BLACK WHITE SKIN

Notizie quotidiane, video e highlights Serie A Serie B, fotogallery, calciomercato Cesena Calcio 1940

mercoledì 15 settembre 2010

News Ac Cesena 15-09-10

Nell'allenamento di ieri Fabio Caserta è tornato in gruppo. Ancora dovrà trovar la forma dopo il problema al ginocchio. Mister Ficcadenti ha tenuto un discorso alla squadra prima di scendere in campo.

Oggi dopo l'allenamento Giaccherini torna sul gol al Milan e commenta le sue previsioni per quest'anno.
"Mi sono comprato al Fantacalcio e ho acquistato anche Antonioli, Nagatomo e Colucci. Segnare alla prima gara in casa con il Milan è un'emozione che ricorderò per sempre. Se penso al mio percorso dalla C2 fino a qui mi sembra di essere giunto a vivere un sogno che dentro di me avevo da sempre. I miei miti calcistici ora giocano contro di me e questo infonde in me l'ottimismo e la volontà di credere nelle mie capacità. Per ora non penso a null'altro oltre al Cesena: sono contentissimo di indossare questa maglia con onore e che mi stia portando tutte queste soddisfazioni. Qualcosa è cambiato da quando è iniziata la Serie A e ho voglia di viverla al massimo! Sarebbero troppe le persone a cui dedicare il mio goal di sabato, perchè ci sono tantissime persone importanti nella mia vita. Spero di poterne realizzare altri, il mio obiettivo è giungere quota 6 o 7 reti in questa stagione".

Tramite questo link è aperta la prevendita online per i biglietti Cesena - Lecce di domenica 19 settembre ore 15.00 al Dino Manuzzi.

Ignacio Piatti, centrocampista del Lecce si lascia alle spalle la sfida vinta con la Fiorentina e pensa a domenica col Cesena.
“Sono molto contento per domenica, ci tenevo a far bene alla prima gara casalinga. Sicuramente dobbiamo migliorare sotto alcuni aspetti. De Canio, ad esempio, a me ha chiesto di essere più rapido quando ho la palla. Il campionato italiano si sta rivelando difficile come me lo aspettavo. Contro il Cesena ci vorrà la stessa mentalità avuta contro la Fiorentina”.

Il direttore generale del Catania Lo Monaco commenta, in una nota tv, duramente l'arrivo del Milan dopo la delusione e le frasi di recriminazione di Galliani e Berlusconi.
"Mercoledì voglio arbitri di sinistra! Non vorrei che il Milan si fosse preparato la strada. Credo che Berlusconi si potesse risparmiare questa polemica, visto che ha altri problemi non solo in chiave sportiva dato il suo ruolo di presidente del consiglio.
Secondo lui a Cesena gli han rubato 2 o 3 rigori, non so. Io mi auguro se così fosse di avere un arbitro di sinistra".

Emauele Giaccherini parla dell'ex Bisoli ora a Cagliari.
"Devo molto a Bisoli che per primo a Cesena ha creduto veramente in me. Due anni fa dovevo andare alla Pistoiese poi per qualche assenza giocai un’amichevole e Bisoli non mi ha più tolto. La Fiorentina? E’ una squadra fortissima che sarà senz’altro protagonista in questa stagione. Credo che sia una delle squadre più forti del campionato e la vedo come forte candidata al quarto posto. Se sono mai stato vicino alla Fiorentina? Sono di Bibbiena e quando avevo 10 anni ho fatto un provino per i viola giocando al Franchi prima di un Fiorentina-Atalanta. Poi sono andato ad Arezzo e da lì al Cesena”.

Incredibile notizia di calciomercato: Cavalieri potrebbe rescindere il contratto e tornare al Liverpool. Dopo le due ottime prestazioni di Antonioli, questa è la voce che è girata per Corso Sozzi tuttavia smentita dalla società.

Roma e Palermo potrebbero acquistare Behrami: il calciatore svizzero desidera tornare in Italia ed eventualmente arriverebbe già a gennaio. Su di lui nel mercato estivo sira fiondato anche il Cesena che non è riuscito ad acquistarlo per poco.

Il capitano dei bianconeri, Colucci, risponde ad un'intervista.
"Quelle con Roma e Milan sono state due partite difficili. Con la Roma sapevamo che dovevamo rompere il ghiaccio ed eravamo curiosi di sapere dove potevamo arrivare. Alla fine è andata bene, poi ci sono state due settimane per preparare la sfida con il Milan, sapevamo di poter far bene e alla fine abbiamo fatto una grandissima partita. Siamo felicissimi. Mi sono accorto che i rossoneri ci sottovalutavano quando ho notato che sui corner non mettevano mai l’uomo sul primo palo, così prima ho tentato di innescare Parolo che per poco non faceva gol, poi ho provato io stesso a sorprenderli con un tiro col quale ho seriamente impegnato Abbiati".

Parla di Erjon Bogdani. "E’ uno che sa far giocare la squadra. Un grande uomo e un grande attaccante, basti pensare come ha spinto la società a prendere Igor Budan, pur sapendo che per le caratteristiche che ha, il croato potrebbe portargli via il posto. Negli ultimi anni le squadre non giocavano per lui, non era schierato nel ruolo attuale".

Una news di calciomercato estivo."Mirko Antenucci voleva venire a tutti i costi. Era già d’accordo con Campedelli per un accordo triennale, poi però il Catania ha bloccato tutto".
Nel Milan vedi un grande attacco e poca difesa?
"Ho fatto poco caso a quello che potesse essere il Milan. Noi sapevamo di doverli attaccare con le ripartenze e siamo stati bravi a preparare la partita ripartendo al momento opportuno".
Il Cesena ha sia giovani importanti che giocatori d'esperienza
"Sì, la nostra fortuna è quella di aver anche giocatori di grande qualità. C'è poi un mix di esperienza con i vari Appiah, Antonioli, Von Bergen, Pellegrino, tutti giocatori che hanno una certa età e diversi di questi hanno fatto qualche Mondiale. Abbiamo poi Jimenez, che è un giocatore importante, e noi lo aspettiamo perché sappiamo che potrà essere molto importante".
A Cesena il calcio come si vive?
"La A mancava da vent'anni e sapevamo che per loro la partita con il Milan era tutto. Avevamo una grandissima responsabilità e abbiamo dato il 200%. La gente di Cesena vive in modo molto tranquillo, ma molto passionale. E' una sensazione stupenda per noi calciatori perché sappiamo di dover dare tanto a loro che meritano tanto".
Ora la partita col Lecce come sarà?
"Difficilissima. Li ho visti molto bene con la Fiorentina e noi dobbiamo solo lavorare bene in questi giorni. Quando si scende in campo preparati qualcosa di buono viene sempre fuori".
Un anno fa eri in una situazione difficile ed ora sei il capitano di una grande squadra. Cosa provi?
"Questo è un motivo in più di orgoglio perché significa che tutti questi addetti al calcio si erano sbagliati. Sono soddisfazioni che nessun gol o azione personale può cambiare. Ringrazio il Cesena ed il presidente Campedelli per avermi dato questa opportunità. Io l'ho colta al volo e mi sono tolto tanti sassolini dalle scarpe".

Nessun commento:

Posta un commento

Più letti di sempre

Segui su Facebook

Ultimi commenti