BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

sabato 10 febbraio 2018

Avellino - Cesena 1-1 25° giornata Serie B 17/18

AVELLINO CESENA 1-1 (90' Moretti rig., 96' Cacia)

IL RACCONTO DELLA GARA
Il Cesena al Partenio vede nell’undici titolare contro l’Avellino Moncini al fianco di Jallow e Fazzi sull’out mancino. A centrocampo dentro Fedele per Di Noia squalificato e Vita per Kupisz a destra. Appena due i punti di scarto con i biancoverdi in vantaggio in classifica. Parte forte l’Avellino al 3’ con il colpo di testa di Rizzato a lato, Lupi che prendono in mano il gioco. Sale in cattedra Wilmots al 9’, apre a destra per il lancio lungo su Ardemagni, costretto a dare le spalle a Fulignati ne esce un tiro debole e facile per Fulignati. Al 12’ la prima vera occasione: Rizzato dalla sinistra mete in mezzo per Ardemagni che in caduta centra un clamoroso palo, Cesena salvo!!! E’ un assedio, dopo tre minuti Laverone impegna Fulignati in corner, bianconeri surclassati a centrocampo con il 3-5-2 dei Lupi. La regia del film del Partenio con cambia, il Cavalluccio è in difficoltà con l’Avellino intento a cercare il vantaggio ma non sfonda. Squadre negli spogliatoi sullo 0-0.
Al 50’ è Migliorini di testa a impensierire Fulignati, poi sulla ribattuta Asensio non incrocia in maniera decisiva sempre in via aerea. Prima conclusione anche per il Cesena al 54’, il rasoterra di Laribi va sui cartelloni pubblicitari. Dopo 5 minuti Di Tacchio dalla distanza non inquadra per poco lo specchio, Avellino sempre pericoloso. Girandola di cambi: Cacia e Moretti rilevano Moncini e Wilmots al 60’. Occasionisisma per l’Avellino che spinge al massimo: Migliorini da corner impatta benissimo di testa e Fulignati con un colpo di reni toglie la palla dalla rete certa al 62’! Dentro anche Cascione per Fedele al 64’. Ultimo cambio per i bianconeri: out Laribi per Kupisz al 74’. Risponde Novellino con Falasco per Rizzato dopo 2 minuti. Nuova occasione da corner: Moretti scodella per Morero, incornata alta sopra la traversa al 78’. Fiammata dei bianconeri, al 80’ proprio l’ex Falasco mette in mezzo per il colpo di testa in girata di Ardemagni che ancora una volta scalda i guanti a Fulignati, tiene lo 0-0 al 81’! A cinque giri dalla fine, si ripropone il duello aereo tra i due, dove il portiere però rifila nello scontro una manata all’attaccante. Giocatori a terra e medici in campo, senza conseguenze l’impatto per i due atleti. Al 88’ Ghersini fischia un calcio di rigore per l’Avellino: Donkor in ritardo su Falasco commette un fallo non troppo evidente sulla riga dell’are dai rigore, con il terzino esperto che va a sbattere sul bianconero. Dal dischetto va Moretti al 90’ e non sbaglia, 1-0 per i campani. Castori che prova il tutto per tutto nei cinque minuti restanti ma Novellino fa in tempo ad innestare De Risio per Ardemagni al 95’. E proprio quando la speranza era finita, Cacia insacca sul secondo palo da corner di Schiavone sulla torre di Scognamiglio. Termina 1-1 in maniera insperata, beffa per l’Avellino.
 
PAGELLONE
Fulignati 7: salva il Cesena con i guantoni in almeno tre occasioni riscattando la prova ballerina di domenica scorsa. Capitola soltanto sulla bordata di Moretti dal dischetto. RISCOSSA
Donkor 4,5: periodo no per il ragazzo scuola Inter. Puntualmente saltato dall'esterno di turno, sempre incerto anche quando la palla è lontana. Il rigore all'Avellino al 90' è un suo regalo, commette un "fallino" intervendo in maniera scomposta. SCACCO ISACCO
Esposito 6: la sfida contro la coppia Ardemagni - Asencio finisce in parità anche se, di tanto in tanto, il centralone bianconero chiede sempre l'aiuto dell'amico Fulignati. Mille lanci in avanti ma nessuno davvero pericoloso. Suo l'assist per la rete di Cacia all'ultimo secondo. FATTORE
Scognamiglio 6: il ragazzo irriverente Ardemagni lo mette a dura prova. Resiste alla sua maniera con gioco rude, rutti in faccia e palloni spazzati fuori provincia. ER FAINA
Fazzi 5,5: in affanno contro Laverone in fase di copertura. Poco meglio va quando deve giocare la palla, costretto troppo spesso all'incocludente palla lunga. SBATTUTO
Vita 5,5: fatica a contenere Rizzato mandando in pappa la catena di destra. Gara di contenimento visto che il Cesena non riesci a produrre azioni realmente pericolose. SABBIA
Schiavone 6: gioca a testa alta, caso unico nell'undici bianconero. Prova a illuminare i compagni riducendo al minimo la dose industriale di palloni lanciati a caso in verticale. CANDELA
Fedele 6: l'ammonizione del primo tempo lo frena. Si riprende pian piano, senza infami a e senza lode prova a rendersi utile in una giornata tosta. APPROCCIO
Laribi 5: si ricorda di essere in campo dopo un quarto d'ora di gioco. In fascia non arriva nulla, tra le linee non riesce a creare occasioni per Moncini e Jallow. Da Arsenio Lupin a Ispettore Zenigata, il passo è breve. ZAZA'
Jallow 5,5: è tornato il giocatore egoista di inizio stagione, ahia. Chiede palla e la perde buttandosi in dribbling inconcludenti che innescano le ripartenze avversarie. Da lodare solo per la faccia tosta. MINATORE
Moncini 5: gioca a nascondino con Morero e non vede un singolo pallone giocabile. Prestazione totalmente opposta rispetto a quella mostrata con la Ternana. Perde una grandissima occasione, peccato. FLOP
Cacia 7: i bomber sono abilissimi nel sbrogliare situazioni complicate. Un'occasione, un gol (Sì, fino al 95' era da insufficienza). FINE DELLE TRASMISSIONI
Cascione 6: Castori lo mette dentre per alzare il muro (!). La butta sull'esperienza, tanti falli per fermare l'avanzata irpina. VECCHIA ROCCIA
Kupisz sv

Castori 6: La palla lunga, Dalmonte in panchina per tutta la partita, i tre cambi apparentemente fuori contesto, Cacia che prosegue il riscaldamento sul rettangolo di gioco. Questi e altri mille motivi parevano validi per condannarlo ad una certa sconfitta. Lo salva proprio Cacia. Alla fine ha avuto ragione il mister: per una società che deve salvarsi (sul campo), un punto in trasferta è sempre oro.

Curva Avellino 5: pubblico scarso per un match di seconda serie. Lo stato di forma dei settori caldi degli irpini non è dei migliori e lo si è visto bene in questa partita.

Curva ospiti Cesena 6: meno di cento supporter bianconeri al seguito. Finalmente "fanno settore" guadagnando una prova più colorito a livello di tifo anche in trasferta.

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti