BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

martedì 4 aprile 2017

Cesena - Brescia 1-1 34° giornata Serie B 16/17

CESENA BRESCIA 1-1 (14' Schiavone, 38' Coly)

IL RACCONTO DELLA GARA
In un inedito Manuzzi silenzioso a causa dello sciopero per i primi 30 minuti di gioco della Curva Mare, Cesena e Brescia si affrontano in anticipo di play-out. I bianconeri impongono subito il proprio gioco prima con una spaccata alta di Garritano al 3', poi al 12' Coly spara fuori un buon diagonale. Arriva però il gol del vantaggio per il Cavalluccio: Schiavone mira bene la porta di Arcari e tra le gambe il portiere non riesce a parare la botta dai 20 metri che gli rimbalza davanti. Il Brescia di Cagni non ci sta e al 31' confeziona una palla gol interessante con Bonazzoli che impegna Agliardi dalla distanza facendo smanacciare il portiere. Sulla sinistra Falasco è una furia e fa il bello ed il cattivo tempo, serve Ciano sul secondo palo che di testa schiaccia troppo la palla alzandola sopra la traversa al 36'. Un minuto dopo ci prova anche Laribi con un sinistro dal limite che sfiora la traversa. Arriva però il gol del pari di Coly al 38', troppo solo riesce facilmente ad insaccare un tap-in comodissimo.
Il Cavalluccio risponde con Ciano che dalla sinistra impegna Arcari, la palla carambola su Cocco che appoggia indietro per Laribi ma un difensore fa muro col corpo. L'ultima occasione è però del Brescia: contropiede di Camara sulla destra, Bonazzoli a sinistra riceve tutto solo e con un diagonale costringe Agliardi agli straordinari in corner. Squadre negli spogliatoi sul 1-1 senza recupero. Primo cambio per Cagni: fuori Camara, dentro Ferrante al 58'. Poi Camplone risponde con Di Roberto per Balzano al 66' e di nuovo si completa la girandola di cambi con Lancini e Panico per Torregrossa e Ciano al 69'. Al 73' proprio il neo entrato Di Roberto innesca Laribi, il suo rasoterra di destro viene deviato da Arcari!
Si gioca ad una porta sola, sugli sviluppi di un corner, Ligi tira dal limite dell'area, la palla deviata carambola su Garritano e il suo diagonale viene parato ancora da Arcari al 75'. Camplone rileva Laribi per Vitale. Ancora Cesena al 78': Schiavone calcia una buona botta dal limite, Arcari non trattiene e Cocco in caduta manda fuori dallo specchio. Occasione colossale al 78'. Tocca quindi a Garritano al 84', il suo sinistro viene spedito in corner da un super Arcari che blinda la porta. Cagni rileva quindi Bonazzoli per Caracciolo al 87'. La gara non finisce perchè al 91' Vitale ci prova di sinistro, poi sempre lui da corner al 930 innesca una mischia e Panico di nuovo fa fare gli straordinari ad Arcari che chiude l'1-1 finale. Al termine della gara nessuna contestazione ma tantissimi fischi.

PAGELLONE
Agliardi 6: il Manuzzi trema ogni volta in cui è coinvolto. Resiste, smadonna sul gol di Coly e passa il secondo tempo in relax. STAVOLTA BENE
Perticone 6: qualche colpa sulla rete ospite, Clcompensa con chiusure di alto livello in tutto il reparto. Un gradino sopra al resto della squadra. CAPO BRANCO
Capelli 6,5: se è in forma, è un difensore top per la categoria. Daniele Capelli è in formissima. INVECCHIA E MIGLIORA
Ligi 6: fischiatissimo per un passaggio sbagliato verso Falasco. In realtà non fa malissimo, si adegua ai compagni di reparto. Nella ripresa il Brescia si rintana e salva la sufficienza. FINALLY
Balzano 5: una faticaccia sulla corsia destra. Camara e Coly lo scherzano, dorme sul pari bresciano. Camplone non ci sta e lo toglie per Di Roberto. TORNA TRA NOI
Laribi 5,5: tanta buona volontà, alcuni interventi precisi e una marea di occasioni sbagliate. Alla fine i "meno" sono maggiori dei "più". NON BASTA
Schiavone 6,5: l'inizio non è dei migliori...anzi, è uguale agli altri. Il gol regalatogli da Arcari lo galvanizza, esce dalla tana e mostra qualche sprazzo di gioco. FORSE FORSE È BUONO
Garritano 6,5: primo tempo tonico, secondo tempo gagliardo. È il bianconero più attivo, il difetto è solo uno: la cattiveria sotto porta. Tuttavia i bresciani, come tanti altri avversari, non riescono a placarlo. PROVATE CON I CANNONI
Falasco 6: ci piacerebbe vederlo esterno d'attacco. Piedi discreti, capacità di saltare l'uomo. Bisoli lo punzecchia e soffre. Mister, mettilo là davanti a Pisa. ALA ARRETRATA
Ciano 5: si muove su tutto il fronte d'attacco. Le giocate scarseggiano e Camillone si eclissa all'intervallo. La salvezza diventa roba complicata senza il vero Ciano. PIGLIATE 'NA PASTIGLIA Cocco 5,5: mette anima e corpo come sempre, i piedi invece non ne vogliono sapere di buttarla dentro. Narcotizzato a lungo con Ciano al fianco, si risveglia con il sostituto Panico. TI ASPETTIAMO SOTTO LA TORRE PENDENTE
Di Roberto 5,5: tutti si aspettavano l'ingresso di Setola e invece entra il Nunzio nazionale. Corre ma non scatta, crossa ma manca l'assist perfetto. BUONO A METÀ
Panico 6,5: il sosia di Ciro Immobile si scatena nei pochi minuti a disposizione. Davanti, dietro, sopra a Cocco: ha corso e si è reso più pericoloso di Ciano. SCUGNIZZO
Vitale 6: il ragazzo ha il tiro facile, un colpo mancino a lato. Sostanza in mediana nell'arrembaggio finale. E per una volta non ne parliamo male. CONTENTI?

Camplone 6: out Kone, Rigione, Cascione, Rodriguez e Crimi. Rischia ancora Falasco, fa la conta a centrocampo e che San Ciano ce la mandi buona. Arcari aiuta il cavalluccio, Balzano non difende nemmeno per sbaglio e nel finale manca il colpo vincente. La morale è sempre quella: salvarsi è una faticaccia.

Curva Mare Cesena 6: 30 minuti di silenzio per rispetto agli assenti bresciani. Ripartono alla grande ma trovano poco appoggio dalla squadra in campo, non così arrembante come con il Frosinone.

Curva Ferrovia Brescia sv

INTERVISTE POST PARTITA
Luigi Cagni
"I ragazzi se lo sono meritato il pareggio, hanno fatto un altro passo in avanti nella crescita. Sono onorato di allenarli. In 4 partite ormai le ho viste tutte e il Cesena ha spinto tutto quello che aveva dentro. Ci aveva schiacciati e ho provato a cambiare assetto e con i ragazzi giovani è normale rischiare. Il primo tempo col 3-4-3 la squadra ha dato dei segnali importanti di gioco. Nella ripresa siamo partiti timorosi e abbiamo dovuto cambiare sistema, non abbiamo capito cosa fare e il Cesena ha fatto di tutto per andare in vantaggio e abbiamo rischiato. Turn over? Ho fatto il 3-4-3 per contrastare il Cesena nel suo campo difficile. Ne abbiamo parlato del sintetico, non è facile".

Andrea Camplone
"Mi lamento della gestione della partita, passi in vantaggio e devi cercare di farli venire fuori e poi colpirli in contropiede. Ancora una volta la gestione è da rivedere perchè loro ci aspettavano a metà campo. La stagione è particolare. Sul gol di Coly, la palla è rimasta lì sul secondo palo, credo Falasco l'abbia toccata di testa e hanno fatto gol. Il discorso è di gestire meglio le situazioni in vantaggio. Invece ci viene la frenesia di gettare la palla in avanti. Abbiamo sentito più questa che quella di Frosinone. In area di rigore abbiamo combinato poco ma 5 occasioni le abbiamo avute. Garritano ha avuto una grande occasione, poi credo che un rigore ci fosse. Abbiamo buttato via altri due punti, ora occorre vincere in trasferta. La partita non è stata brillante, eravamo troppo nervosi e abbiamo sbagliato molti passaggi e appoggi. Abbiamo più da recriminare con il Frosinone, oggi il pari ci stava".

3 commenti:

  1. Falasco piedi buoni? Falasco attaccante esterno?

    Forse in piazza Antani...

    RispondiElimina
  2. Sembra che avete la coda di paglia, quando scrivete bene di un singolo e chiedete se siamo contenti. Forse significa che avete fatto esame di coscienza per il passato o magari chi fa le pagelle è diventato di colpo competente? Bravi comunque, ma dovete essere un po' più tecnici, vi fermate solo alla prestazione del singolo, che magari fa bene per se, ma non è utile alla squadra. Questo è il problema di questo Cesena, troppi ruoli inventati senza un vero e proprio tornaconto del collettivo.

    RispondiElimina
  3. Altro che piazza antani.....perfettamente d'accordo con voi...Falasco a mio avviso è stato il migliore in campo, paradossalmente l'unico che riusciva a saltare l'uomo. non sarebbe male provarlo esterno alto, punizioni a parte farebbe sicuramentemolto meglio di Ciano!!!!

    RispondiElimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti