SCARICA LE FOTO DI CESENA - CAGLIARI

RISULTATO FINALE: CESENA - CAGLIARI 1-1 [By iColas7]
CESENA Cagliari 1-1. Al Dino Manuzzi di CESENA la squadra allenata da Giampaolo, apparentemente all'ultima spiaggia, pareggia 1-1 contro il sorprendente Cagliari dell'ex Ficcadenti. Il Cavalluccio schiera il trio d'attacco Ghezzal-Eder-Martinez, con quest'ultimo rientrato dall'infortunio di due settimane fa. La partita s'accende subito al 2', quando Comotto atterrato nella propria trequarti da un Nainggolan piuttosto nervoso, reagisce richiamando l'attenzione dell'arbitro che li divide prontamente. Al 15' il primo guizzo dell'uruguaiano: scodella in area una palla interessante che Eder calcia tra le mani di Agazzi: nulla di fatto. Al 20' la svolta: sugli sviluppi di un corner, Von Bergen non si accorge che Nenè e T. Ribeiro sono in fuorigioco e spazza il pallone di testa, che viene recuperato da Cossu e messo in mezzo: Martinez devia la sfera nettamente con le mani, sacrosanto il rigore assegnato da Doveri ai sardi. Nenè si presenta dal dischetto e non sbaglia, con una potente conclusione alla sinistra di Antonioli, il quale non può nulla. Dopo qualche folata offensiva bianconera, al 44' Eder calcia in porta, ma la sua conclusione viene respinta in area con la mano da Canini: l'arbitro assegna il calcio di rigore ammonendo il difensore isolano. Succede di tutto: prima si presenta dal dischetto Eder, poi Ghezzal, e infine Candreva, dopo che il tecnico di Giulianova era entrato in campo per cambiare il rigorista e verrà per questo espulso. Antonio da Roma trasforma con un preciso rasoterra nell'angolo alla sinistra di Agazzi, spiazzandolo. E' l'1-1, e il popolo cesenate intravede un barlume di speranza, sognando la prima vittoria in campionato. Nel secondo tempo il CESENA domina letteralmente un Cagliari non pervenuto, schiacciandolo totalmente nella propria metà campo. Al 53' è Parolo a sfiorare il vantaggio, dopo che aveva saltato Agazzi: la conclusione viene però parata dallo stesso portiere. Al 77' sempre Parolo pericoloso, questa volta sfiora di testa la sfera che gli viene levata dal portiere ex Triestina, che subisce anche fallo. All'82' entra Ceccarelli per Comotto, e sei minuti dopo Malonga per Martinez, ma la sostanza non cambia: è 1-1 e il CESENA è sempre più ultimo in classifica.

PAGELLE - Diamo i numeri! [by Giunkolo]

Antonioli 6: ovviamente incolpevole sul rigore realizzato da Nene'. Novanta minuti ad osservare le innocue azioni offensive sarde, ben monitorate dai difensori bianconeri. L'importante è sapere che c'è. SOTTOUTILIZZATO
Comotto 5,5: Non è totalmente in forma e si vede, tuttavia sempre meglio del Ceccarelli visto a Siena e comunque gli ospiti non fanno paura. Molla nel finale facendo spazio proprio al gambettolese. NON AL TOP
Von Bergen 6: sbaglia poco, le punte avversarie si muovono lontano dalla zona rossa. Qualche titubanza iniziale ma si riprende durante il corso del match. PRECISINO
Rodriguez 6: vedi sopra, Nené e Thiago Ribeiro si guardano bene dal rovinare il proprio completo di gioco. Emana grinta da ogni poro, meglio tenerla buona per altre occasioni. Sempre in avanti sui calci d'angolo, vuoi vedere che prima o poi... TORRE DI CONTROLLO
Lauro 6: se Comotto arranca dietro, il campano spinge in avanti e prova numerosi cross. Qui sorge un dubbio: non è in grado di calciarli adeguatamente oppure sono i compagni che non sono in grado di sfruttarli? NIENTE MEZZE MISURE
Parolo 5,5: ritorna al caro e vecchio centro-destra di centrocampo. In assenza di Colucci è lui il capitano, deve trovare la forza ed il coraggio di guidare i compagni alla prima vittoria. CANDIDATO PREMIER
Guana 5,5: rallenta il gioco quando ci sarebbe la necessità di velocizzarlo, troppi tocchi prima di far partire l'azione. Serata storta, dovrà riprendersi al più presto dato che mancano valide alternative. COSTRETTO
Candreva 6,5: mostra costanza lungo i novanta minuti, niente picchi di mostrosuità e cali di rendimento. Mette fine alla soap-opera Ghezzal-Eder-Giampaolo prendendo la sfera e realizzando il rigore del definitivo pareggio. SONO WOLF, RISOLVO I PROBLEMI
Martinez 6: parte a gomme fredde, chiude su di giri. Prima frazione opaca riscattata da una ripresa di buona fattura. Giocate di classe, qualche scivolata ed una rovesciata in stile Confalone. PUNTO DI PARTENZA
Ghezzal 6: chiude il tour dei ruoli d'attacco finendo a giocare da punta centrale. Prima di uscire per Bogdani si dimostra il più vivace negli ultimi 30 metri. Ruba la scena in occasione del penalty: si prepara a calciare, litiga a distanza con Giampaolo che verrà allontanato, Eder gli ruba palla ma alla fine Candreva si incarica della battuta. PATATA BOLLENTE
Eder 5: non è un bomber, ok. Le liste del Fantacalcio lo indicano come attaccante, ovvero colui che dovrebbe arrivare più facilmente al gol rispetto al resto della squadra. Non è il suo caso. Fa la sua piccola parte nello sketch di fine primo tempo. COMPARSA
Bogdani 5,5: il Manuzzi lo acclama come un dio, nemmeno fosse Hubner o Schachner. Molto più punta di Ghezzal, purtroppo il pallone non gira vicino ai suoi tentacoli. POCO SFRUTTATO
Ceccarelli e Malonga sv

Giampaolo 5,5: le crepe difensive comparse in terra senese sono state aggiustate, si è riproposto l'eterno problema della sterilità offensiva. Tre reti totali, tre pareggi, tre punti in classifica, tre minuti di follia prima dell'allontanamento al 45'. Le squadre di medio-bassa classifica verranno al Manuzzi per non perdere, il Cesena (non quello visto fino ad oggi) deve dominare e vincere i match contro queste avversarie. Si rivela discreta la direzione dalla panchina del vice Leonardo Colucci durante il secondo tempo. STERILIZZATO


Curva Mare Cesena 5,5: solo le torce ad inizio gara e l'osso delle Wsb tiene "alto" il morale della truppa, anche a suon di fischi. Il resto del pubblico è silenzioso, se non per contestare. Alemeno l'ultimo posto in classifica non ha pregiudicato le affluenze al Manuzzi.

Curva Ferrovia Cagliari 6: 100 e più tifosi accorsi al Manuzzi sognano di inseguire la vetta della Serie A ma contro di loro si ritrovano il cinico Candreva che li punisce della stessa moneta. Bella la presenza del tifo rossoblù.

INTERVISTE POST PARTITA
Mister Marco Giampaolo
"Non potevo chiedere di più alla squadra, oggi ha dato tutto in fase di costruzione e di possesso. Su Ghezzal ho cercato di non caricarlo di responsabilità non sue, se manca il rigorista Mutu, Candreva è il secondo. La squadra ha lottato per cercare di riscattare la pessima uscita a Siena. Con il presidente c’è un rapporto di grande rispetto e fiducia. Il mio rammarico è soprattutto nei suoi confronti: oggi si può dire che abbiamo dimostrato lo spirito giusto ma certamente il presidente vuole una vittoria."

Mister Massimo Ficcadenti
"Siamo partiti molto bene, abbiamo giocato con intensità e concesso pochissimo al Cesena, anche se il goal subito all'ultimo minuto del primo tempo ci ha frenato un po' psicologicamente."

Antonio Candreva
"Siamo da lunedì in ritiro, qualcosa è successo se siamo leggermente migliorati. Continuiamo così. Il rigore? Ghezzal era sul dischetto ma Giampaolo ha detto che dovevo tirarlo io, se lui era convinto io non avevo problemi a lasciarli il posto. Dobbiamo già pensare alla sfida col Parma che sarà importantissima, un altro appuntamento da non fallire. Credo che il mister sia un grande allenatore, dobbiamo continuare a seguire le sue indicazioni e a impegnarci."

Steve Von Bergen
"La situazione si fa pesante per tutti, e ci rendiamo conto che parliamo sempre delle stesse cose, del gol che non arriva. Ma sono sicuro che bisogna andare avanti così, continuare a lavorare con questo spirito, perché sono convinto che siamo sulla strada giusta. Adesso siamo in ritiro da lunedì, lavoriamo per uscire velocemente da questa situazione, perché più andrà avanti peggio sarà, la classifica è pesantissima".

0 commenti:

Posta un commento

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha