CESENA PESCARA 1-0 (12' Ragusa)


Highlights 15° giornata Serie B Cesena - Pescara 1-0http://www.blackwhiteskin.com/2015/11/cesena-pescara-1-0-15-giornata-serie-b.html
Posted by BLACK WHITE SKIN - Cesena Calcio on Sabato 28 novembre 2015

IL RACCONTO DELLA GARA
Big match al Manuzzi tra Cesena e Pescara. Quarto posto in combutta proprio con gli abruzzesi e ci si gioca davvero molto nella serata fredda dell'Orogel Manuzzi. Il Cesena deve ripartire dal pareggio di Vicenza. Nelle fila ospiti spazio ad Aresti in porta, a causa dei problemi fisici di Fiorillo. Cesena invece che lascia a riposo ancora Cascione per Sensi con l'innesto di Magnusson per l'acciaccato Capelli. In avanti confermato il trio dei lesti Molina – Ragusa – Garritano.
Errori da una parte e dall'altra nei primi minuti. Primo guizzo timido di Memushaj da calcio da fermo: destro a giro, palla altissima in Curva Mare. Il Cesena però va vicino al gol: Renzetti scodella bene in mezzo dalla sinistra, non ci arriva Kone in tuffo, palla che arriva a Garritano, di nuovo dentro per Ragusa che viene anticipato in corner! Dagli sviluppi poi i bianconeri non si capiscono e il Pescara può ripartire. Dopo 71 giorni di digiuno però torna a segnare Ragusa: l'ex della gara batte a rete una punizione magica di Sensi dalla sinistra, palla dietro alle spalle di Aresti!! Esplode la Curva Mare al 12'! Buona occasione al quarto, palla dentro di Magnusson dalla destra dopo una punizione, Kessie prolunga ma Ragusa viene anticipato da Aresti!
Oddo per niente contento dei suoi in panchina. Il Pescara infatti non trova sbocchi, in mediana c'è un grande lavoro del reparto. Proprio Kessie prova il jolly dalla distanza al 24': la sua botta viene parata in due tempi da Aresti che forse era stato ingannato dal vento. Ancora dalla mancina un pericolo enorme: Renzetti pesca Molina, torre in direzione di Ragusa che in tuffo impegna Aresti con un miracolo. Al 28' il Cesena rischia il 2-0, Kone raccoglie palla ma nel girarsi alza troppo la palla. Ci prova anche Sensi al 32' dalla distanza, palla sopra la traversa.
La flebile reazione del Delfino arriva al 38': tiro velleitario di Mandragora. Sull'altro fronte è Molina a tentare un sinistro improbabile, mentre è più incisivo Caprari. Il suo destro si stampa sui tabelloni pubblicitari al 40'. Rischio enorme di Aresti, cade nel rinvio su pressione di Ragusa, Molina raccoglie palla e prova un pallonetto ma non è preciso. Rischia il pareggio il delfino al 42' con un destro teso da calcio da fermo di Caprari. Primo intervento secco di Gomis che salva il risultato in tuffo! Dopo 1 minuto di recupero le squadre finiscono negli spogliatoi con Ragusa che parla a Sky.
Ritornano in campo le squadre con una novità: Torreira rileva Mandragora nella squadra ospite. Problemi per Garritano alla caviglia destra, entra Succi. Al 51' pericoloso Lapadula, si incuna in area e scarica un sinistro deviato da Caldara. Gomis salva con i piedi. Replica subito dopo il rivale Aresti, questa volta è Sensi che si incunea su triangolazione di Kone, ma la rete non arriva. Insistono i bianconeri: Kessie avanza palla al piede e spara un bolide di destro, Aresti si slava in corner! Prodigioso l'ivoriano.
Dall'altra parte Lapadula, in fuorigioco, sigla il pareggio, ma tutto viene annullato giustamente da Maresca! Entra Cocco per Benali, secondo cambio per Oddo al 61'. Errorone di Zuparic, palla in mezzo per Succi, una deviazione però consente a Perico di battere a botta quasi sicura, ma la sfera è svirgolata sul fondo al 65'. Insiste il Cesena, questa volta Ragusa dalla distanza prova il tiro violento, ma Aresti in pugno allontana il pericolo. Il Pescara è alle corde, Succi non devia un'ottima occasione creata da Ragusa, rasoterra non deviato in porta dal Cigno al 67'!!!
Si gioca ad una porta sola, la punizione mancina di Magnusson finisce tra le braccia del pubblico. Con Perico sulla destra arriva un buon spiovente per Succi, palla non impattata e Kone batte in porta ma la posizione è troppo centrale. Oddo opta per l'ultimo cambio: Valoti rileva Memushaj. Al 76' una botta di Molina fa tremare la porta di Aresti, ma la sfera non vuole proprio entrare! Ancora una bella azione manovrata bianconera: da sinistra a destra, Kessie prende palla dal limite e si accentra ma il sinistro è debole, tantissimo lavoro per il portiere pescarese.
Saltano gli schemi negli ultimi minuti in concomitanza con Romagna Mia cantata sugli spalti. Il Pescara accusata la sfuriata si ripropone in avanti ma sbatte su Kessie e Kone. Seconda sostituzione per il Cavalluccio all'84': Ragusa lascia per Capelli. Il match si protrae fino al 52' ma non accade più nulla. Il Cesena torna alla vittoria in maniera meritata e senza ombre, frutto di una grande serata per il collettivo. Il quarto posto ora è in mano bianconera ma si attendono gli esiti di Cagliari e Bari dopo la vittoria del Crotone sullo Spezia.

PAGELLONE
Gomis 6,5: da senza voto fino al 43' poi si ricorda di giocare anche lui quando Caprari gli fa mettere i MoonBoot e vola come sulla luna nel calcio di punizione. Si replica su Lapadula con un intervento di piede nella ripresa. ASTRONAUTA
Perico 6: quadrato, ordinato, aiuta Molina guardandogli le spalle. Soffre Caprari quando Oddo lo sposta per Memushaj. Usa anche le mani se servono, a volte graziato dall'arbitro. NAVE
Caldara 6: la solita roccaforte, una sola sbavatura ma il biondo lo salva. MURO
Magnusson 6,5: rientra in campo dopo tanto tempo, Lapadula non gli crea problemi. In avanti prova a calciare una punizione ma è sbilenca. Rimedia in diagonale ad un errore di Caldara e salva la partita nella ripresa. RINATO
Renzetti 7: guizzi ad ogni falcata, è sempre pericoloso. E' lui che ci mette lo Zampano. CORRIDORE
Kessie 7: filtra a metà campo ad alto livello. Verre è un bocconcino prelibato e lo neutralizza. Intelligente e cauto nelle giocate, offre sostanza e padronanza dei mezzi. PUNTA DI DIAMANTE
Sensi 7: il gioco di nuovo brilla, la sua posizione è spostata nel vertice basso del campo. Giostra palla e copre la sua zona. Offre l'assist al bacio al gol di Ragusa e fa a fette il campo. Sale in cattedra e gioca in scioltezza. GIOIA
Kone 6,5: offusca Memushaj e sfiora il gol per ben due volte in una delle sue incursioni non rae. Tanta legna in cascina. TUTTOFARE
Molina 6,5: prima Crescenzi e poi Memushaj hanno l'orbita nella sua zona, nascono degli scontri interessanti. In avanti è sornione ma quando tocca palla è pericoloso. BOMBA A OROLOGERIA
Ragusa 7: vola più in alto di Fornasier e batte a rete per il vantaggio, poi può replicare per il 2-0 ma Aresti gli nega il bis. Viene dirottato a partita in corso sulla linea di Crescenzi, nasce uno scontro in velocità. FULMINE
Garritano 5,5: molto defilato, porta via uomini importanti ma incide poco. Esce a causa di un infortunio ad inizio secondo tempo. TOPINO
Succi 5,5: rileva l'infortunato Garritano e si mette in gioco per un tempo praticamente. Sbaglia due tap-in da ottime posizioni. LENTO
Capelli sv

Drago 7,5: ripropone gli schemi di Vicenza e questa volta gli danno ragione. A parole il mister alla vigilia lo aveva detto, così è stato. Il centrocampo erige un muro invalicabile, le corsie macinano kilometri e scorribande corsare. Ragusa in grande spolvero, Sensi e Kone in forma. Magnusson viene ritrovato. La squadra ha giocato un buon calcio soffocando gli avversari. La vittoria è il giusto premio per quanto fatto vedere in campo, Oddo annientato tatticamente.

Curva Mare 6,5: schermaglie canore dal pre gara fino al noventesimo. Non troppe presenze in generale ma il pubblico fa valere sempre il suo peso. La festa finale è solo loro.

Settore Ospiti Pescara 7: il venerdì non li spaventa e sui pulmann via per l'A14. Ne deriva una marea azzurra corredata da bandiere e molte pezze in bella vista. Cori sempre a buon livello. Fanno esplodere in Ferrovia anche una bomba carta.

INTERVISTE POST PARTITA
Stefano Sensi
"Abbiamo messo una gran cattiveria oggi, dovevamo però finalizzare meglio. Aresti ha fatto tante parate. Noi lavoriamo settimana dopo settimana e non abbiamo obiettivi, poi faremo i conti a fine campionato. Siamo contenti".

Simone Aresti
"Non avevamo demeritato contro il Cesena e sul suo campo che rimane uno molto difficile. Sono molto incazzato come i miei compagni per i punti che non sono arrivati dopo una prestazione del genere".

3 commenti:

  1. ottima partita
    kessie è un gran giocatore
    a torino spero che faccia rifiatare un poco il centrocampo titolare, ma spero di divertirmi lo stesso, almeno una volta lo possa andare a vedere allo stadio quest'anno

    RispondiElimina
  2. Uno dei migliori in campo, insieme a Kone

    RispondiElimina
  3. Kessie un paio di spanne sopra tutti. A torino spero giochino solo riserve. Quella che conta e' col crotone. Purtroppo quella di garrirano sembra un'altra distorsione alla caviglia. Una roba da almeno un mese/ un mese e mezzo fuori.

    RispondiElimina

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha