lunedì 28 gennaio 2013

Il giorno dopo di.. Cesena - Vicenza 3-1

La Gazzetta dello Sport - Il nuovo Cesena firma il ribaltone
La Voce - Con un Cigno così il Cesena può ritornare a volare
La Voce - Sì questo è il Cesena che ci piace
La Voce - Granoche e Succi il 2013 preso di petto
Corriere Romagna - Succi Granoche e il peso del gol
Corriere Romagna - Il Cesena ricomincia da tre
Qui Villa Silvia - Finalmente con la ripresa del campionato è giunta uan vittoria importantissima contro il Vicenza di Breda, esonerato poi dalla panchina veneta proprio per il 3-1 inflitto dai romagnoli. Personalmente è stato difficile non seguire la gara dal vivo, per questioni lavorative, ma solamente in un bar ad almeno 50km dalla città bianconera. Fortunatamente il clima era amico, con un simpatico barista ed un altrettanto emblematico ragazzo di colore che ad ogni giocata di Parfait, molti gli errori suoi, si picchiettava la mano sulla fronte in segno di disapprovazione. La gara però si è messa male con prima la traversa dell'ex Castiglia, poi la rete dell'esperto Pinardi, giù a pensare male e chiedersi se Campagnolo fosse stato l'acquisto esatto. Capovolgimento di fronte in stile annata 2009/2010 con prima Granoche, abilissimo e lesto, poi il tic tac di testa di Tonucci ribattezzato tentene nel dopo partita (per via del suo saluto militaresco sotto la gradinata dopo la rete). Nella ripresa giunge il gol di Succi che spara un bolide in porta. Qualche tremolio arriva da Malonga, ma si riscatta molto bene Campagnolo.
Oggi pomeriggio è prevista la ripresa degli allenamenti al Manuzzi alle ore 14.30, probabilmente con maltempo annesso. Prossimo avversario il Novara: la gara d'andata fu un altro enorme pianto sotto la gestione Campedelli (4-1 per i piemontesi al Manuzzi). In campo rientreranno Ceccarelli, ha scontato la squalifica, Comotto e Graffiedi che ha smaltito la febbre. Forfait in vista per Brandao e Gessa rimane da valutare.

Pillola dalla Primavera. Nella giornata di ieri, alle ore 11.00 in diretta tv nazionale su Sportitalia, il Cesena di Fernando De Argila ha compiuto un'altra impresa. A cadere sotto le reti di Cicarevic, Gravina e Sensi è l'Inter campione in carica. La rete della bandiera per i nerazzurri è stata siglata allo scadere da Gabbianelli. Il report della partita con le foto e la sintesi è qui sopra nella rassegna stampa.

Ufficiale - Andrea Rossi interrompe il suo prestito al Cesena e tramite il Parma, squadra che detiene il cartellino del giocatore, passa al Bari sino a giugno. La notizia era stata accennata la settimana scorsa e resa ufficiale solo oggi.

Notizie calciomercato. Con l'apertura della settimana si torna a pensare al mercato di riparazione, mancano solo tre giorni alla chiusura. Oggi pomeriggio, afferma il Corriere Romagna, ci sarà un summit per gli ultimi colpi di mercato con Bisoli. Per il centrocampo si guarda ancora a Bovo, in uscita dallo Spezia. Gli altri due indiziati sono Cruzado (vicino al Deportivo Calì) e Nwankwo.
In uscita rimangono ancora Ravaglia (conteso da Chievo Verona, Vicenza) e Turchetta (la lista si allunga, ora anche Alto Adige e Como). Per il dopo Ravaglia si guarda al classe 90' Belec (Inter).
Domani infine, Marin e Valentini partiranno per Milano, ma ci sarà un incontro col Parma per discutere della comproprietà di Benalouane: 600mila € andrebbero al Cesena, si parlerà anche di Nwankwo che vuole il prestito e non la comproprietà.

Il commento del post partita
Il Cesena ricomincia da tre. Tre reti segnate e tre punti conquistati contro il Vicenza, avversario diretto per la salvezza. Il match di sabato ha regalato ai tifosi bianconeri l’emozione del successo al Manuzzi dopo tre mesi di digiuno, infatti il cavalluccio aveva ottenuto l’ultimo risultato massimo tra le mura amiche lo scorso 30 ottobre con il 3-2 sul Grosseto. La vittoria conquistata dagli uomini di mister Bisoli vale oro visti i punteggi provenienti dagli altri campi, infatti buona parte delle candidate alla salvezza ha raccolto più del previsto: occorre ricordare l’hurrà del Crotone ai danni del Sassuolo, la trasferta felice del Novara ad Empoli e le zingarate in extremis della Ternana sul terreno di gioco del Modena e del Lanciano in casa del Varese (più il successo del Grosseto contro il Cittadella). La partenza ad handicap avrebbe demoralizzato quei giocatori che ora sono ai margini della rosa o già in altri lidi, Succi e compagni hanno rimesso in carreggiata la vettura e sono arrivati alla bandiera a scacchi con due lunghezze di vantaggio. Ora c’è un attacco vero, dotato di due punte di prima fascia ed esterni capaci di coprire la fascia e puntare la porta con facilità. A centrocampo continua a non convincere pienamente il rude Parfait mentre Coppola ha dimostrato di essere esperto conoscitore dei meandri melmosi della B. Buone nuove anche dalle retrovie, il coming back di Volta e un ritrovato Tonucci non hanno fatto rimpiangere l'assenza di Comotto e hanno dato fiducia a Campagnolo: il terzo portiere titolare della stagione ha avuto colpe sulla rete ospite ma non ha corso grossi rischi, fatto salvo per un paio di interventi nella ripresa. Occorre rivedere i terzini: Consolini e Dallamano non sono ancora al top della forma, resta da capire se i concorrenti (Ceccarelli, Morero, Brandao) potranno farne degnamente le veci in caso di assenza. La prima impressione relativa alle operazioni di mercato è buona, non poteva esserci ripresa migliore dopo la lunga sosta post-natalizia. E’ ancora presto per capire se gli applausi partiti dagli spalti al triplice fischio si ripeteranno da qui a maggio, in ogni caso quanto visto nell’ultima recita fa bene sperare per il resto del campionato.
Il triplice fischio
La sfida col Vicenza di sabato non è stata particolarmente cattiva e nemmeno con episodi dubbi. Le reti di Pinardi, Granoche, Tonucci e Succi sono tutte regolari. Il signor Ciampi fischia in maniera perfetta e affibbia pochi cartellini gialli, gli interventi duri infatti si contano sulle dita della mani. Giuste quindi le ammonizioni a Padalino (tackle irregolare su Coppola), Coppola (fallo su Semioli da dietro) e Granoche che nella ripresa tira la maglia allo stesso Padalino. Manca un solo cartellino a Bojinov al 5'.
I minuti di recupero sono stati 2 nel primo tempo e 4 nella ripresa, a giustificazione dei cambi effettuati dagli allenatori.
Non ci sono stati espulsi ed episodi da moviola.
Ciampi 6,5
Cucchiarini 6 - Di Iorio 6

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti