BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

domenica 25 marzo 2018

Cesena - Perugia 1-1 32° giornata Serie B 17/18

CESENA PERUGIA 1-1 (58' Schiavone, 71' Buonaiuto)

IL RACCONTO DELLA GARA
Gelo e freddo nel posticipo domenicale della Serie B tra Cesena e Perugia. Con Jallow e Cacia in panchina il Cesena è spuntato. Partono bene gli ospiti che tengono in mano il pallino del gioco e al 4’ dal limite Fulignati è costretto al super intervento poi da posizione defilata Pajac spara alto. Il Perugia
insiste, cross dalla destra di Mustacchio e Di Carmine al volo manda a lato. Il Cesena risponde al 11’ con l’incornata da corner di Moncini che va sopra la traversa. Poi al 13’ e al 18’ Gustafson prima è troppo debole e di punizione Diamanti mette cattivi pensieri a Fulignati con la traversa. Il match si blocca ma al 44’ è il Cesena a sfiorare il vantaggio: Moncini si vede murare la conclusione, poi Kupisz a rimorchio non insacca un rigore in movimento con l’ex Leali battuto.
Squadre negli spogliatoi dopo 1 minuto di recupero a reti inviolate.Nella ripresa Castori innesta Suagher per l'infortunato Esposito. Il primo pericolo è di Gustafson, poi però arriva il gol di Schiavone sulla punizione dal limite dell'area perugina deviata al 58!. Breda innesta quindi Buonaiuto, poi determinante per Bandinelli. Il numero 8 infatti sigla dal limite il pari per l'1-1 al 71' dopo uno scambio sulla trequarti. Non bastano infatti Dalmonte e la zuccata di Perticone per tornare avanti. Dopo la girandola di cambi con Jallow, Cascione, Colombatto e Terrani la gara termina con un punto a testa. Prodigioso nel finale il salvataggio di Scognamiglio sulla linea che salva la baracca, ancora Buonaiuto pericolosissimo.

PAGELLONE
Fulignati 5,5: il portiere ex Palermo mostra i limiti già visti e rivisti da agosto ad oggi. Parte sempre ad handicap, colleziona ad ogni match una respinta corta e un rinvio sbilenco a partita. Nessuna colpa sul gol ospite ma non dà fiducia al reparto. BRACCINO
Perticone 6: il non-terzino più dotato della rosa bianconera non sfigura nemmeno di fronte al Grifo. Oggi, più che da laterale, si è mosso da centrale difensivo pur non disdegnando un paio di sortite in avanti. DOVE LO METTI STA
Esposito 6: perennemente sul filo di un infortunio, ne rimedia un altro anche stavolta mettendo a serio rischio il primato all-time di Donkor. Contiene senza sussulti la coppia Diamanti - Di Carmine prima di gettare la spugna all'intervallo. CROCE ROSSA
Scognamiglio 6,5: il suo salvataggio in pieno recupero vale come un gol per il Cesena che - senza il punto raccolto oggi - si sarebbe ritrovato ancora più a fondo di quanto non lo sia ora. A suo agio al comando della difesa. IN ODOR DI MINISTERO
Fazzi 5,5: ritrova la maglia da titolare ma c'è da poco da sorridere. Subisce la spinta e la foga dell'ossigenato Mustacchio; lo stesso perugino gli lascia qualche spazio in avanti che non viene però sfruttato. SORPASSATO
Kupisz 5,5: le poche armi nel bagaglio tecnico lo portano a correre e ad andare addosso agli avversari con impeto. Solita gara "ignorante" dove ha un occasione da gol miseramente fallitta e conclusa (addirittura) da seconda punta al fianco di Jallow. MUST
Schiavone 7: il folto centrocampo umbro non lo mette a disagio. Cerca sempre di dare vita al gioco bianconero ormai spompato. Trova una rete - seppur con deviazione - che illude il Cavalluccio ma che fornisce una certezza: questo giocatore è il fratello bravo di quello visto una stagione fa a Cesena. A SAPERLO PRIMA...
Di Noia 6: il ragazzo pugliese compie bene il compito di Robin a fianco di Batman Schiavone. Il fiato e la gamba calano nella ripresa ma l'impressione (anzi, è la realtà) è che tutti i giocatori bianconeri vanno in vistoso affanno nei secondi tempi. TUTTO REGOLARE
Vita 6: i piedi buoni li regalavano il giorno prima che passasse lui. Eppure l'impegno è da ammirare, è un elemento tatticamente importante in questa rosa senza capo né coda e Castori pare non poter fare a meno di lui. CARNE
Dalmonte 6,5: la nuova vita da seconda punta pare piacergli. Sta cominciando finalmente a vedere la porta, è un bene visto che anche Jallow si è rotto di salvare la baracca. LASCIATELO LI'
Moncini 6: ha un'occasione un po' rabberciata sul finire del primo tempo che finisce tra le braccia di Leali, uno dei settecento portieri di proprietà Juventus ed ex saracinesca del Cesena 14/15. Si muove bene ma è difficile fare di più quando nessuno (o quasi) crea qualcosa. FATICACCIA
Suagher 6: continua il buon lavoro svolto da Esposito. Ripetiamo: finché non fa danni pare essere davvero un signor difensore. IMPRESSIONI
Jallow 5,5: lo diciamo senza timore, ci colpisce di più il fatto che sia stato convocato e impiegato rispetto al mistero (o presunto tale) del ritardo del rientro dagli impegni con la nazionale. Poteva fare di più sì, ricordiamoci però che questa settimana ha visto il faccione di Castori soltanto oggi pomeriggio. VIAGGIO PREMIO
Cascione sv

Castori 5,5: il pareggio finale gli dà una ragione parziale. E' tutto un "non": non ci sono terzini, non c'è la condizione fisica di metà campionato, non c'è gioco. Il cambio Dalmonte - Cascione è da decifrare, ci stava togliere il numero 14 ma non mettere in campo l'ennesimo giocatore difensivo per salvare un risultato che, tutto sommato, non regala una posizione tranquilla in classifica.

Curva Mare Cesena 6,5: in avvio fumogeni e un messaggio ben chiaro sotto forma di striscione DA ADESSO FUORI LE PALLE. Buona qualità dei cori, continui e belli potenti. Presente una folta rappresentanza degli amici di Stoccarda.

Curva Ferrovia Perugia 7: oltre 1500 supporter umbri al seguito. Voce, sciarpate e battimani ben organizzati li eleggono ad essere una delle migliori tifoserie viste al Manuzzi in questa stagione.

2 commenti:

  1. Il cambio Dalmonte-Cascione è da ricovero in clinica.

    Il ritardo di Jallow la solita storia di una società di dilettanti allo sbaraglio.

    Cacia e Chirico' in panchina, due che non c'entrano assolutamente nulla con il calcio (il non-calcio) di castori.

    Ora per salvarci dobbiamo fare almeno 7 punti tra Novara, entella e Brescia. Più altri 8 nelle restanti 7 partite.

    Non ci credo nemmeno di sbriscio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Castori 5,5 è uno scherzo sicuramente.. ...se fossimo una società seria sarebbe esonero immediato....e sarebbe gia tardi.
      Poi il solito 6 a Di Noia....mah

      Elimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti