BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

sabato 2 dicembre 2017

Frosinone - Cesena 3-3 17° giornata Serie B 17/18

FROSINONE CESENA 3-3 (18' Laribi, 20' Beghetto, 31' Laribi, 35' Dionigi rig., 76' Soddimo, 83' Jallow)

IL RACCONTO DELLA GARA
Si apre dicembre con un grande big match: Frosinone-Cesena nel nuovo stadio Benito Stirpe, sarà un mese di fuoco. E’ subito assalto dei padroni di casa con tre corner di fila nei primi 90 secondi. Il Cesena è tutto dietro la linea della palla rinchiuso a riccio, al 5’ l’ex attesissimo Ciano sfodera un siluro di sinistro che costringe Fulignati all’intervengo coi pugni. Replica Dionisi, il suo destro si stampa sui tabelloni pubblicitari. Il Cesena tiene il campo, inaspettatamente al 18’ arriva il vantaggio: Laribi allarga a destra per Kupisz, testa bassa e cross sul secondo palo, capocciata proprio di Laribi che si insacca per il terzo gol stagionale!! Prima occasione e il Cesena sigla il vantaggio, però al 20’ Beghetto segna subito il pareggio: gol fotocopia di quello del Cesena se non che viene realizzato di piede, con Kupisz che si è fatto rimontare pur essendo in controllo palla. Insistono i gialli, Ciano da calcio da fermo dalla sinistra pennella molto bene ma Fulignati vola in corner al 24’.
Collezione di corner per i ciociari, ma il Cesena resiste e prova il break, Laribi innesca Kone a sinistra, si avvicina all’area piccola ma il traversone è troppo alto e potente al 29’. Corner del Cavalluccio: Scognamiglio di testa impatta benissimo ma super Bardi di riflesso salva tutto! 1-2 Cesena al 31'! Punizione dalla sinistra di Schiavone, sfera a Laribi che elude D. Ciofani e segna col mancino! Accade l’incredibile al 32’, con palla lontana Beghetto trattiene la maglia a Kupisz, smanacciata al volto e frana a terra. Incredibilmente Pillitteri di Palermo dopo diversi minuti di caos espelle il polacco e concede il rigore. Furioso Castori che entra in campo e si toglie il giubbotto, Cesena con l’uomo in meno e Dionisi dal dischetto non perdona al 35’. Tantissimi dubbi per questa decisione incomprensibile. Al 44’ altra sorpresa: Dalmonte scappa via a sinistra, mette in mezzo, Kone non ci arriva ma Laribi insacca la tripletta! Ferma tutto però l’arbitro per un contatto di Kone con Russo. Castori esplode e addirittura replica alla tribuna che lo insulta! Un solo minuto di recupero e ancora proteste con l’arbitro al rientro negli spogliatoi.
Di nuovo in campo e Longo innesta Soddimo per Brighenti al 48’. Di nuovo una traversa per il Frosinone, poi al 53’ Jallow impegna Bardi dalla distanza. Secondo cambio per Longo: spazio per Matarese che rileva Mirco Gori. Cesena quadrato e lucido, anche sulle palle alte. Al 68’ salva baracca e burattini Fulignati, il suo piede intercetta la botta sicura di Maiello dall’altezza del rigore dopo che dalla sinistra Dionisi si era visto schiudere il triangolo. Out Schiavone infortunato alla caviglia al 71’, Donkor al suo posto. Crampi per Dalmonte, quindi dentro Vita dopo tre minuti. Il Frosinone prova il tutto per tutto, Cesena schierato ovviamente con il 4-4-1. Al 76’ nuovo hurrà: cross in mezzo dalla sinistra bianconera, Ciofani di testa impatta sicuro ma Fulignati gli nega il gol, Soddimo sulla ribattuta insacca. Espulso Cacia per proteste ma al 83’ Jallow su assist di Vita dalla destra insacca un pareggio strepitoso: si gira e beffa Bardi. Al 95’ arriva il triplice fischio liberatorio e per il Cesena è un punto d’oro perché sale a quota 18 insieme al Foggia tra la zona playout e quella salvezza.

PAGELLONE
Fulignati 7: si conferma reattivo tra i pali salvando la squadra a più riprese e si rende efficace anche in uscita. Sulle tre reti avversarie è impossibile puntargli il dito contro. SICURISSIMO
Perticone 5,5: Beghetto spinge tantissimo, Romano fatica assai quando Kupisz lascia il campo. Sofferenza continua. INDIETREGGIANDO
Esposito 6: discreta prova feat. Scognamiglio. La gara si fa dura in inferiorità numerica ma limita i danni contro una potenziale promossa diretta in massima serie. PROVA DEL NOVE
Scognamiglio 6: sfida tra pivot, tutto fisico e ignoranza. Se la cava bene dietro e va vicino al secondo al gol della settimana. DIKEMBE MUTOMBO
Fazzi 5,5: deve contenere Ciano e va subito in difficoltà, spesso è costretto a chiamare Dalmonte in aiuto. Da qui a fine dicembre dovrà soffrire ancora. AVVENTO TERRIBILE
Kupisz 5,5: prima un assist al bacio per Laribi e subito dopo il pasticcio che regala il pari a Beghetto. Lo stesso giocatore frusinate lo induce in tentazione per l'espulsione più ingiusta dai tempi di quella di Colucci in Cesena-Lecce del 2010/11. #JESUISKUPISZ
Schiavone 6: ancora ordinato in mezzo al campo. Dona il passaggio della doppietta a Laribi e lotta contro Maiello e Gori. CAPARBIO
Kone 6: consueto buon lavoro in copertura, fa da sparring partner a Schiavone. La gara maschia dello Stirpe è il suo mondo. HABITUE'
Dalmonte 6: la squadra trae giovamento con il suo ritorno in campo. Il Frosinone fatica a contenerlo sulla sua fascia, cerca spesso il compagno libero. Costretto a un match di sofferenza, si danna in copertura e solo i crampi lo mettono KO. AUTONOMIA 80%
Laribi 7,5: doppietta per l'ex Sassuolo che è incontenibile quando è in giornata di grazia. Solo Pillitteri gli nega la gioia del tris. Deve fare anche l'esterno e la mezzala pur di contenere l'avanzata frusinate e ci riesce. KARIMPOSSIBLE IS NOTHING
Jallow 6,5: battaglia con la poca tecnica e i tanti consigli donati del mister. Trova una rete insperata e decisiva dopo una giocata "alla Cacia" che regala un pareggio importantissimo. X FACTOR
Donkor 6: non si fa mancare nulla nel quarto d'ora finale. Combatte dietro, va vicino al clamoroso gol del 3 a 4 e battibecca con Daniel Ciofani. POLIEDRICO
Vita sv
Moncini sv

Castori 7: porta a casa un punticino che fa poca classifica oggi ma che potrà rivelarsi fondamentale alla giornata numero 42. Sul pasticciaccio brutto di Pillitteri e compagnia arbitrale si temeva una reazione sulla falsariga di Lumezzane nel 2004 ma l'ambasciatore Treossi è stato lesto a bloccare un attacco nucleare apparentemente inevitabile. Aggiusta lo schieramento senza sostituzioni e la sua squadra regge e si rende pericolosa contro un avversario quotato per la promozione.


Curva Frosinone 6,5: il nuovo stadio fa da cornice a una delle tifoserie più calde della cadetteria. Attivi per tutto il match, si fanno sentire con cori prolungati.

Curva ospiti Cesena 6,5: circa cento fedelissimi tra ultras e coordinamento accompagnano i bianconeri in terra ciociara. Il pari fa esplodere l'accantonato settore cesenate.

2 commenti:

  1. molto molto bravi, ho visto solo il secondo, ma se le squadre forti sono queste, in questa serie B può succedere di tutto

    RispondiElimina
  2. Ridicoli frusinati. tutti alti 2 metri e sempre per terra come fighetti ed a lamentarsi dalla maestrina (un arbitro indegno di questo nome). dopo il furto dei 25 euro per il settore ospiti, per il quale mi sono rifiutato di andare, ci hanno provato anche con l'arbitro. Patetici...... vi auguro la serie A, in stile Benevento......

    RispondiElimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti