'ora, dovremmo stare attenti e cercare di fare goal senza sprecare niente."

Condividi

0 commenti:

Posta un commento

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha