BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

domenica 28 settembre 2014

Cesena - Milan 1-1 5° giornata Serie A 2014/2015

CESENA MILAN 1-1 (Succi 10', Rami 18')
Clicca qui e guarda il video in hd con gli highlights

RISULTATO FINALE: CESENA MILAN 1-1
CESENA Milan 1-1. Pubblico delle grandi occasioni per CESENA – Milan, sugli spalti in tribuna Mancini, Sacchi e Zaccheroni, insieme al solito Galliani. Stadio Orogel Dino Manuzzi, oggi all'esordio, praticamente esaurito in ogni ordine di posto. Bianconeri a caccia di risultato per la salvezza. Ritmi altissimi e ospiti già a tiro al 5': punizione dalla sinistra di Bonaventura, Torres tocca a centroarea di testa ma Leali è ben posizionato. Il CESENA tiene il campo, Marilungo salta Poli e punta Rami, tiro di destro insidioso e Abbiati non trattiene, Succi è ben appostato e insacca l'1-0! La bolgia esplode al Manuzzi!
Bianconeri in vantaggio! Sulle ali dell'entusiasmo Succi e Brienza superano gli uomini nei pressi dell'area e conquistano metri di campo. Galliani sugli spalti ha una faccia da zombie! Risponde il Milan su calcio da fermo: Honda scavalca la barriera di destro e super Leali spedisce in angolo. Che cosa ha preso!! Grande intervento! Su calcio d'angolo arriva il pareggio: Honda pesca Rami, Lucchini disattento, e Leali non ci può arrivare. 1-1 al 18'! Spinge forte il Milan e conquista tantissimi corner: Menez si invola, viene steso ma la palla capita sui piedi di Bonaventura.
L'esterno entra in area di destro calcia alto di poco sopra la traversa alla mezz'ora. CESENA che inizia a squagliarsi, sugli schudi Honda, Menez e Torres scalda i motori. Tra i bianconeri bene Brienza, Cascione e Marilungo. Si fa rivedere il CESENA al 44': Cascione recupera un bel pallone a centrocampo, lancia Brienza sulla sinistra e l'ex Siena si invola verso la porta, dal limite scocca un sinistro che sfiora il primo palo. Un solo minuto di recupero e squadre negli spogliatoi sul risultato di pareggio.
Primo cambio per il CESENA: De Feudis ritrova il campo, esce quindi Zè Eduardo. Il Milan riprende da dove aveva lasciato ma è il CESENA a trovare la palla gol: Brienza dalla trequarti destra cambia gioco con un lancio lungo per Marilungo, aggancio per Coppola dal limite che sfodera un esterno sinistro perfetto e per poco non si infila in porta! Abbiati si tuffa alla sua sinistra ma non ci sarebbe arrivato! Mani in testa per Coppola al 50' che avrebbe potuto realizzare un eurogol! Rispondono i rossoneri con un bel collo esterno destro di De Sciglio dal limite, Leali spedisce in corner. Nulla di fatto e si vola al 61': Succi esce tra gli appalusi del Manuzzi, al suo posto Defrel. Partita viva con il Milan che si atteggia sui singoli ma la difesa regge, mentre il CESENA punta in velocità con ripartenze in verticale.
De Feudis ci prova dai 25 metri e palla fuori di pochissimo! Doppio cambio per Inzaghi: out Torres, Poli e dentro Pazzini, Essien al 70'. Terzo cambio per Bisoli al 72': fuori Capelli e dentro Perico. CESENA ancora in avanti, Marilungo verticalizza al 73' nell'uno contro uno per Defrel che sfugge a Zapata. Maglia tirata e rosso diretto per il difensore centrale a pochi passa dall'area di rigore. Dalla punizione dal limite Brienza calcia malissimo sopra la traversa! Occasione sprecata! Corre ai ripari Inzaghi: Honda lascia il posto a Alex, poco meno di 20 minuti da giocare in inferiorità numerica. Si fa sentire intanto la Curva Mare che canta da tutta la partita!
Squadre stanche e lunghe ma il CESENA si fa vedere in avanti aumentando il baricentro. Corner di Brienza all'85', Cascione stacca su De Sciglio, Lucchini insacca di stinco ma l'arbitro annulla per scorrettezza del mediano che sinceramente non sembra esserci!!! Si entra nei tre minuti di recupero, con il CESENA che controlla la palla molto bene e prova gli ultimi assalti. Finisce qui la gara senza ulteriori sussulti. Il CESENA guadagna un ottimo punto contro un Milan non troppo pericoloso. Si smuove la classifica come era necessario e si guarda ora alla trasferta insidiosa di Udine di domenica prossima.

PAGELLE - Diamo i numeri!
Leali 6,5: paratona sulla punizione (deviata) di Honda, riflessi da urlo. Di questo passo la Juve se lo riprende a gennaio. MANI DA ASSICURARE
Capelli 6: bene in chiusura, difensore centrale più che terzino. Regge meglio rispetto ai match precedenti, gli esterni del Milan pungono ma non colpiscono. PROTEZIONE
Volta 7: fa la differenza là dietro. Perno della difesa,quasi più bravo in A che in B. Avete visto Torres? RAPITORE
Lucchini 6: spesso perde l'uomo nel primo tempo. Nella seconda parte di partita trova il navigatore e concede pochi spazi a Torres e soci. RISALITA
Renzetti 6,5: Honda non è un pivello e lo punta a ripetizione. Nel finale, con il Milan in 10, ha praterie da conquistare e ne approfitta. PENDOLINO
Z Eduardo 5: timido, non si propone e non lo si nota mai. Il modo migliore per giocare solo un tempo, farsi sostituire e prendere un'insufficienza. THE INVISIBKE MAN
Cascione 6: crea poco ma lotta con impegno. Arretrato e pratico, non sfigura contro il Diavolo guidando con sapienza il Cavalluccio. TIMONIERE
Coppola 6,5: falloso e spezza-gioco, fastidioso ai giocatori rossoneri. Giallo fisso ma importantissimo per la chimica della squadra. TASSELLO
Brienza 6,5: fantasia in campo, il talento maggiore tra i suoi. Abile anche lontano dalla zona rossa, imprescinbile per il raggiungimento della salvezza. COLONNA
Marilungo 6: quasi assist per Succi, partita fatta di movimento e sacrificio. Fiatone (giustificato) nel finale. SANO CORRIDORE
Succi 6,5: gol all'esordio con la maglia bianconera in A, meraviglioso. Furbo sulla malaugurata respinta di Abbiati e va di esperienza per un'altra oretta. GIOIA
De Feudis 6,5: un tempo per Beppe, ingresso positivo il suo. Cerca gloria anche in fase offensiva, va vicino al gol della vita. CORAGGIOSO
Defrel 6,5: peperino dell'ultimo minuto, bene sia lontano che vicino all'area avversaria. Sta trovando continuità - positiva - di rendimento. AVANTI COSI'
Perico sv

Bisoli 6,5: tatticamente ben disposto il Cesena, trova guadagno dalla scelta di Succi titolare. La difesa trema ma resiste, la superiorità numerica permette alla sua squadra di avanzare e concedersi occasioni importanti.

Curva Mare Cesena 7,5: pochi striscioni presenti, giusto qualche bandiera ma tantissime presenze. Settore esaurito, insieme a Distinti e Tribuna per un match d'altri tempo. Murati e stretti, uniti contro i rossoneri. Canti dal primo all'ultimo minuto di recupero. Un punto che vale oro e al termine della partita i giusti applausi ai 14 scesi in campo.

Settore Ospiti Milan 6,5: non il tutto esaurito per i rossoneri al seguito di Inzaghi e giocatori. Peccato per il colpo d'occhio ma tantissimi i gruppi presenti, uno su tutti la solita Curva Sud. Se dal punto di vista visivo il colore non manca, da quello canoro non si sentono mai.

INTERVISTE POST PARTITA
Pierpaolo Bisoli
"I punti sono tanti, 5 in 5 partite e bisogna pensare che abbiamo incontrato tre big del campionato. Tutto ciò viene provocato dal fatto che quando siamo sul pezzo siamo una squadra rognosa. Ci mettiamo intensità e voglia, loro hanno tirato solo su calcio piazzato per metterci in difficoltà. Ci danno tutti per spacciati ma noi venderemo cara la pelle fino all'ultimo minuto dell'ultima giornata".

Filippo Inzaghi
"Avevamo in mano la partita, abbiamo creato tantissimo, nel primo tempo abbiamo fatto benissimo. Poi nella ripresa ci siamo allungati e il caldo non ci ha aiutato. Il gol di Succi non ci ha aiutato, forse era in fuorigioco, ma non è facile fare il guardalinee, è sempre questione di centimetri. Se non avessimo preso quel gol, oggi avremmo vinto. Dispiace non aver vinto anche per i risultati degli altri, ma il campionato è ancora lungo".

Jeremy Menez
"Attacchiamo bene, abbiamo avuto tante occasioni davanti la porta ma abbiamo preso un gol così, era anche fuorigioco. Abbiamo avuto una bella reazione e dobbiamo continuare così. Il modulo non c’entra, bisogna solo giocare con lo spirito giusto e stasera l’abbiamo avuto. Faceva anche caldo e non era facile. Lavoriamo insieme l’uno peraltro ed è bello. Dobbiamo continuare così e torneremo a vincere. Il presidente vuole sempre vincere, come noi, ma non si può sempre portare a casa i tre punti. Ci abbiamo provato ma non ci siamo riusciti. Ora pensiamo al Chievo".

Adil Rami
"Molto importante il gol per la squadra e per me. Abbiamo preso un gol, ma dobbiamo continuare a credere in questa tattica. Abbiamo conquistato un punto, non è male perché siamo rimasti in 10. Possiamo fare bene. Sono contento di giocare, ero un meccanico e sono sempre contento quando gioco. Abbiamo fatto bene, ma era difficile visto il campo... Il punto non è male visto che in 10 era difficile fisicamente. Sabato dobbiamo prendere i 3 punti. Abbiamo la voglia di fare bene e di difendere bene. Arriverà il nostro momento positivo".

Giacomo Bonaventura
"E' stata una partita dura. Ce l'abbiamo messa tutta, era la terza partita in una settimana, su un campo sintetico, e loro sono una squadra aggressiva. Abbiamo cercato di fare quello che abbiamo potuto, non siamo riusciti a vincere ma abbiamo disputato un match volenteroso. Con un pizzico di cattiveria forse sarebbe arrivato il secondo gol. Nel primo tempo sul mio tiro avevo calciato in porta ma me l'hanno deviata e l'arbitro non ha visto, come non ha visto il contatto, sono stato trattenuto e magari dava il rigore. Noi siamo una squadra di grande qualità, ci vuole tempo, siamo molti nuovi e abbiamo enormi potenzilità".

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti