Corriere Romagna - Rodriguez, alzati e.. segna
La Voce - Cesena sogna, contro tutti e contro tutto
Qui Villa Silvia - I ragazzi di Bisoli hanno goduto di due giorni di riposo in seguito al successo di sabato scorso ottenuto al Manuzzi ai danni del Novara. Oggi ripresa delle operazioni con due sedute a Villa Silvia, la prima alle 10.30 e la seconda alle 15. In vista dell'impegno di sabato prossimo a Terni saranno da valutare le condizioni di Emmanuel Cascione, uscito malconcio dall'ultimo match: a quanto pare il centrocampista avrebbe un risentimento muscolare ai flessori della gamba destra, nelle prossime ore si avranno novità. Potrebbe rientrare in gruppo Renzetti mentre non dovrebbe farcela Beppe De Feudis, alle prese con una frattura al trochite omerale della spalla sinistra. Il mister potrà contare inoltre su Camporese, di ritorno dalla squalifica che lo ha costretto in tribuna nell'ultimo turno. Restando sempre in difesa, da una parte resta fermo Krajnc per una lombalgia ma arrivano riscontri positivi sul recupero di Capelli, il centrale dovrebbe essere pronto tra circa 15 giorni.

Come annunciato sul Corriere di Romagna di ieri, giovedì 3 la Commissione disciplinare processerà il Cesena che, molto probabilmente, sarà penalizzato di un punto in classifica per il ritardo nel pagamento degli emolumenti avvenuto a dicembre. La società intende difendersi facendo notare che il ritardo fu legato soltanto ad un intoppo interbancario e che le disposizioni di pagamento erano già state controfirmate. Gli avvocati del cavalluccio mostreranno anche l'accordo, siglato con i sindacati a tempo debito, sull'accettazione dei giocatori per eventuali e brevi ritardi sul versamento degli stipendi. Il Tnas 4 anni fa diede ragione per lo stesso identico motivo al Carpi, allora penalizzato di un punto dalla Figc ma in seguito "perdonato". In sede si incrociano le dita e si spera di chiudere il campionato senza penalizzazioni.

La Voce di Romagna comunica che ieri sera il Cesena Calcio ha approvato sia il bilancio provvisiorio semestrale che quello di chiusura del precedente esercizio. Mentre il primo risulta essere in leggera perdita nonostante spese "grosse" quali gli stipendi dei vari Malonga, Ceccarelli e Gessa, quello precedente - consuntivo al 30 giugno 2013 - ha un passivo di circa 2 milioni di euro, dovuto ai soliti contrattoni firmati ai tempi dell'ultima A e soprattutto dalle mancate entrate legate alla retrocessione del 2012.

0 commenti:

Posta un commento

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha