BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

lunedì 6 giugno 2011

News Ac Cesena 06-06-11

Il neo tecnico del Cesena Marco Giampaolo ha firmato un contratto biennale da 450mila € a stagione. Nel suo staff sarà presente anche Leonardo Colucci come allenatore in seconda ed altri membri a lui vicini negli ultimi anni. Toffolutti, Fulgoni e l'allenatore in seconda seguiranno Ficcadenti a Siena.
Mercoledì avverrà la presentazione alla stampa di Giampaolo.

Notizie calciomercato. Grandi operazioni a Parma sono state fissate con Ghirardi: Paci e Bojinov in Romagna con il rinnovo della comproprietà di Djuric.
L'addio di Jimenez è inevitabile, il giocatore i giorni scorsi ha presentato alla FIFA la lettera per lo svincolo, quindi si pensa a Pasquale Foggia della Lazio. Il nuovo tecnico bianconero permise al trequartista di mettersi in luce in serie A con la casacca del Cagliari: il giocatore non rientrà nei piani di Lotito e ad ogni finestra di mercato ha rifiutato sistematicamente prestiti o comproprietà.
Altri ex per cui si continua a lavorare sono Biondini (Cagliari), Valdifiori (Empoli) e Pozzi (Sampdoria). Campdelli sta cercando anche di trattenere Emanuele Giaccherini facendogli firmare un rinnovo del contratto. Giampaolo ha inoltre già bloccato la partenza di Von Bergen, uno dei pochi nel reparto difensivo insieme ad Antonioli, Lauro e Ceccarelli ad essere confermato.
L'Inter ha lanciato una nuova offensiva per Marco Parolo viste le possibili partenze di Sneijder e Thiago Motta. Non sarà un'impresa facile per il club di Massimo Moratti visto che un probabile trasferimento sarebbe da chiarire anche con il Chievo, proprietaria del 50% del cartellino, e poiché anche Genoa, Palermo, Fiorentina e Udinese sono interessate al centrocampista.
Continua il rapporto di fiducia tra il Pavia ed il Cesena. Infatti i lombardi hanno riscattato la metà di Nebil Caidi, l'anno scorso in prestito e sono interessati alla conferma di David Meza Colli, scartato da Ficcadenti ma messosi in mostra da gennaio in Prima Divisione. Agli ordini di Benny Carbone nella stagione scorsa hanno giocato anche gli ex cesenati Andrea Ferretti, Marco Veronese e Marco Tattini.
Cesena e Palermo potrebbero allearsi per acquistare lo sloveno Robert Beric: i siciliani intendono acquistare l'attaccante classe 1991 per girarlo in una società minore per farlo crescere.


Marco De Marchi, agente di Luca Caldirola, è stato intervistato e ha parlato del futuro del giovane centrale tornato all'Inter dal Vitesse e adesso particolarmente ambito da diversi club di A: "Il Cesena è una delle squadre che mi ha chiamato. In questo momento la priorità è quella di fargli finire la stagione. Lui è titolare nell’Under 21 che sta disputando il torneo di Tolone. Dopo il torneo mi dovrò incontrare con l’Inter perché lui ha il contratto in scadenza nel giugno 2012, e si studierà il progetto tecnico. La cosa importante è azzeccare la scelta per dare continuità al progetto, visto che l’anno scorso ha giocato nel Vitesse e ha fatto un’esperienza importante.

Massimo Silva, allenatore che affiancò Giampaolo (all’epoca sprovvisto di patentino) nel 2004/05 e nel 2005/06 in quell’Ascoli che stupì tutti, in B come in A è stato interpellato a riguardo. Tra i cadetti conquistarono i playoff. Nella massima serie (dove vennero ripescati) erano pronosticati come cenerentola del torneo e invece si salvarono prima della fine del campionato. «Fu un’impresa». Al tecnico ex Catania ora ne è chiesta un’altra: salvare il Cavalluccio, possibilmente facendo divertire il Manuzzi.
Silva, come sarà il Cesena di Giampaolo?
«Penso voglia cambiare qualcosa nella sua impostazione del gioco. Vuole ritrovare quello che fece ad Ascoli, quando cercava il gioco e la manovra. Negli ultimi anni invece per varie esigenze si era affidato di più alla fase di non possesso palla».
E’ vero che è un maniaco dell’organizzazione?
«Sì, conta molto sull’organizzazione anche nel lavoro settimanale. Anche grazie a questo nell’Ascoli di allora nacque un calcio di qualità. Spero che ritrovi a Cesena quel calcio propositivo che fece grande la squadra che allenavamo insieme».
Giampaolo ha fatto le cose migliori ad Ascoli, una piazza simile a Cesena per passione e dimensioni. Buon segno?
«Probabilmente la Romagna, dove i tifosi sono sempre a stretto contatto con la squadra, è il posto migliore per rilanciarsi».
A Cesena Ficcadenti, riservato e freddo, ha faticato a legare con l’ambiente. Com’è Giampaolo di carattere?
«Non è un tipo molto espansivo. Ma la dedizione che ha per le sue squadre insieme alla voglia di far vedere del bel calcio lo porta a farsi apprezzare facilmente dal pubblico».
Nel “vostro” Ascoli c’era un suo pallino, Pasquale Foggia. Proverà a portarlo in Romagna?
«Può darsi. In A fece una grande stagione all’Ascoli. Qualche tempo dopo arrivò anche in Nazionale e dedicò a Marco quel traguardo. Nell’uno contro uno ha una qualità che pochi vantano».
C’era anche Maurizio Lauro in quell’Ascoli...
«Sono molto contento di vederlo ad alti livelli anche oggi. Inoltre è cresciuto nel settore giovanile dell’Ascoli e i suoi successi mi fanno piacere. Lui non ha mai mollato e si merita di essere in A. Me lo ricordo bene, Maurizio. Come mi ricordo la prima giornata in serie A con l’Ascoli, ospitavamo il Milan e la nostra difesa era così composta:Coppola, Carbone, Cudini, Tosto e Lauro. Eravamo un tantino preoccupati (risata, ndr). Poi però stringemmo i denti, finì 1-1 e fu un esordio indimenticabile».
Nel gioco di Giampaolo uno come Giaccherini può fare comodo?
«Alla grande. E se riesce a prendere Foggia, tra lui e Giaccherini vedrete che gli avversari diventeranno matti».
Si è parlato col Parma di Massimo Paci. Piace al mister?
«Sì. C’era anche lui ad Ascoli nel 2005/06. Già allora era forte, in questi anni è cresciuto tanto in fisicità».

Il Cesena di Filippo Medri si è aggiudicato la 41^ edizione del Torneo Sacchi, manifestazione riservata alla categoria Allievi svoltasi a Savarna (RA). Dopo aver superato battuto Cervia (2-0) e Bologna (2-1) nel girone di qualificazione e la Giacomense in semfinale ai calci di rigore dopo il 3-3 dei tempi regolamentari, i bianconeri si sono imposti nella finale disputata ieri sera per 4-0 sul Ravenna grazie alle reti di Lorenzo, F. Urso, Brisigotti e Trabucco.

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti