Qui Villa Silvia - Giornata di lavoro al Rognoni con il gruppo al completo ad eccezione di Capelli che continua il suo percorso di recupero. La squadra ha svolto fase tattica e poi tecnica con partitella finale decisa da Rodriguez. Domani alle 14.30 Camplone sosterrà la rifinitura al Rognoni a porte chiuse in vista del big match di Coppa Italia col Sassuolo. Poi conferenza stampa alle 16.15 e partenza per l'Emilia. In campo probabilmente non vedremo le seconde linee ma bensì la sperimentazione del 3-5-2 con le prove tecniche in vista della ripresa del campionato. In difesa Balzano, Perticone e Ligi saranno coperti da Ciano, Kone, Schiavone, uno tra Laribi e Cinelli e Garritano a sinistra. In avanti Rodriguez e Cocco. Ecco il possibile 11.

Il terzo portiere Lorenzo Bardini è stato ospite a Bianco e Nero d'Autore.
"Il mestiere di calciatore serve a formarti nella vita, ma serve anche la cultura perché una volta che termina questa avventura poi bisogna darsi da fare. Io sono andato via di casa a poco più di 11 anni e non è stato facile. Il momento più duro che mi ha quasi fatto smettere è stato l'infortunio al menisco interno e mentalmente l'ho subita tantissimo anche se come entità non era poi così grave. Poi ho superato questa brutta esperienza.
Sogno? Arrivare ai 40 anni con 20 anni di Serie A alle spalle. Il lavoro che facciamo in campo è durissimo e quindi i sogni vanno coltivati.
Sto vivendo un momento in cui ho davanti due portieri con esperienza fenomenale e cerco di prendere spunto da loro. Ho un rapporto bellissimo con loro e ci parlo molto per i consigli. Sono istruttivi sia nelle occasioni facili che difficili. Sono arrivato dopo ferragosto e qualora dovessi andare via sarei diverso sotto il punto di vista della formazione. L'obiettivo è giocare: che sia in lega pro o serie b, anche in prestito perché sarebbe una bella soddisfazione rimanere a Cesena e tornare più forte. Comunque vada sarò sempre grato al Cesena, anche se dovessi andare via.
Dó il 100 per cento in allenamento e spero di trovare spazio. Lo scorso anno sono stato a prato in prestito ma non è stata una buona avventura perché non ho mai giocato. Il Cesena ha 22 punti in classifica e ora c'è la coppa col Sassuolo. Credo molto nel gruppo vedendo la squadra in allenamento ogni giorni. Siamo forti con qualità e penso che alla lunga verremmo fuori, abbiamo fatto un gran ritiro invernale e siamo usciti da una settimana traumatica. Siamo stati bravi e lo staff se ne e accorto. Ora nel ritorno dobbiamo dare una sterzata in positivo".

UFFICIALE - Il primo colpo in entrata è Andrea Cocco. Il giocatore è stato girato in prestito dal Pescara che lo aveva girato temporaneamente al Frosinone. L'attaccante rimarrà fino a giugno.

Notizie calciomercato. Con l'arrivo di Cocco, il Cesena occupa la casella attaccante lasciata vuota da Djuric al Bristol. Camplone sta pensando al 3-5-2 e in avanti Rodriguez ha una maglia virtuale da titolare anche se il Perugia è in forte pressing su di lui e mancherebbe solo la parte economica da sistemare. Dal mercato è congelato Ciano finché non arrivi una vera offerta di mercato.
Dall'Inter Puscas non verrà, rimane al Benevento. L'unico che potrebbe arrivare è Manaj ma è ricercato da mezza Serie B. In ogni caso prima occorrerebbe fare spazio prima di nuovi acquisti (Di Roberto, Garritano?). Pare più staccato Ardemagni.
Nessuna novità per la porta: Agazzi potrebbe essere girato alla Salernitana per arrivare direttamente a Gomis ma potrebbe essere una operazione falsa. L'ex Milan in tal caso rimarrebbe a Cesena a fare il vice ad Agliardi.

1 commento:

  1. Il 3-5-2 è completamente inadatto alla rosa attuale. Non abbiamo gli esterni adatti (tranne forse Renderti, quello buono di una volta, e Balzano - ma Ciano e Garritano possono solo giocare punte con quel modulo). Poi siamo corti a livello di difensori centrali. Ce ne vorrebbe almeno un altro x fare quel modulo. Brutta idea, Camplone. Mi ricorda il 3-5-2 di Arrigoni e Barretta. Sappiamo come finì.

    RispondiElimina

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha