VIRTUS ENTELLA - CESENA 2-1 (2' Crimi, 34' Caputo, 76' Catellani)

IL RACCONTO DELLA GARA

Trasferta tosta per i bianconeri nel campo dell'Entella. Tante le assenze per il Cesena che deve fare a meno di Balzano e di nazionali Kone, Garritano e Laribi. In campo Donkor prende il posto di Ligi e Vitale parte dal primo minuto con Rodriguez. Queste le principali novità, nonché il rientro dal Viareggio di Setola.
Al primo affondo il Cesena passa al 2': cross molto basso di Ciano sul primo palo dalla bandierina, Rodriguez d'esterno allunga per Crimi che tutto solo non deve fare altro che appoggiare in porta! Difesa dell'Entella in bambola e capitola al primo affondo. Di nuovo un corner per i bianconeri ma dall'altra parte: Ciano questa volta scodella molto bene per la testa di Perticone ma Belli spedisce in corner, poi liberato dalla difesa locale. Grande pressing dei romagnoli e partenza ottima. Si sveglia l'Entella al 13' con un destro potente dal limite di Tremolada, Agazzi in due tempi salva tutto! L'Entella alza il ritmo e prova la via del pareggio sfondando sulla catena Renzetti-Vitale.
Match brioso e aperto con l'Entella che schiaccia i romagnoli nella propria metà campo. Al 27' il sinistro di Tremolada su calcio da fermo si stampa sui cartelloni pubblicitari, ma al 29' il tiro è potente e Agazzi di pugni allontana! Ormai è una questione personale. Arriva però l'ingenuità di Renzetti che tira la maglia a Caputo e dopo diversi episodi dubbi Sacchi concede il penalty. Dal dischetto Caputo tira centrale e beffa Agazzi al 34' per l'1-1. L'Entella rimane costantemente in avanti provando a mettere in difficoltà il Cavalluccio e al 47' Tremolada ancora dalla distanza mette brutti pensieri ad Agazzi che para una botta dalla distanza in due tempi. Si va negli spogliatoi sul 1-1.
Doppia tegola per Camplone: dentro Agliardi e Ligi per Agazzi infortunato e Donkor a rischio espulsione. Primo sussulto di Perticone da corner, il suo colpo di testa finisce in corner da Belli. Il match si appiattisce e i ritmi rallentano. Al 59' Palermo scalda le mani ad Agliardi, tutto facile per il portiere appena entrato. Doppio cambio per Breda: Ammari e Ardizzone rilevano Palermo e Tremolada al 60'. Fiammata Cesena: Crimi d'esterno impegna Iacobucci che smanaccia e per poco Rodriguez non insacca da due passi!!! Doppio corner per i bianconeri che arrivano a dieci ma non servono per tornare in vantaggio. Sale in cattedra anche Vitale al 67', botta di destro dai 25 metri e Iacobucci con i pugni spedisce lontano.
Ultimi cambi per Camplone e Breda al 72': dentro Cocco per Rodriguez, Diaw prende il posto di Moscati. Passa al 4-3-3 Breda che alza il tiro, ma ancora Vitale va vicino al gol, di nuovo il suo sinistro lambisce il palo! E se il guardalinee grazia il Cesena sul gol annullato a Diaw in fuorigioco, arriva il rasoterra di Catellani dal limite che la mette dove Agliardi non può arrivare al 76'. La reazione è flebile, con un tiraccio di Schiavone che termina nel settore di casa dietro la porta di Iacobucci. La rimonta pare completata per l'Entella che comanda 2-1. Ci prova anche Cocco su invito di Ciano, sinistro troppo strozzato.
Nonostante vengano assegnati tre minuti di recupero, Sacchi di Macerata termina con un minuto d'anticipo la sfida e il Cesena torna a casa a mani vuote.

PAGELLONE
Agazzi 6: spesso indeciso, alterna voli folli tra i pali a vaccate colossali quando mette il naso fuori dall'area piccola. LA SICUREZZA, QUESTA SCONOSCIUTA
Donkor 5,5: preso di mira da Sacchi a ogni contrasto. Il giallo su fallo tattico lo condiziona e Camplone lo toglie senza pensarci. VIDEOSOREGLIATO
Capelli 6: il capitano non delude. La prestazione sufficiente viene rovinata da errori che non lo riguardano. ESENTE DA COLPE
Perticone 6: tiene bene la posizione nonostante qualche intervento non del tutto perfetti. L'intesa con Capelli è uno dei pochi punti di forza del Cesena. TENIAMOCELO STRETTO
Di Roberto 6: corridore nato, crossatore voglioso. Giocatore di quantità più che di qualità, il ritorno in panca al posto di Balzano è cosa certa. VESPA 50
Crimi 6: gol e buoni interventi lo mettono in evidenza a inizio match. Perde un paio di contrasti ma è l'unico a mettere il cuore nel reparto. LUPO SOLITARIO
Schiavone 5: regista, piedi buoni, visione di gioco. Tutto questo non rientra nelle sue doti. IL CLASSICO BUONISSIMO GIOCATORE CHE ARRIVA DALLA JUVENTUS
Vitale 5: mina vagante del centrocampo bianconero, nel primo tempo non azzecca una giocata. Due conclusioni dal limite nella ripresa non bastano a migliorarli la giornata. COMPITINO
Renzetti 5,5: prestazione in linea con quella dell'opposto Di Roberto. Rovina tutto con il fallo (netto) che regala il pari ligure dal dischetto. TIENI GIÙ LE MANI!
Ciano 5,5: dovrebbe essere l'uomo di riferimento dell'attacco bianconero. Ci prova ma nel finale si perde in giocate inutili e mal recapitate ai compagni. INDIRIZZO ERRATO
Rodriguez 5,5: l'avvio è promettente, cerca spesso appoggi e tagli. Tutto molto bene, magari ogni tanto si può anche chiedere un pallone dal calciare in porta. L'ATTACCANTE DEVE ATTACCARE
Agliardi 6: prende gol sull'unico vero tiro regolare dell'Entella nella ripresa. Sicuro negli interventi fuori dai pali. A MEZZO SERVIZIO
Ligi 5: ennesimo errore di gioco banalissimo e altro risultato buttato al vento. Non ci piace puntare il dito ma questa volta ci assumiamo l'ingrato compito. TU, SEMPRE TU...
Cocco 5,5: una sola occasione, ovvero quella più limpida di tutto il secondo tempo: pescato benissimo in area, calcia fuori. POTEVA ANDARE DECISAMENTE MEGLIO

Camplone 5,5: dura pretendere grandi prestazioni da questa squadra, l'aggravante delle assenze non deve essere una scusa per la prestazione odierna. Non si è fatto nulla per proteggere o migliorare prima il vantaggio e poi il pareggio. Sconfitta meritata.

Gradinata Sud Entella 5: un solo striscione e qualche bandiera sventolante nel settore di casa con poco più di 100 persone. Un po' meglio va nei distinti e in tribuna ma i canti lasciano a desiderare. A fine della fiera la gioia è tutta loro per la corsa play-off.

Settore Ospiti Cesena 6: circa 150 tifosi in Liguria per una delle trasferte più difficoltose della stagione. Tante pezze esposte: Sant'Egidio, Nord Italia, Coordinamento, 051, Tartari, Viking, Senza Paura, San Mauro Mare, FZL. A nulla serve il loro supporto per l'ennesimo tracollo.

INTERVISTE POST PARTITA
Andrea Camplone
"Abbiamo smesso di giocare quando siamo passati in vantaggio, in questo modo l'Entella è riuscita a recuperare. Nel secondo tempo alcune azioni da rete non sono state finalizzate mentre loro hanno segnato con un solo tiro.
Avremmo dovuto gestire la partita, sapevamo di giocare in un campo difficile e, senza cattiveria, ne esci male. I tifosi hanno ragione di lamentarsi, quando si perde è normale ricevere delle critiche.
Ora dobbiamo stare attenti a chi è dietro di noi, Ternana e Trapani rischiano tutto per fare punti: questa mentalità manca invece al Cesena.

Roberto Breda
"Abbiamo cominciato male andando subito in svantaggio, nel primo tempo la nostra partita è stata molto intensa per provare a riportare il punteggio in parità.
Mi è piaciuto come i ragazzi si siano sacrificati per arrivare fino alla vittoria, abbiamo sofferto per raccogliere questa importante vittoria.
In avvio di match il nostro gioco è stato più aggressivo e fisico perché non volevamo restare sotto, dopo l'intervallo invece ci siamo mossi diversamente cercando di andare a colpire in contropiede mettendo da parte alcuni aspetti tattici di attacco".

3 commenti:

  1. Ligi alla regola.

    RispondiElimina
  2. Neanche sapete che Schiavone non è in prestito.
    Fate anche le pagelle, quindi ne dovreste sapere a pacchi. Andate allo stadio a vedere la partita, al posto di riportare cose ascoltate tramite tam tam da osteria.
    Non vi piace puntare il dito?
    Ma se fate sempre e solo quello.
    Siete dei poveretti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendiamo atto dell'errore, ce ne scusiamo e abbiamo corretto... e ti assicuriamo che non puntiamo il dito contro qualcuno per antipatia.

      Elimina

Commenti recenti

Design by NewWpThemes | Blogger Theme by Lasantha