Nell'allenamento di ieri pomeriggio al centro sportivo di Villa Silvia Massimo Ficcadenti ha raccolto i suoi per circa un'ora per poi essere ricevuto dal presidente Igor Campedelli. Il colloquio è stato breve: dieci minuti. Gli uomini che han disputato la partita contro il Novara in Coppa Italia han svolto un lavoro differenziato rispetto a chi non ha giocato. In difesa, che dovrà fare a meno della pesante assenza di Von Bergen per squalifica, Ficcadenti potrebbe optare per la coppia Lauro-Pellegrino. Il problema maggiore è legato a Caserta: uscito dopo il primo tempo contro il Novara, a causa di una distorsione al collaterale del ginocchio destro, dovrà rimanere fuori dal campo per almeno un mese. A centrocampo quindi Ficcadenti ritornerà a schierare Stephen Appiah insieme a Colucci e  Parolo. Nessuna novità invece in attacco con il terzetto visto a Verona composto da Bogdani al centro e scortato dal duo Jimenez e Giaccherini ai rispettivi lati.


L'osservatorio nazionale ha imposto il divieto di recarsi al Manuzzi domenica per Cesena - Sampdoria per i tifosi dorici non muniti di tessera del tifoso. L'Ac Cesena risponde in merito sul rimborso dei tagliandi già venduti: i possessori dei biglietti potranno ricevere il rimborso nei luoghi in cui han comprato la prevedendita muniti del biglietti e riceveranno il pari importo dell'acquisto.
La prefettura di Cesena comunica inoltre che nella giornata del match saranno intensificati i controlli sui biglietti, per evitare che i nominativi dei biglietti non corrispondano con il reale possessore.
Il Sindaco Lucchi commenta così la decisione di vietare la trasferta ai numeri non tesserati della Sampdoria.
"La notizia è rassicurante indica la presa d'atto da parte degli organi competenti di una condizione di insicurezza che a noi era apparsa evidente fin da alcune delle prime partite casalinghe. Si tratta però di un provvedimento-tampone che non risolve definitivamente il problema". 

La società bianconera comunica che gli allenamenti previsti per venerdì 29 ottobre e sabato 30 saranno effettuati a porte chiuse come di consueto nella gestione Ficcadenti.

Ficcadenti sembra sul bordo del precipizio. Se non ci saranno risultati neanche con la Sampdoria potrebbe essere esonerato. Al suo posto forse Beretta.
"Il mio accostamento al Cesena? Mi fa piacere, anche se non è bello aspettarsi l'esonero di un collega. Io ho molta voglia di rientrare, Cesena è una piazza di grandi tradizioni. C'è grande entusiasmo -dopo la doppia promozione dalla C alla A. So che la squadra sta vivendo un momento di sofferenze, ma i tifosi devono stare vicini alla squadra perchè il campionato dei bianconeri sarà sicuramente di sofferenza. Ribadisco mi piacerebbe allenare a Cesena, ma non ho avuto contatti con la dirigenza. Mi pare strano però che si metta in discussione la panchina di Ficcadenti quando ci sono altre squadre che finora hanno deluso di più".

La parola passa a Igor Campedelli riguardo le indiscrezioni sul dopo Ficcadenti.
"Proprio così dopo una gara andata male è facile dare giudizi negativi, ma il giorno dopo si deve essere lucidi nel valutare le situazioni. Il tifoso va rispettato, ci sta che fischi alla fine dell'incontro, ma noi abbiamo bisogno dei nostri tifosi. Tutti dobbiamo avere chiaro il concetto che più siamo uniti e maggiori sono le possibilità di arrivare alla salvezza: obiettivo dellla squadra, della società, dei giocatori e dei tifosi. Tutti siamo attaccati a questa maglia. Per quanto riguarda i mugugni per Ficcadenti qualcuno ha la memoria troppo corta, anche con Bisoli, in Prima Divisione, tutti mi chiedevano di mandarlo via, soprattutto dopo la partita persa col Venezia, ma non l'ho fatto perchè credevo in lui come ora credo in Ficcadenti. La società ha piena fiducia nell'allenatore, ci sono cose buone e altre meno ma siamo un gruppo molto unito in più la squadra è tutta col mister, questa è una cosa molto importante da dire. Ieri ho proprio parlato ai ragazzi, ho detto che dobbiamo prepararci al sacrificio e alla sofferenza, che dobbiamo riconquistare gli applausi, bisogna lavorare bene e ripeto, stare ancora più uniti. Il Cesena è un patrimonio di tutti, più sosteniamo la squadra e più facile sarà raggiungere certe soddisfazioni"

A Genova, sponda Sampdoria,tiene ancora banco il caso Cassano e la litigata con il presidente Garrone. Il violento battibecco porterà al barese una forte multa e forse la cessione a gennaio, ma non certo una mancata presenza al Manuzzi. Mister Di Carlo è alle prese con problemi di formazione, con Curci che lamenta qualche problema fisico, e anche Zauri e Semioli dovrebbero marcare visita.

L'ex mai domenticato Massimo Volta non vede l'ora di tornare al Manuzzi, questa volta però da "nemico". La Curva Mare non l'ha mai dimenticato e mai lo dimenticheremo.
"Non vedo l'ora di fare la scale e di andare in panchina, fa ridere dirlo, ma siccome la panchina ospiti è la più vicina alla curva Mare, per una volta dico che non vedo l'ora di sedermi lì. Poi francamente non so come reagirò. Mi aspetto un'accoglienza bellissima perchè loro mi portano nel cuore e io porto nel cuore loro. Mi dispiace che il gruppo dell'anno scorso non ci sia più, ma questo è il calcio. Quanto mi manca Cesena? moltissimo ma come dice Bisoli 'il passato per un calciatore deve essere solo il ricordo' altrimenti è dura. Ammetto però che durante il ritiro con la Samp ho pensato spesso al Cesena e mi sarebbe piaciuto tornare, fosse dipeso da me sarei venuto a piedi, ma la Samp mi ha dichiarato incedibile e anche a gennaio rimarrò. Poi qui c'è anche Pozzi, quando sono arrivato a Genova mi ha accolto così 'Grazie Max, ti sono grato per aver portato la mia squadra in serie A'. Un grande".

Pino Lorenzo, ex di entrambe le squadre negli anni passati, tifa Cesena.
"Il Cesena? sono rimasto colpito dalla sua partenza a razzo, poi però qualcosa si è rotto soprattutto in fase difensiva. Il Cesena può comunque salvarsi però bisogna riassestare soprattutto la difesa. Domenica mi auguro che vincano i bianconeri, col cuore dico uno fisso, con la testa dico X, la Samp è un osso duro. Riguardo al mio passato ho tanti bei ricordi, uno su tutti il 2-2 con l'Inter, perdevamo 2-0 a metà ripresa poi accorciò le distanze Bordin e io segnai il gol del pareggio, che partita!".

Anche i tifosi cesenati per Juventus - Cesena della prossima settimana dovranno arrendersi alla tessera. Infatti l'osservatorio ha vietato la trasferta a chi è sprovvisto della tessera consentendo l'ingresso unico agli aderenti. Di questo passo a gennaio saranno tutte vietate grazie agli abusi del Governo e delle TV.

Condividi
 

0 commenti:

Posta un commento

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha