domenica 4 settembre 2022

Cesena - Carrarese 1-2 1° giornata Serie C 22-23


Cesena - Carrarese 1-2
(22' Shpendi S., 72' Giannetti, 80' Bozhanaj)

Sintesi
Si fa sul serio, bentornati con il campionato di Serie C 2022-2023 e per la prima giornata il Cesena ospita la Carrarese. Al 3’ Zecca manda alto un colpo di testa sugli sviluppi di un corner, poi al 13’Cerretelli spedisce tra le braccia di Lewis una incornata debole. I bianconeri aggrediscono alti e praticano un pressing asfissiante concedendo quasi nulla agli avversari. Al minuto 20 Calderoni da calcio di punizione spedisce in Curva Mare, dall’altra parte Lewis è attento sul primo palo e si distende. Un minuto dopo si spezza l’inerzia della gara: una palla impossibile da recuperare è scodellata in scivolata in mezzo da Saber, appoggia quindi in rete Stiven Shpendi per il più facile dei gol. Il Cavalluccio insiste con la sassata dal limite di Saber che si stampa sui tabelloni pubblicitari. Dopo due minuti di recupero le squadre vanno negli spogliatoi.
Si riparte con gli stessi 22 in campo e dopo 4 minuti Cristian Shpendi di piatto cicca il raddoppio da ottima posizione. Poi Coccolo spedisce a lato una incornata. Mister Dal Canto innesta Energe, Bozhnaj e Cicconi per D'Auria, Cerretelli e Andreoli. Al minuto 64 scappa sulla destra Saber e Stiven Shpendi spedisce fuori, con una deviazione non vista, fallendo un'altra palla gol. Nuovi cambi per Toscano: Udoh, Chiarello per Cristian Shpendi e Saber acciaccato. Sale in cattedra la formazione ospite con il neo entrato Bozhanaj che impegna di pugni Lewis, poi Ciofi risponde al 70' con una rovesciata fuori da calcio d'angolo. La gara si riequilibra al 70' con il destro a incrociare di Giannetti, poi, dopo gli innesti di Kontek e Ferrante per Prestia e S. Shpendi, arriva il colpo mortale. All'80' il bolide da fuori di Bozhanaj spacca la sfida e condanna il Cavalluccio al ko. Toscano prova a a dare la scossa con Adamo per lo spompato Zecca, mentre Schiavi e Samele prendono il posto a Mercati e Giannetti. Al 97' termina così, con un bollino rosso all'esordio e tanto lavoro ancora da fare.

Il pagellone
Lewis 5,5: dopo un attento primo tempo, non convince la posizione sul pareggio.
Ciofi 5,5: è l’ultimo ad arrendersi.
Prestia 6: una torre difensiva davanti alla porta.
Coccolo 5: diverse situazioni da rivedere, come sui gol.
Zecca 5,5: si spegne nella ripresa e viene sostituito, dopo le tante galoppate.
Bianchi 6: il capitano detta legge in mezzo al campo, ma non evita la sconfitta.
De Rose 5,5: solido e un accappia palloni, va in apnea dal pareggio in avanti.
Calderoni 5: sul gol del pari non chiude bene e la palla gli passa sotto le gambe. I corner non sono mai precisi. DISATTENTO
Saber 7: il migliore in campo, sia per l’assist che per la grinta e il possesso palla incredibile. Poi esce per infortunio. FUNAMBOLO
Shpendi S. 6: suo il gol del vantaggio, fa fuoco e fiamme. Poi svanisce dal campo senza rifornimenti.
Shpendi C. 5,5: un buonissimo primo tempo dove è una mina vagante con il gemello, cala vistosamente e viene rilevato.
Udoh 5,5: tanti falli presi ma non incide.
Chiarello 5: ci si aspetta molto da lui ma come impatto è stato deludente.
Kontek 5,5: viene gettato nella mischia sul pari, subito dopo la squadra va sotto.
Ferrante 5,5: entra e sgomita, ma è apparso macchinoso.
Adamo Sv

Toscano 5,5: un ottimo primo tempo è però verificato dalla ripresa. Tante occasioni non sfruttate, poi nella ripresa la sua squadra lascia il pallino del gioco alla Carrarese che in maniera ordinata e, anche grazie ai cambi in panchina, risolve una sfida a proprio favore. I cambi non hanno aiutato, uno schiaffo salutare dopo un pre campionato troppo perfetto.

Curva Mare 6: in tutto sono 7278 gli spettatori presenti, buon livello inizialmente con bandiere e anche qualche fumogeno al gol, poi l’intensità si abbassa.

Curva Ferrovia Carrarese 6,5: a petto nudo sembra un solarium, niente mare ma la vittoria li galvanizza e ci credono fino alla fine. Circa 60 persone con qualche pezza e un bandierine.

3 commenti:

  1. Partiamo dai portieri: non è mai una buona cosa quando non ci sono gerarchie precise. Il ruolo di portiere è psicologicamente delicato ci vuole un titolare ben definifito. Poi avere in rosa il figlio del presidente è una situazione problematica. Oggi nel primo goal non aveva colpe, ma sul secondo ne ha eccome.

    Difesa: non so se mercadante sia meglio di Coccolo, ma Coccolo ha fatto una partitaccia oggi.

    Centrocampo: il trio bianchi-de rose-saber è tosto, ma mancano alternative. Lì la coperta è corta.

    Sulle fasce manca qualità. Se le punizioni e i calci d'angolo quest'anno li batte Calderoni, stiamo freschi. Non ne ha messo uno decente.

    I gemelli shpendi sono bravi, ma non possiamo pensare di fare un campionato di vertice dipendendo da loro. Possono solo fare da "contorno". Con ferrante e udoh ancora indietro di condizione e con Corazza ancora fuori, onestamente la vedo male nell'immediato, a partire dal derby.

    Quando domini una partita per un'ora la devi chiudere. Le squadre forti fanno questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su tutto. Un appunto: il centrocampo bene nella fase di aggressione, ma poi in bambola appena ha preso gol. I nomi ci sono, manca la testa, forse

      Elimina
  2. Intanto si è infortunato minelli e pare serio, quindi ci tocca sorbirci il figlio fenomeno del presidente titolare per un bel po'...

    RispondiElimina

Più letti di sempre

Seguici su Facebook

Ultimi commenti