BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

martedì 24 maggio 2016

Cesena - Spezia 1-2 Play-Off Serie B 15/16

CESENA SPEZIA 1-2 (40' aut Renzetti, 64' Ciano, 85' Postigo)

IL RACCONTO DELLA GARA
Primo turno eliminatorio e secco dei play-off. Baci e abbracci dell'ex Di Carlo prima del match. Nel Cesena Drago lascia a riposo Sensi e Caldara, nemmeno convocato quest'ultimo.
Gara tirata fin dall'inizio con corsie bloccate, poche emozioni ma il Cesena è più offensivo, Spezia ordinato. Al 17' Ragusa finta il passaggio ma tira dal vertice sinistro dell'area, fuori di poco. Al 19' ancora Ragusa in palla serve il furetto Falco ma di piatto è tutto facile per Chichizola. La prima palla gol capita sui piedi di Kessie, potente rasoterra ma la sua botta fa la barba al palo!!! Risponde la bordata sbilenca di Errati.
Al 30' erroraccio di Fontanesi che su un traversone cerca di appoggiare di petto per Gomis, ma centra il palo rischiando il clamoroso autogol, poi Sciaudone dal limite raccoglie la respinta e spara fuori. Seconda palla gol per il Cavalluccio, Ciano sfodera un siluro di sinistro, Chichizola è perfetto e spedisce in corner. Arriva però l'autogol che fa andare in vantaggio gli ospiti: corner dalla sinistra, Terzi di testa colpisce e Renzetti involontariamente devia in rete. Gomis a terra e Spezia clamorosamente in vantaggio al 40'. Risponde dopo 2 minuti Ciano, la sua punizione di sinistro è velenosissima ma un difensore la devia in corner. Nessun minuto di recupero e squadre negli spogliatoi con un pesante passivo da recuperare.
Drago striglia i suoi e corre ai ripari immettendo Sensi e Kone al posto di Cascione e Fontanesi entrambi al 48'. Certamente i due non avevano fatto bene fin qui. Al 50' sugli sviluppi di una punizione Terzi cerca gloria invano. Cambio decisivo al 55': out Valentini in barella e dentro Postigo. La gara si incattivisce per 20 minuti abbondanti dove saltano gli schemi e l'arbitro ha il suo bel da fare con diversi cartellini gialli estratti.
Al 64' De Col atterra Ragusa, calcio di rigore sotto la Curva Mare. Ciano freddo spiazza Chichizola per l'1-1. Al 75' Djuric prova a migliorare la sua gara, girata di destro non ben coordinata. Di Carlo innesta al 76' Situm per Piccolo. Lo Spezia ci prova anche con l'ex Pulzetti ma il suo sinistro dal limite sibila a lato del palo.
Arriva poi il gol partita: corner dalla sinistra, Postigo lasciato solo gira in area e la infila con un diagonale da biliardo dove Gomis non può arrivare. 1-2 e Spezia in delirio totale. Cesena che ha a disposizione solo 5 minuti e al 87' Ciano per poco non tira fuori il coniglio dal cilindro con un tirocross su cui Chichizola fa gli straordinari per metterlo sopra la traversa. Il Cesena ci crede e raschia il barile di energie!
Nel frattempo era entrato Rosseti per Ragusa nella ricerca del disperatissimo pari. Al 88' ultimo cambio anche per Di Carlo: out Kvrzic e dentro Martic più per far peredere ulteriore tempo che per utilità. Espulso Galluzzo al 90' nei quattro minuti gli assalti all'arma bianca sono sterili.
Lo Spezia passa il turno ed inverte un pesante destino che a pochi minuti dai supplementari sembrava scontato. Al Cesena non restano altro che gli applausi del proprio pubblico, consolatori e nient'altro. La corsa play-off è dei liguri.

PAGELLONE
Gomis 6: unica pecca il "quasi patatrac" con Fontanesi nel primo tempo. Sui due gol nulla da dire. Se ne va il miglior portiere della B. PANTERA NERA
Fontanesi 5: regge poco nella zona di competenza. Poco decuso nei contrasti, rischia l'autogol da comiche spazzando...sul palo. RIMPIANGENDO PERICONE
Capelli 6: assiste Magnusson e sta bene al suo posto. Graziato nel primo tempo per un suo (presunto) fallo da rigore non concesso. Pare più tonico rispetto al passato...ma ormai non serve a nulla. RIPRESO
Magnusson 5,5: bella partita per l'islandese che mette la museruola a Catellani. Uomo ovunque dalla metà campo fino ai laccetti di Gomis. Dimentica Postigo sul 1-2 e rovina con un gesto la serata a tutti. FATALE
Renzetti 4,5: prestazione horror, lo salta anche Mimmo Di Carlo. Colpevole sull'autogol quando gli sbatte la palla nella schiena e beffa Gomis, ha tempi sbagliati in copertura, cross sparati random. Migliora, per così dire, nella ripresa. AGGHIACCIANTE
Kessie 6: bene bene da mediano, così così da terzino destro. Sempre pericoloso palla al piede ma quanti falli inutili! BANG BANG
Cascione 5,5: la marcia bianconera non è certamente rapida, la sua regia lascia a desiderare, almeno se la cava un po' meglio in copertura. Drago lo toglie per svegliare la squadra. DORMIENTE
Ciano 6: c'è poca fantasia, i suoi missili terminano a cavallo della pausa. Tiene buono l'ultimo col penalty segnato sotto la Mare. FONDO CASSA
Falco 6: è buono e si vede, lo sa tutta La Spezia. Prova sempre la giocata ma Di Carlo ordina di non metterlo in ritmo e i liguri ci riescono. INGABBIATO
Ragusa 6,5: fa da esterno alto, da mediano e da terzino. Altra gara egregia di Nino che non ha paura di nulla. Guadagna il rigore e tiene sempre vive le offensive romagnole. Crolla inevitabilmente col fiato nel finale. UNO E TRINO
Djuric 5,5: non è al 100%, si impegna alla grande. Purtroppo gli spezzini hanno tante vecchie volpi che sanno come prenderlo e tenerlo buono. Vede palla praticamente solo nel finale quando viene cercato continuamente per gli ultimi assalti disperati. IN THE END
Sensi 5: messo nella mischia per tentare il recupero, non se ne ricordano giocate eccelse. Ecco, un addio al Manuzzi non proprio stupendo. MEZZ'ASTA
Kone 6: butta in campo tanta grinta a differenza di altri della sua squadra. I compagni lo cercano poco ma il suo senza infamia. BAVETTA
Rosseti sv

Drago 5: Caldara out, Sensi e Kone su una gamba e mezzo in due, Perico squalificato: parte male per colpe non sue. Il Renzo e il Cascio gli tirano il pacco ma non azzecca i cambi fatto salvo per l'ingresso di Kone. Esce sconfitto contro un avversario che ha meritato il passaggio del turno. Andare in semifinale non vedendo mai la porta nella ripresa (rigore a parte)? Tanti auguri Spezia.

Curva Mare Cesena 7: coreografia da urlo, la postseason regala sempre emozioni al Manuzzi prima del fischio d'inizio. Cori continui per tutto il primo tempo che vengono spenti dal vantaggio ospite. Gol segnato, ricomincia la rumba. Altro gol subito, game over.

Curva Ferrovia 6,5: cinquecento anime dalla Liguria. Belli compatti, sciarpate, bandiera e battimani. La festa finale è tutta per loro, viaggio di ritorno in carrozza e col tasso alcolico da festa di paese.

INTERVISTE POST PARTITA

Massimo Drago
"Il rammarico più grande è aver subito il gol a 5 minuti dalla fine su palla inattiva. Due gol tra l'altro da corner. Nel primo tempo abbiamo trovato delle difficoltà perchè lo Spezia ci prendeva alti, poi nel secondo tempo abbiamo fatto girare palla più velocemente la palle e Ciano su rigore ha trasformato il pari. Sul secondo gol di Postigo, una nostra disattenzione è stata fatale ancora da calcio da fermo.
Gli appalusi finale sono gratificanti ma non abbiamo saputo dare una grande gioia al nostro pubblico.
Futuro? Devo parlare con la società ma i matrimoni si fanno in due".

Domenico Di Carlo
"E' stata preaparata la partita tatticamente molto bene. Siamo stati bravi a non sbilanciarci troppo. Sapevamo di stare bene fisicamente ma il gruppo è stato a posto sempre. Ce la siamo giocata a viso aperto, sapevamo che dovevamo vincere ma loro avevano più pressione perchè giocavano in casa e dovevano gestire due risultati. Complimenti al Cesena ma abbiamo giocato a calcio. Gli episodi sono stati a nostro favore a parte i rigori che c'era quello di Ciano ma anche quello dello Spezia. Lo straordinario gruppo ha trovato e voluto la semifinale. Bisogna sapere rischiare e vedere i giocatori in allenamento in settimana chi sta meglio. Noi le grandi partite non le abbiamo mai sbagliate. Tante palle inattive le abbiamo sbagliate in stagione ma questa sera ci sono state tutte a favore.
Da quattro mesi lavoriamo insieme e abbiamo fatto un lavoro ottimo. Dispiace per Valentini che si è infortunato ma contava vincere. L'anima di questa squadra c'è, ora giochiamo con la testa libera. Da domani ce la giocheremo fino alla fine.
Saluto tutto i miei ex giocatori e anche il pubblico, perchè mi hanno voluto bene. Ringrazio anche i miei tifosi che sono stati straordinari".

10 commenti:

  1. che dire?
    usciti meritatamente
    Kessie come terzino destro non è andato così male, avrei voluto vedere altri giocatori adattarsi come lui
    Magnusson, come umilmente detto un bel po' di tempo fa, aveva bisogno di giocare e si è vista la crescita nel tempo
    peccato perché i giocatori c'erano, l'insieme squadra meno - senza Falco forse non saremmo neppure arrivati ai playoff

    RispondiElimina
  2. Ha vinto la squadra che ha giocato meglio, il Cesena partiva avanti nei pronostici (rosa, ultimi risultati e match in casa) ma ha trovato un avversario tostissimo: non mi sorprenderei di vedere lo Spezia in finale anche se contro il Trapani sarà assai dura.
    Kessie meglio da mediano che da terzino...ma ad avercene come lui!
    Magnusson ha chiuso bene la stagione, peccato non averlo avuto con Caldara in questi ultime settimane.
    Falco ha dato una bella mano, era il più in forma della squadra.
    Ora attendiamo e vediamo cosa ci riserverà il futuro da qui a luglio!

    RispondiElimina
  3. non sono convinto della forza dello Spezia, è stata più la mancanza di forza del Cesena - pronostico uno Spezia uscire in semifinale

    RispondiElimina
  4. Assurdo dare la colpa a Magnusson per il secondo gol. Nessuno ha marcato Situm e perciò lui doveva lasciare il suo posto. Ma voi non sono esperti...

    RispondiElimina
  5. Era Postigo colui che ha fatto gol. Lo ha detto anche Drago che era Magnusson il marcatore in conferenza stampa

    RispondiElimina
  6. Drago ha anche detto: "Ma con questo non voglio colpevolizzare nessuno”. Non tu hai sentito/letto queste parole? Se capisci il calcio capisci che la colpa non è di Magnusson, ma che nessuno ha marcato Situm.

    RispondiElimina
  7. Ha fatto gol Postigo, non Situm. Dal punto di vista fantacalcistico, se un giocatore rientra nell'azione incriminata è colpevole. Punto. Rileggiti le altre pagelle dei quotidiani che gli hanno dato 4,5. Siamo stati anche buoni. Se non avesse avuto quella distrazione si sarebbe meritato un 6,5, come avevamo di fatto scritto

    RispondiElimina
  8. Tu non capisci il calcio Big Red, Postigo era libero perché nessuno ha marcato Situm. Questo è la colpa. Tu dai la colpa a Magnusson, come gli altri quotidiani, ma Drago non dá la colpa a Magnusson solamente perché non era la sua. Punto.

    RispondiElimina
  9. basta fare questa semplice considerazione per capire che non può essere colpa di Magnusso o esclusivamente sua: due uomini dello Spezia (Postigo e Situm) e un solo difensore per entrambi (Magnusson)
    La colpa è dello schieramento di difesa che ha lasciato libero un uomo, scegliete pure quale, non ha importanza

    RispondiElimina
  10. Esattamente che ho detto. Ma Big Red e Guinko sono come tutti gli altri "esperti" che scrivano sul Cesena: sempre dare colpa a qualcuno. È sempre Magnusson e spesso anche Ragusa e Djuric.

    RispondiElimina

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti